giovedì, Settembre 16, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutail nuovo mondo di Mark Zuckerberg

il nuovo mondo di Mark Zuckerberg

Se Facebook fosse un essere umano, dove si troverebbe attualmente? Probabilmente dietro le sbarre… per molto tempo. Le trasgressioni compiute dall’azienda sono troppe per essere elencate. Ma Facebook non è umano; è un’azienda, e per giunta molto redditizia. In effetti, attualmente è una delle aziende più redditizie al mondo. La capitalizzazione di mercato di Facebook ha recentemente superato la soglia dei mille miliardi di dollari.

Quando pensiamo a Facebook, più specificamente a Facebook Inc., tendiamo a pensare a una piattaforma social un po’ datata. Tuttavia, è importante ricordare che questa idra a più teste è un conglomerato che possiede 78 società diverse, tra cui WhatsApp e Instagram. In altre parole, Facebook è molto più che video di gatti e teorie del complotto. Guidata da Mark Zuckerberg, Facebook Inc. è una macchina ben oliata. Il suo potere è innegabile e tende a crescere giorno dopo giorno. Come recentemente riportato dalla rivista Fortune:

“Facebook, a quanto pare, non può essere danneggiato, né dai principali acquirenti di annunci che boicottano il suo servizio, né dalle indagini statali e federali, e nemmeno da una pandemia”.

La pandemia di COVID-19 potrebbe aver messo in ginocchio il mondo, ma Mark Zuckerberg, CEO di Facebook, non ne ha avvertito gli effetti. L’anno scorso aveva un misero patrimonio netto di 82 miliardi di dollari; oggi supera i 130 miliardi. Ora, con Zuckerberg che tenta di creare il suo metaverso, il valore dell’azienda – e di conseguenza il suo potere – è destinato ad aumentare considerevolmente.

Il metaverso

Prima di discutere del metaverso, è importante porsi una domanda importante: che diavolo è il metaverso!? Una fusione delle parole “meta”, che significa “oltre”, e “universo”, il metaverso combina elementi del mondo fisico e li fonde con spazi virtuali. È stato lo scrittore e autore americano Neal Stephenson, nel 1992, a coniare il termine. Tre decenni dopo, non più confinato ai regni della fantascienza, il metaverso è quasi alle porte.

In questo nuovo mondo sterminato, i confini tra realtà fisica e domini digitali diventeranno sempre più sfocati. I token non fungibili (NFT) e le criptovalute fanno già parte dell’esperienza “metaversale”, ma andando oltre, nel metaverso vero e proprio, saranno collegati con te, l’utente finale. Sebbene attualmente viviamo, comunichiamo e facciamo acquisti su Internet, una volta che il metaverso nascerà, vivremo le nostre vite in Internet. Elon Musk vuole portarci su Marte. Zuckerberg, d’altro canto, vuole collocarci su Internet. Letteralmente.

In una recente intervista a The Verge, Zuckerberg ha descritto il metaverso come un “internet incarnato, in cui invece di limitarsi a visualizzare i contenuti, ci sei dentro”. Saremo inquilini nella dimora in continua espansione di Zuckerberg. L’affitto sarà pagato sotto forma di dati. Questo non è un pensiero confortante. Come sottolineato da Toby Tremayne di Wired, le aziende Big Tech come Facebook sono “diventate giardini recintati sempre più centralizzati e controllati dagli interessi aziendali”. Facebook già “possiede WhatsApp, Instagram e Oculus”, che dà loro “la proprietà dei nostri amici, del nostro comportamento, delle nostre inclinazioni, del movimento degli occhi e dello stato emotivo”. Presto, se il piano di Zuckerberg avrà successo, Facebook Inc. avrà un controllo ancora maggiore sulle nostre vite. Questo, secondo me, non dovrebbe confortare nessuno… tranne che Zuckerberg.

Per accedere al metaverso, saranno richiesti dati biometrici. Scansioni oculari, registrazioni vocali, pulsazioni, ecc. Tutte queste informazioni verranno raccolte da Facebook Inc. Cosa verrà fatto con questi dati? Considerando che Facebook ha una sordida storia di violazioni dei dati degli utenti, è una domanda importante da porsi. Quali leggi, se ce ne saranno, si applicheranno nel metaverso? Se il mio avatar ruba una risorsa, come un’opera d’arte digitale, potrò essere punito? Cosa succede se vivo in Canada ma la mia vittima vive in Cambogia? Se pensi che il mondo delle criptovalute abbia i suoi problemi con il crimine, e li ha, immagina i problemi che il metaverso ci presenterà. Pensa a Grand Theft Auto mescolato a scene di vita reale in Haiti o in Sud Africa. Possiamo fidarci della sorveglianza del metaverso da parte di Facebook? Ovviamente no. Ma in fondo, di chi possiamo fidarci per sorvegliare l’ignoto? Dei governi mondiali? Non scherziamo.

Per questo pezzo ho contattato Matthew Ball, una sorta di guru del metaverso. Il venture capitalist, futurista e veterano della Silicon Valley combinati in uno, mi ha confidato:

“La premessa stessa del metaverso significa che le nostre stesse vite saranno online, piuttosto che solo i dati”.

Per quanto riguarda le nostre economie, “funzioneranno virtualmente piuttosto che essere semplicemente potenziate digitalmente (ad esempio tramite e-mail, e-commerce, ecc.)”. Il trasferimento nel metaverso, avverte Ball, intensificherà “molti rischi attuali, come quelli di disinformazione, sicurezza dei dati, diritti dei dati (es. portabilità, diritto all’oblio, divulgazione), nonché i rischi del controllo della piattaforma (es. La proprietà di Apple degli standard della distribuzione e della fatturazione delle app).” Ciò a cui stiamo assistendo è una sorta di evoluzione digitale. Internet ha cambiato il modo in cui otteniamo informazioni, forniamo servizi e viviamo esperienze online. Ma il metaverso, attraverso occhiali, cuffie e sensori tattili, rivoluzionerà il significato di essere umani. In sostanza, il metaverso ci porterà in un luogo completamente sconosciuto. La domanda che dobbiamo porci ora, però, è: dovrebbe essere Facebook l’azienda che ci porterà lì?

I punti di vista, i pensieri e le opinioni qui espressi sono esclusivamente dell’autore e non riflettono o rappresentano necessariamente quelli di Cointelegraph.

John Mac Ghlionn è un ricercatore e opinionista culturale. I suoi lavori sono stati pubblicati da testate del calibro del The New York Post, The Spectator, The Sydney Morning Herald e National Review.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews