domenica, Novembre 28, 2021
Disponibile su Google Play
HomeGossipGià l'uomo di Neanderthal conosceva il contouring, lo rivela un nuovo libro

Già l’uomo di Neanderthal conosceva il contouring, lo rivela un nuovo libro

Un nuovo libro scritto dal giornalista coreano David Yi, noto sui social come @seoulcialite, ha appena pubblicato un libro che parla di quanto la storia del grooming e della routine di bellezza degli uomini sia poco documentata a causa di pregiudizi culturali. Il libro si intitola Pretty Boys: Legendary Icons Who Redefined Beauty and How to Glow Up, Too e l’autore è anche il fondatore di un sito web di skincare inclusivo che si chiama Very Good Light.

Secondo l’autore, intervistato da The Guardian: «Per secoli parlare delle preferenze cosmetiche o delle ben note regole estetiche dei re significava affermare che fossero effeminati e quindi meno potenti».

La storia in pratica avrebbe omesso di riprendere una serie di rituali di bellezza dei leader e dei comandanti nell’obiettivo di imporre un filtro moderno ed eteronormativo al passato, per far affermare la convinzione che l’eterosessualità fosse l’unico orientamento sessuale.

Yi chiarisce: «Molti storici temono che gli uomini che abbiamo studiato e venerato verrebbero spogliati della loro dignità o considerati meno potenti se si scoprisse che indossavano make-up e avevano una passione per la cura estetica».

Nel suo libro oltre a parlare dei nuovi pionieri della bellezza maschile, dall’attore Billy Porter, al make-up artist Patrick Starrr, David Yi rivela scioccanti segreti della storia della bellezza e del make-up prima che il mito esplodesse con David Bowie e l’estetica di Ziggy Stardust.

Sembra che già ai tempi dell’uomo di Neanderthal, secondo quanto rivelato da un archeologo dell’Università di Bristol, il prof João Zilhão, gli uomini usassero pirite e pietre luccicanti per esaltare i loro lineamenti e utilizzassero una forma rudimentale di fondotinta.

Anche i Vichinghi avevano un’ossessione per la bellezza, erano veri e propri beauty boys, tanto da usare spazzole specifiche per capelli e barba fatte di ossa, legno, avorio e corna e ammorbidivano i peli facciali con shampoo ricchi di oli, grasso di capra e cenere di frassino.

Finché non arrivò l’era più buia, quella del periodo vittoriano, con il Criminal Law Amendment Act del 1885 che impose «una sentenza ai lavori forzati e frustate se gli uomini venivano trovati con cosmetici sul corpo». Così ogni forma di divertimento fu totalmente estirpata alla libertà di espressione.

Oggi, le nuove icone di bellezza maschile stanno riaffermando e recuperando proprio questo libero modo di essere che affonda le sue radici nella storia.

LEGGI ANCHE

Apre a Londra il primo negozio dedicato al make-up maschile

 

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews