sabato, Settembre 25, 2021
Disponibile su Google Play
HomeSportGanna & i suoi fratelli: oro e record del mondo nel ciclismo a...

Ganna & i suoi fratelli: oro e record del mondo nel ciclismo a squadre su pista

Che meraviglia questo quartetto azzurro che diventa d’oro. L’Italia, con questi Signori degli anelli (Filippo Ganna, Jonathan Milan, Simone Consonni e Francesco Lamon), al velodromo olimpico di Izu batte la Danimarca e centra una storica duplice impresa: conquista la medaglia d’oro nell’inseguimento a squadre, la specialità più nobile dei pistard; e abbassa ulteriormente il record del mondo, portandolo a 3’42”032, un battito di ciglia in meno del tempo (3’42”203) dei danesi che in questa prova sono, per ricordarlo, i campioni del mondo.

Due record mondiali in due giorni

Diciamo allora, nel tripudio che accompagna questa ennesima impresa dell’Italia a Tokyo, che il nostro quartetto, guidato da un superbo Filippo Ganna, è allora un quartetto di marziani che snocciola record come fossero bruscolotti. Già contro i neozelandesi, nella semifinale, il treno azzurro l’aveva migliorato portandolo a 3’42”307. Due record del mondo in due giorni! Ma per capire meglio quali progressi siano stati fatti, va ricordato che fino al primo agosto il primato italiano era di ben quattro secondi in più.

Loading…

In pratica, nel percorso tra qualificazione e finale olimpica, siamo cresciuti a un ritmo clamoroso. Qualcosa di impensabile se si pensa che in questa specialità siamo passati, in 5 anni, dal fondo ai vertici delle graduatorie mondiali. Dall’anno zero all’oro delle Olimpiadi. Dalla polvere alle stelle come la nazionale di Mancini all’Europeo. Davvero una bella estate.

E il merito, oltre a Filippo Ganna e agli altri azzurri, va riconosciuto al tecnico Marco Villa, sempre un passo indietro nelle celebrazioni, ma tre passi avanti quando si tratta di lavorare sodo e portare un gruppo ai massimi livelli. Questo risultato non era scontato. Perchè i danesi sono fortissimi e la finale è stata molto combattuta.

La gara

Siamo partiti bene, andando in vantaggio nei primi due giri, ma nel terzo la Danimarca ci aveva già recuperato e sorpassato. Un cambio di marcia che ci ha messo in affanno. Nell’ultimo chilometro eravamo in svantaggio di 8 decimi, una enormità a questi livelli. Ma qui abbiamo innestato il turbo: un super turbo che di nome fa Filippo Ganna e che, quando il gioco si fa estremo, diventa il faro del quartetto. Rosicchiando centesimo dopo centesimo, il nostro gigante ci ha portato in parità coi danesi negli ultimi centro metri: e qui con un ultimo allungo abbiamo incassato quei due decimi che ci mancavano per laurearci campioni olimpici.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews