lunedì, Novembre 29, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMisteroI giganti erano responsabili dell'erezione delle colline del cioccolato nelle Filippine?

I giganti erano responsabili dell’erezione delle colline del cioccolato nelle Filippine?

Le Chocolate Hills nelle Filippine sono una delle principali attrazioni turistiche del paese a causa della loro natura inspiegabile, della forma e di altri fantastici miti che le circondano.

Le Chocolate Hills di Bohol sono gigantesche colline di talpa ricoperte di erba verde che diventa marrone quando arriva la stagione secca. Sono composti da calcare che è stato corroso dall’acqua piovana nel corso degli anni e gli esperti li hanno etichettati come formazione geologica, anche se ammettono di non capire chiaramente come si sono formati.

Metti Mi piace su anomalien.com su Facebook

Per rimanere in contatto e ricevere le nostre ultime notizie

Il loro numero varia tra 1.269 e 1.776, perché non è stato ancora effettuato un sondaggio dettagliato. Le colline a forma di cono differiscono per dimensioni da 98 piedi (30 metri) a 160 piedi (50 metri) di altezza, con la formazione più grande di 390 piedi (120 metri) di altezza.

Poiché si ritiene che l’acqua piovana sia il principale agente di formazione, gli esperti presumono che sotto queste colline a forma di cono esistano una serie di fiumi sotterranei e caverne. Questo sistema sotterraneo si estende ogni anno a causa della dissoluzione del calcare con l’acqua piovana.

Le Chocolate Hills sono considerate una delle sette meraviglie naturali dell’Asia e sono persino presenti sulla bandiera della provincia di Bohol. Trattandosi di un’enorme attrazione turistica, le autorità si prendono molta cura di loro e complicano la situazione per qualsiasi archeologo disposto a scavare oltre le convenienti spiegazioni offerte dai cosiddetti esperti.

Ci sono state varie teorie cospirative che coinvolgono le Chocolate Hills che circolano su Internet. Il più importante di essi ruota attorno alla loro forma a cupola o piramidale, che allude ulteriormente alla loro natura artificiale.

Poiché non sono stati condotti esami pertinenti, la gente si è chiesta se le colline non siano in realtà il prodotto degli umani o di altri esseri mitologici.

Se guardiamo alle leggende filippine, tutte parlano di giganti che hanno iniziato un grande duello di massi e si sono dimenticati di ripulire il disordine, o un altro gigante che ha pianto la sua amante mortale dopo la sua morte, e le sue lacrime si sono asciugate e hanno formato le colline di cioccolato .

Sebbene questi siano solo racconti folcloristici, parlano tutti di giganti che alla fine hanno dato origine a queste insolite formazioni. Quindi cosa potrebbe effettivamente risiedere sotto questi enormi formicai?

Secondo un’ipotesi, potrebbero essere tumuli funerari degli antichi governanti defunti di questa zona. L’Asia è un luogo costellato di piramidi, tumuli funerari e imponenti opere d’arte funeraria come i guerrieri di terracotta sepolti insieme a Qin Shi Huang, il primo imperatore della Cina.

Ma perché le Filippine non dovrebbero voler portare alla luce un patrimonio così lussureggiante se fosse davvero così?

Una possibile risposta è che ciò che risiede al di sotto di questi tumuli non sarebbe descritto con facilità dalla nostra comprensione moderna, almeno non senza ripensare a gran parte della storia.

Il contenuto delle Chocolate Hills, se dimostrato di esistere, potrebbe coinvolgere qualsiasi cosa, dai resti di esseri ultraterreni ad antichi sovrani sconosciuti, o persino tecnologia avanzata.

Se una tale scoperta fosse portata alla luce da sotto le Chocolate Hills, i poteri che ci governano non vorrebbero che il pubblico lo scoprisse. Considerando le dimensioni di questo sito e il considerevole numero di turisti che lo visitano quotidianamente, non ci sarebbe possibilità che un simile ritrovamento passi inosservato.

Una seconda ipotesi di più buon senso descrive le Chocolate Hills come formazioni naturali, ma non dovute all’acqua piovana, bensì a causa dell’aumentata attività geotermica estratta dai vulcani attivi della zona. Dopotutto, le Filippine si trovano nell'”Anello di fuoco”, la regione più sismicamente attiva del mondo.

Prima che vengano eseguiti ulteriori scavi, potremmo non conoscerne le origini con certezza. Fino a quel momento, possiamo solo indovinare su questo argomento. Allora, cosa pensi che sia il caso? Fatto dall’uomo? L’opera d’arte di un gigante? O forse i vulcani hanno creato un capolavoro che deve ancora essere compreso dalla mente umana acerba?

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews