lunedì, Novembre 29, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMisteroLe piramidi formano una rete di comunicazione intergalattica

Le piramidi formano una rete di comunicazione intergalattica

I ricercatori del complesso piramidale in Bosnia hanno fatto diverse scoperte sorprendenti, che ricordano la recente scoperta delle onde stazionarie, una forma di energia libera descritta da Nikola Tesla che potrebbe costituire il fondamento stesso di un “internet cosmico” che collega luoghi altrimenti remoti in la galassia.

Le piramidi sono considerate luoghi di sepoltura sacri in cui i grandi sovrani venivano deposti e preparati per il loro sonno finale. Non c’è applicabilità quando si parla di questi magnifici monumenti che sono sparsi in tutto il mondo, tranne per i numerosi simboli che puntano con precisione verso varie regioni ed eventi cosmici.

Metti Mi piace su anomalien.com su Facebook

Per rimanere in contatto e ricevere le nostre ultime notizie

Mentre alcuni storici ed esperti erano fiduciosi con l’idea di cui sopra, altri decisero di seguire una strada impegnativa che alla fine avrebbe svelato il vero significato delle piramidi, se ne esisteva davvero uno.

Concentreremo la nostra attenzione sul Dr. Semir Osmanagich, un ricercatore bosniaco che ha studiato queste complesse eredità lasciate dai nostri antenati per più di 25 anni. Se il suo nome non ti suona un campanello, potresti conoscerlo come lo scopritore delle piramidi bosniache, un antico sito dell’Europa orientale risalente a decine di migliaia di anni.

Dalla primavera del 2005, quando sono state trovate queste grandiose strutture, il Dr. Osmanagich ha fatto molte altre scoperte sbalorditive che sembrano contraddire il paradigma stabilito a vari livelli.

Gli scavi erano iniziati nel 2006 e, dopo più di 10 anni di scavi, il sito è diventato il più attivo al mondo dal punto di vista archeologico. Questo progetto senza scopo di lucro riunisce ogni anno centinaia di volontari e numerosi esperti provenienti da vari settori perché l’esplorazione di queste antiche vestigia offre spunti che sconvolgono la storia. Evidenziamo alcuni di loro:

1. Le piramidi della cittadina di Visoko, in Bosnia, sono i primi monumenti di questo tipo rinvenuti in Europa. Ciò non rappresenta una sorpresa, ma piuttosto un’aggiunta a un capitolo di storia a noi finora sconosciuto, in una parte del mondo nota per essere stata governata da un misterioso [Vinča] civiltà con un sistema di scrittura cuneiforme precedente a quello dei Sumeri.

2. Queste piramidi sono “le più grandi, le più grandi del pianeta”, secondo il dott. Osmanagich. La “Piramide del Sole”, che è la più grande delle tre, si estende per circa 360 metri sul lato orientale, e per 220 metri sul lato settentrionale dove incontra le colline.

3. È risaputo che le piramidi in tutto il mondo non sono state messe in atto solo casualmente, ma una serie di fattori chiave è stata presa in considerazione prima che fossero erette. Il complesso delle piramidi bosniache non fa eccezione, poiché il loro orientamento verso i punti cardinali è estremamente preciso, con tutti e quattro gli angoli rivolti in tutte e quattro le direzioni cardinali.

4. Al di sotto del denso strato di suolo e vegetazione, i ricercatori si sono imbattuti in solidi blocchi di cemento che costituiscono il corpo delle piramidi, tra cui notevoli opere in pietra. Recenti scansioni laser hanno rivelato che queste strutture erano piramidi a gradoni in tempi remoti, prima che fossero ricoperte dalla vegetazione.

5. I ricercatori hanno raccolto campioni organici da sotto le sezioni di cemento per determinare l’età dei monumenti. I risultati hanno mostrato un’età sbalorditiva di non meno di 34.000 anni. È più di quanto l’immaginazione di alcune persone possa allungare, e rende le piramidi bosniache le più antiche del mondo.

6. Gli scavi hanno portato il team di archeologi a una rete di tunnel preistorici che si estende per decine di chilometri sotto l’area di Visoko, formando un vero e proprio antico labirinto sotterraneo in attesa di essere esplorato.

7. All’interno dei tunnel, gli archeologi hanno scoperto insoliti “monoliti” artificiali fatti di ceramica che sono stati posti su piedistalli, dimostrando così che i nostri antenati erano abili artigiani con un’ingegnosità che superava la nostra logica e comprensione moderna.

Con tutte queste scoperte rivoluzionarie a portata di mano, il Dr. Osmanagich e il suo team stanno ora cercando di incastrare i pezzi del puzzle per chiarire alla fine il vero ruolo delle piramidi.

Sono stati fatti molti progressi dalla scoperta iniziale nel 2005 e, sebbene tutti i dettagli sopra menzionati meritino una descrizione più approfondita, mi concentrerò prima su quella che sembra, almeno a me, la più grande scoperta finora fatta sul sito.

Una forma di Internet cosmica rilevata nel complesso delle piramidi bosniache

Durante la scansione del perimetro dei monumenti alla ricerca di anomalie, i ricercatori hanno rilevato alcune onde insolite descritte dallo stesso Nikola Tesla. Sono chiamate onde scalari, o onde stazionarie, e si ritiene che viaggino a una velocità di miliardi di tempo (sebbene questo aspetto sia discutibile) più veloce della velocità della luce.

Queste onde non sono influenzate dalla radiazione cosmica o da qualsiasi altra massa cosmica. Per questo è stata coniata l’idea di “internet cosmica”, che si riferisce a una rete intergalattica che consente di comunicare in un istante tra luoghi estremamente distanti della galassia, in modo simile a come funziona Internet sul nostro pianeta , ma a un livello più ampio.

“Per molti altri ricercatori, tra cui il più importante è Nikola Tesla, le onde scalari o onde stazionarie, create nell’interazione del campo di torsione, viaggiano a una velocità maggiore di quella della luce”, ha affermato il dott. Semir Osmanagich.

“Si stima che sia 10 miliardi di volte più veloce di quella della luce. In tal modo, i campi di torsione possono muoversi attraverso qualsiasi corpo cosmico (pianeta, sole) senza sprecare energia.

“Ciò significa che sono in grado di viaggiare a grande velocità, trasferire informazioni ed energia e che non c’è perdita di quantità di informazioni. L’ideale è avere alle due estremità due produttori (generatori) dell’energia che comunicano reciprocamente attraverso il campo di torsione di Tesla (onde). Il trasferimento delle informazioni è quasi istantaneo tra due parti distanti del Cosmo e l’informazione non perde la sua qualità durante il trasferimento.“

E da qui in poi il mistero si infittisce ulteriormente. Quando Goran Marianovic, un ingegnere elettrico bosniaco, ha raggiunto il sito di Visoko, non sapeva cosa aspettarsi. Caricato con l’attrezzatura, ha iniziato a fare misurazioni in tutta l’area per vedere se poteva rilevare qualche forma di energia.

È rimasto sorpreso quando il suo dispositivo ha rilevato un debole segnale identificato come onde scalari, noto anche nella dottrina UFO/cospirazione come “energia di punto zero”, proprio in cima alla Piramide del Sole. L’idea che ruota attorno a queste onde si riferisce ad esse come mezzo di comunicazione tra luoghi lontani della galassia.

Le onde scalari si propagano dal centro della galassia e le informazioni codificate vengono raccolte dal nostro DNA che agisce come un'”antenna cosmica”. o ricevitore.

Poiché questa tecnologia si basa su onde scalari, che sono più veloci oltre i nostri sogni più sfrenati, le informazioni trasmesse raggiungono da un angolo all’altro della galassia in un batter d’occhio, in modo simile a come funziona Internet, ma su scala planetaria .

Ma quale sarebbe stata l’utilità di questa tecnologia ultra avanzata per i nostri antenati se non avessero avuto strumenti per comunicare, potresti chiedere? Ed è qui che abbiamo sbattuto contro un muro di mattoni.

Il divario tra la storia attestata degli “umani moderni” e la storia alternativa e intuitiva si estende per decine di migliaia di anni. È difficile affrontare questo enorme divario temporale che collega due forme di società avanzate separate da millenni di esistenza.

Sebbene la nostra cultura attesti la “società moderna” solo su questa estremità della linea, le prove fornite dal Dr. Sam Osmanagich e da numerosi altri importanti ricercatori rivelano una realtà diversa in cui i popoli antichi e avanzati hanno prosperato su questa terra nell’antichità.

Secondo gli studi effettuati nel sito di Visoko, gli antichi usavano le piramidi come mezzo di comunicazione intergalattica. Lo hanno fatto proiettando telepaticamente informazioni nelle onde scalari che venivano trasmesse attraverso enormi cappucci di cristallo installati in cima alle piramidi.

Si ritiene ora che le piramidi facessero parte di un’enorme rete di comunicazione e che tali monumenti si trovino su tutti i corpi celesti in cui si sono sviluppate ed evolute specie avanzate.

Questa tecnologia logora è ancora un mistero per noi, ma viene lentamente decifrata con l’avanzare del tempo.

Scoperte rivoluzionarie come quelle del complesso delle piramidi bosniache portano allo scoperto le conquiste degli antichi che contrastano l’idea concordata dei primitivi abitanti della terra che avevano vagato per la terra prima dell’ultima era glaciale. Infatti, quelle istituzioni che dettano la nostra storia temono le spiegazioni e le revisioni che dovrebbero fare se dovessero incollare i pezzi di storia accettati oggi alla realtà attuale da tempi remoti.

Fortunatamente siamo liberi (per ora) di esplorare e comprendere la complessa e ricca eredità lasciata dai nostri antenati. Se questo porterà un cambiamento su scala globale, dobbiamo ancora scoprirlo, ma una cosa è certa: gli anni a venire forniranno un enorme balzo in avanti nella comprensione del nostro ruolo su questa terra e dell’intricata condizione umana.

Riferimenti: radiosarajevo.ba, www.ancient-code.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews