martedì, Ottobre 26, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareFruitimprese: torna a correre l’export di frutta nonostante i danni del clima

Fruitimprese: torna a correre l’export di frutta nonostante i danni del clima

Recupera in quantità e valore l’export ortofrutticolo nel primo semestre dell’anno. Il raffronto con i primi sei mesi del 2020, nelle elaborazioni Fruitimprese su dati Istat, porta il controvalore a 2,6 miliardi di euro (+13,9%) e le quantità a 1,8 milioni di tonnellate (+10%). L’import cala in valore (-9,5%) e in quantità (-8,1%) e i saldi – segnala l’Associazione che riunisce le imprese ortofrutticole italiane – tornano tutti positivi: in valore (635 milioni euro) e in quantità (12.735 tonnellate).

Il trend in ripresa riguarda sia la frutta fresca +16,5% (oltre 1,1 miliardi euro) sia la frutta secca +37,3% (oltre 317 milioni euro). I prodotti campioni di export sono le mele per un controvalore di quasi 522 milioni euro (+15,45%), i kiwi (quasi 277 milioni euro +18,34%), le pere (quasi 64 milioni euro +46,80%).

Loading…

Registrato un exploit delle nocciole sgusciate: +126% per 155,5 milioni euro. Buono il trend dell’avocado con quasi il 49% in più e un controvalore di oltre 49 milioni euro. La tendenza positiva viene confermata anche dal raffronto col primo semestre del 2019, cioè l’anno pre-pandemia: in questo caso il raffronto con l’export del 2019 segna una crescita del 22,6%.

«I dati – commenta il presidente di Fruitimprese, Marco Salvi – confermano un commercio internazionale in buona ripresa quest’anno, con le nostre imprese molto attive e dinamiche e presenti su tutti i mercati di riferimento. Si registra con piacere un saldo positivo nell’import anche in quantità mentre il valore dell’export su base annua dovrebbe superare i 5 miliardi euro, quindi un livello importante, che conferma il secondo posto nella classifica del food nazionale».

«Il gap col nostro principale competitor, la Spagna, si allarga sempre più – continua Salvi – a conferma di una perdita di competitività che abbiamo recentemente rappresentato al ministro Patuanelli. Abbiamo un costo del lavoro più alto dei nostri competitor cui si aggiunge una crescente difficoltà a reperire manodopera sia per le operazioni di raccolta in campagna sia nei nostri magazzini di lavorazione. La manodopera straniera trova all’estero migliori condizioni di lavoro e le imprese minori problemi burocratici. La conseguenza è che calano le rese produttive mentre i costi di raccolta e confezionamento aumentano».

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews