sabato, Settembre 25, 2021
Disponibile su Google Play
HomeScienza13 settembre, Giornata mondiale per la lotta alla sepsi

13 settembre, Giornata mondiale per la lotta alla sepsi

Il 13 settembre si celebra il World Sepsis Day, la Giornata mondiale per la lotta alla sepsi, che quest’anno festeggia dieci anni dalla prima edizione. La sepsi, condizione clinica di cui si parla ancora troppo poco, è una delle principali cause di morte al mondo, e, secondo uno studio del 2020, nel 2017 ha causato la morte di 11 milioni di persone, pari a circa il 20% dei decessi in tutto il mondo. La sepsi è definita come «una risposta non controllata a un’infezione da parte dell’organismo ospite, che porta a una disfunzione d’organo acuta»: si verifica quando le tossine prodotte da alcuni batteri inducono le cellule dell’organismo a rilasciare le citochine, piccole molecole di natura proteica che normalmente aiutano il sistema immunitario a combattere l’infezione ma, quando vengono rilasciate in modo incontrollato (scatenando la cosiddetta tempesta di citochine), possono peggiorarla.

«Ogni 2,8 secondi nel mondo qualcuno muore di sepsi», dice il video ufficiale del World Sepsis Day 2020, che sottolinea come oltre l’80% delle infezioni che portano alla sepsi vengono contratte fuori dall’ospedale. La maggior parte delle infezioni, anche quelle virali come la covid, può causare la sepsi: secondo quanto riporta il sito del Ministero della Salute, circa il 20% dei pazienti affetti da CoViD-19 sviluppano complicanze come sepsi o disfunzione d’organo multipla. «I più a rischio sono le persone con un sistema immunitario indebolito, gli adulti sopra i 60 anni, i bambini, le persone affette da patologie croniche ai polmoni o al cuore, i malati di diabete o di AIDS», continua il narratore del video .

Neonati e mamme. La sepsi è anche una delle principali cause di morte per donne incinte e neonati: secondo la letteratura scientifica, circa il 15% delle morti neonatali nel mondo sono dovute alla sepsi. Secondo uno studio condotto in collaborazione tra la Global maternal and neonatal Sepsis Initiative (GLOSS) e l’Italian Obstetric Surveillance System (ITOSS), tra il 2006 e il 2012 la mortalità materna per sepsi sarebbe stata pari allo 0,2 per 100.000 bambini nati vivi in otto regioni italiane, dove si registrano il 73% dei nati nel Paese.

Come combatterla. «La sepsi è la causa di morte più prevenibile al mondo», afferma il narratore del video : ma qual è il modo migliore per prevenirla? Innanzi tutto prevenire le infezioni che la causano, vaccinandosi e adottando le misure igieniche basilari per proteggersi da virus e batteri. Se la prevenzione non basta e un’infezione ha già scatenato la sepsi, diventa fondamentale eseguire una diagnosi tempestiva e curare l’infezione con gli antibiotici.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews