mercoledì, Ottobre 20, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaIl bug di OpenSea distrugge almeno 42 NFT

Il bug di OpenSea distrugge almeno 42 NFT

Oltre 21 transazioni da 30 account sono stati colpiti dal bug

OpenSea, il mercato peer-to-peer di token non fungibili (NFT) e oggetti da collezione, è stato infettato da un bug di sistema interno che ha portato alla cancellazione di NFT di proprietà dell’utente per un valore di 28,44 ETH. L’unicorno crypto che ha recentemente raccolto $100 milioni tramite crowdfunding ad agosto è il più grande consumatore di commissioni per il gas di Ethereum.

Il problema è emerso quando Nick Johnson, uno sviluppatore capo dell’Ethereum Name Service (ENS), ha tentato di trasferire un NFT del primo ENS, rilxxlir.eth, da un account ENS a un account personale.

Tuttavia, invece di eseguire la richiesta, la piattaforma OpenSea ha trasferito l’NFT su quello che attualmente si ritiene essere un account di masterizzazione.

Johnson è andato su Twitter per condividere la sua esperienza e ha rivelato che la proprietà di rilxxlir.eth è ora definitivamente bruciata. “Sono andato su OpenSea, ho premuto ‘trasferimento’ e ho inserito ‘nick.eth’. Pochi istanti dopo, transazione completata! rilxxlir.eth trasferito su 0x0000…0000edd899b”, ha spiegato lo sviluppatore.

Sebbene l’NFT non avesse alcun valore monetario, il trasferimento è stato avviato da Johnson per facilitare l’offerta dell’NFT storico nel prossimo round di trading di PaperClipDAO a causa del suo valore come primo e più lungo nome ENS continuamente registrato.

Il bug ha interessato tutti i trasferimenti ERC-721 ai nomi ENS e potrebbe aver provocato la masterizzazione di NFT insostituibili.

Mentre inizialmente si credeva che Johnson fosse l’unica vittima di un bug che è stato introdotto nella pagina di trasferimento di OpenSea circa 24 ore fa, ora è noto che sono state interessate oltre 21 transazioni da 30 account diversi. Un totale di almeno 42 NFT del valore di oltre $100.000 sono stati bruciati a causa del bug.

Rispondendo all’evento, OpenSea ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava: “Abbiamo raggiunto il piccolo numero di utenti interessati dal problema ieri in cui l’invio di un NFT a un nome ENS lo ha inviato alla versione codificata del testo letterale (ad es. “OS.eth”) invece dell’indirizzo associato.”

Ora è stato corretto, ha confermato OpenSea.

Gli utenti hanno chiesto di sapere come la piattaforma li avrebbe compensati per le loro perdite, anche se OpenSea non ha ancora rilasciato alcuna dichiarazione ufficiale al riguardo.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews