sabato, Settembre 18, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMisteroStrani portali collegano la Terra al Sole ogni 8 minuti

Strani portali collegano la Terra al Sole ogni 8 minuti

Durante la lettura di questo articolo, accadrà qualcosa in alto sopra la tua testa a cui fino a poco tempo fa molti scienziati non credevano. Si aprirà un portale magnetico che collegherà la Terra con il Sole a una distanza di 150 milioni di chilometri tra loro, riferisce NASA Science.

Tonnellate di particelle ad alta energia passeranno attraverso questa apertura prima che si richiuda, nel momento in cui raggiungi la fine della pagina.

Metti Mi piace su anomalien.com su Facebook

Per rimanere in contatto e ricevere le nostre ultime notizie

Si chiama “evento di trasferimento di flusso” o “FTE”, afferma il fisico spaziale David Seebeck del Goddard Space Flight Center, un importante laboratorio di ricerca della NASA. “Nel 1998 ero sicuro che non esistessero, ma ora le prove sono inconfutabili”.

In effetti, David Seebeck ha dimostrato la loro esistenza e ha presentato queste prove a un incontro internazionale di fisici spaziali in un seminario sul plasma nel 2008 a Huntsville, in Alabama.

In futuro, la NASA ha pienamente confermato che questi portali che collegano il Sole e la Terra appaiono ogni 8 minuti.

I ricercatori hanno da tempo ipotizzato che la Terra e il Sole debbano essere correlati. La magnetosfera terrestre (la bolla magnetica che circonda il nostro pianeta) è piena di particelle ad alta energia provenienti dal Sole che entrano attraverso il vento solare e penetrano nella schermatura magnetica del pianeta.

“Pensavamo che questa connessione fosse permanente e che il vento solare potesse penetrare nello spazio vicino alla Terra ogni volta che è attivo”, afferma Seebeck.

“Ci sbagliavamo. Le connessioni non sono affatto casuali e non dipendono da brillamenti o dalla velocità di flusso delle particelle solari. Questi portali aprono ogni 8 minuti.”

Gli scienziati hanno parlato di come si formano questi portali:

Sul lato diurno della Terra (il lato più vicino al Sole), il campo magnetico terrestre viene premuto contro il campo magnetico solare.

All’incirca ogni otto minuti, questi due campi si fondono brevemente o si “riuniscono”, formando un portale attraverso il quale possono passare le particelle. Il portale ha la forma di un cilindro magnetico della larghezza della Terra.

Quattro veicoli spaziali Cluster dell’ESA e cinque sonde THEMIS della NASA hanno volato attraverso questi cilindri e li hanno circondati, misurandone le dimensioni e registrando le particelle che li attraversavano.

“Esistono”, dice Seebeck.

Ora che Cluster e THEMIS hanno esplorato direttamente i portali, gli scienziati possono utilizzare queste misurazioni per modellare i portali nei loro computer e prevederne il comportamento.

Il fisico spaziale Jimmy Rader dell’Università del New Hampshire ha presentato uno di questi modelli in un seminario. Ha detto ai suoi colleghi che i portali cilindrici di solito si formano sopra l’equatore terrestre e poi passano sopra il polo invernale della Terra:

Dicembre – i portali che collegano il Sole e la Terra passano attraverso il Polo Nord

A luglio, i portali che collegano il Sole e la Terra passano sopra il Polo Sud.

Seebeck crede che: “Penso che ci siano due tipi di questi portali: attivi e passivi”.

I portali attivi sono cilindri magnetici attraverso i quali le particelle passano abbastanza facilmente; sono importanti conduttori di energia per la magnetosfera terrestre.

I portali passivi sono cilindri magnetici che offrono maggiore resistenza; la loro struttura interna non consente un flusso così leggero di particelle e campi (Gli FTE attivi si formano alle latitudini equatoriali quando l’FMI è diretto a sud; gli FTE passivi si formano a latitudini più elevate quando l’FMI è diretto a nord).

Seebeck ha calcolato le proprietà degli FTE passivi e incoraggia i suoi colleghi a cercare i loro segni nei dati THEMIS e Cluster.

“Gli FTE passivi potrebbero non essere molto importanti, ma finché non ne sapremo di più, non possiamo esserne sicuri”.

Ci sono molte domande senza risposta:

Perché i portali si formano ogni 8 minuti?

In che modo i campi magnetici all’interno di un cilindro si attorcigliano e si arricciano?

“Ci stiamo pensando”, afferma Seebeck.

Nel frattempo, in alto sopra la tua testa, si sta aprendo un nuovo portale, che collega il nostro pianeta al sole. Ricezione e trasmissione di dati?

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews