domenica, Novembre 28, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieNuovi scontri all'aeroporto di Kabul: morto un militare afghano. I talebani minacciano:...

Nuovi scontri all’aeroporto di Kabul: morto un militare afghano. I talebani minacciano: “Se gli Usa restano, reagiremo”

Kabul si è svegliata stamane con la notizia di un nuovo morto nello scalo della capitale, dopo i 20 registrati negli ultimi otto giorni fra la folla che cerca di fuggire dall’Afghanistan. Questa volta c’è stato però uno scontro a fuoco che ha coinvolto soldati tedeschi: la vittima è un militare afghano. Intanto i leader mondiali si preparano al G7 di emergenza di domani: al centro dei colloqui la data fissata dagli americani per il ritiro – 31 agosto – e la gestione dei flussi migratori.

Afghanistan, chi comanda i talebani e tutto ciò che c’è da sapere sul conflitto

di

Gabriella Colarusso

16 Agosto 2021

Emergency: “Una parte dello staff vuole lasciare il Paese”

“Lo staff di Emergency a Kabul continua a lavorare, ma parte dei collaboratori locali cerca di ottenere il visto per sé e per la famiglia per lasciare l’Afghanistan”, Alberto Zanin ,  coordinatore medico dell’ospedale Emergency nella capitale, racconta che parte dello staff è preoccupato e come tanti cerca un modo di lasciare il Paese. “Nelle ultime 48 ore abbiamo accolto 15 pazienti, venivano dall’aeroporto di Kabul e riportavano lievi ferite da armi da fuoco”, Zanin, durante un briefing su Zoom, racconta che tra le strade della città ci sono checkpoint di soldati armati, ma la situazione è più tranquilla rispetto alle ultime settimane. “Ieri abbiamo incontrato il nuovo responsabile per la salute. Ci ha accolto e garantito la massima cooperazione da parte del nuovo Emirato Islamico”, spiega Zanin. Il Dottor Omar, così si farebbe chiamare, avrebbe assicurato di non essere intenzionato a fermare le operazioni di Emergency in Afghanistan. Nel resto del Paese l’Ong prepara spazi da utilizzare in caso di attacchi e afflusso feriti. Una parte dello staff si è recato nella provincia del Panshir per rendere più ricettiva la struttura in caso di scontri. “Per quanto riguarda i rifornimenti del materiale sanitario e medico per ora non abbiamo problemi, ma abbiamo aumentato di cinque mesi le scorte soprattutto in posti dove occorrono giorni di viaggio”.

Al Qaeda Maghreb si congratula “con gli afghani”

Il gruppo terrorista che va sotto la sigla Aqim (Al Qaeda nel Maghreb islamico), insiemeoperativo nell’Africa sahariana e nel Sahel, si è congratulato con “il popolo afghano”. Lo riporta Wassim Nasr di France24, profondo conoscitore dei gruppi jihadisti. “Aqim ha pubblicato una nota comune con Jnim (altro gruppo terrorista affiliato ad Al Qaeda, ndr) per congratularsi con il popolo afghano. Nessuna menzione esplicita ai talebani, anche se cita il famoso detto del mullah Omar ‘Bush ci ha promesso la sconfitta e la vittoria di Allah. Vedremo chi ha ragione'”.

Parigi, rinviare ritiro oltre la scadenza del 31 agosto

Il governo francese ritiene “necessario” un “rinvio ulteriore” della scadenza del 31 agosto per il ritiro dall’Afghanistan in modo da continuare le evacuazioni dei civili. Lo ha affermato il ministro degli Esteri, Jean-Yves Le Drian, in visita negli Emirati.

#AQIM #JNIM (1/2) issue a common com in congratulation to the Afghan people. No explicit mention of the #Taliban, though the famous say of Mollah Omar « Bush promised us defeat and Allah victory, we will see who’s the most truthful » pic.twitter.com/BUnaq0IfXZ

— Wassim Nasr (@SimNasr) August 23, 2021

Oms: “Bloccati aiuti per 300mila persone”

Mentre il mondo guarda a Kabul, milioni di persone in Afghanistan non ricevono cure mediche a causa della situazione critica allo scalo. La denuncia arriva dall’Organizzazione mondiale della Sanità. “Più di 500 tonnellate di forniture mediche, incluse strumentazioni chirurgiche e kit per malnutrizione, avrebbero dovuto essere consegnate questa settimana. Sono bloccate fuori dal Paese”. Il carico avrebbe dovuto raggiungere i 300mila sfollati degli ultimi due mesi, dall’inizio dell’avanzata dei talebani.

Iran: “Talebani sono il futuro del Paese. Chiediamo dialogo”

“Crediamo che i talebani siano parte del futuro dell’Afghanistan. La posizione dell’Iran sul riconoscimento del futuro governo afghano prevede la formazione di un’amministrazione inclusiva. Sosteniamo un trasferimento pacifico dei poteri a un governo inclusivo”. Lo ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri di Teheran, Saeed Khatibzadeh. “Non c’è una soluzione militare alla questione afghana. L’Iran, come paese fratello, è in contatto con tutte le parti e le ha invitate a negoziare per trovare una soluzione politica”, ha proseguito il portavoce. “La presenza degli Stati Uniti in Afghanistan come Paese invasore è stata un disastro e il loro ritiro indegno. La sinistra eredità degli Stati Uniti sarà una lezione storica per tutti. Le immagini che arrivano dall’Afghanistan sono una vergogna per quelli che si dichiarano promotori dei diritti umani”.

L’aeroporto di Kabul questa mattina

Il video è stato postato dal conduttore di Tolonews, Muslim Shirzad.

Talebani: “Ripresi tre distretti. Nemico sotto assedio”

Rivendicano la riconquista di tre distretti nel Panshir, ultima sacca della resistenza ai militanti. In un tweet il portavoce Zabihullah ha scritto: “I distretti di Bannu, Pul-e-Hisar e Deh Salah di Baghlan sono stati completamente ripuliti dal nemico. Il passo di Salang è aperto e il nemico è sotto assedio nel Panshir. L’Emirato Islamico sta cercando di risolvere il problema attraverso i colloqui”.

Media: “Totali evacuati: almeno 28mila”

Dalla caduta di Kabul, domenica 15 agosto, sono state evacuate almeno 28mila persone. Lo riporta un grafico compilato da Reuters, Afp e Al Jazeera. I numeri per Paese. Usa, 19.500; Gran Bretagna, 3.821; Germania, 2mila; Pakistan, 1.100; Italia, mille; Turchia, 583; Francia, 570; India, 552; Danimarca, 404; Paesi Bassi, 300; Australia, 300; Canada, 294; Spagna, 273; Polonia, 260; Repubblica Ceca, 170; Ucraina, 83; Ungheria, 26; Indonesia, 26; Romania, 14; Giappone, 2.

Kamala Harris: “La nostra priorità: l’evacuazione. Abbiamo tempo per capire”

La vice di Biden ha iniziato il suo tour in Asia: Singapore e Vietnam le tappe. Programmato da tempo, il viaggio arriva però all’apice della tempesta politica dell’Afghanistan che tocca in prima battuta proprio la regione. “Avremo modo di ragionare bene su quanto accaduto. Ora dobbiamo concentrarci sull’evacuazione di americani e afghani che hanno lavorato con noi, incluse donne e bambini”, ha detto Kamala Harris in conferenza stampa.

Spari all’aeroporto: un morto fra i militari afghani. Cnn: “È stato un cecchino”

Scontro a fuoco stamane all’ingresso nord dell’aeroporto di Kabul: un morto e tre feriti. Gli scontri tra le forze afghane e assalitori non identificati hanno visto coinvolti anche soldati tedeschi e americani. La notizia è stata data dalle Forze armate tedesche. Fonti alla Cnn hanno riferito che a uccidere il soldato afghano sarebbe stato un cecchino, identità sconosciuta, fuori dall’aeroporto. Le forze afghane hanno reagito all’attacco sparando ai marines, inavvertitamente, che hanno risposto con colpi di arma da fuoco ferendo 4 persone. I feriti stano bene.

Il 31 agosto: la linea rossa dei talebani

Manca una settimana alla data decisa dall’Amministrazione Biden per il ritiro definitivo delle truppe americane dall’Afghanistan. La situazione drammatica delle evacuazioni apre alla possibilità di prolungare i tempi, contemplata sia da Usa che dalla Nato. “Se gli Stati Uniti o la Gran Bretagna cercheranno di guadagnare tempo per continuare le evacuazioni dall’Afghanistan, ci saranno delle conseguenze”. Lo ha detto Suhail Shaheen, portavoce dei talebani e membro del team di negoziazione del gruppo, in un’intervista a Skynews a Doha. “Il presidente Biden ha annunciato che il 31 agosto avrebbe ritirato tutte le truppe americane. Quindi se estendono il limite significa che stanno estendendo l’occupazione e non ce n’è bisogno”, ha detto, ribadendo che se “l’intenzione è continuare ad occupare” l’Afghanistan “si romperà la fiducia e ci sarà una reazione”.

Diario da Kabul di Alberto Cairo. Quei pazienti che mancano all’appello

di

Alberto Cairo

22 Agosto 2021

Domani si riunisce il G7 virtuale

Il premier britannico Boris Johnson ha annunciato una riunione online del G7 per discutere della risposta alla crisi afghana: “È vitale che la comunità internazionale lavori insieme”, ha detto. Al summit straordinario sotto presidenza britannica, Biden discuterà con gli altri leader “la continuazione del nostro stretto coordinamento sulla politica in Afghanistan e l’evacuazione dei nostri cittadini. Il premier britannico, secondo i media inglesi, dovrebbe chiedere a Biden di mantenere i militari americani oltre la scadenza,

Le parole di Biden

“La nostra priorità assoluta è portare tutti gli americani fuori da Kabul”. Lo ha detto ieri Joe Biden, parlando di “operazione incredibile” in corso. Un’operazione che ha definito “difficile e dolorosa”:  “E’ un dato di fatto, sarebbe stato comunque così  e ho il cuore spezzato per le immagini che arrivano da lì”. I talebani? “Non mi fido di nessuno. Finora hanno mantenuto le promesse” ha risposto il presidente a un giornalista.

La resistenza del Panshir

 “Fonti ci confermano che finora va tutto bene” e che i combattenti della resistenza “sono pronti a mandare i diavoli all’inferno prima che entrino per vedere il Paradiso”. Così l’account twitter Panjshir Province, riconducibile alla resistenza, dopo che i talebani hanno annunciato che “centinaia di mujahiddin” sono diretti verso la valle del Panshir, ultima sacca della resistenza in Afghanistan.

Massud: “Combatto contro i talebani. E non mi arrenderò”

di

Bernard-Henri Lévy

22 Agosto 2021

L’evacuazione Usa con aerei civili

Il Pentagono ha annunciato l’attivazione da parte degli Usa di un “programma di emergenza di aviazione civile” che prevede anche l’aumento delle basi Usa in cui portare i rifugiati afghani. Nel dettaglio, la Casa Bianca ha voluto l’attivazione della Civil Reserve Air Fleet (Craf), creata nel 1952 allo scopo di fornire al Pentagono aerei civili in caso di emergenze, come quella di un ponte aereo per organizzare il quale non basta la disponibilità di aerei militari: 18 voli civili saranno utilizzati per le evacuzioni.

Afghanistan, gli esiliati a Roma: “Il governo italiano aiuti le nostre famiglie a fuggire”

video “>

video /photo/2021/08/21/787366/787366-thumb-rep-210821_manifestazione_comunita_a.jpg” width=”316″ height=”178″/>

 

 

 

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews