sabato, Settembre 18, 2021
Disponibile su Google Play
HomeSportFlorent e Pernille: dai Giochi il bacio vietato che ridà speranza al...

Florent e Pernille: dai Giochi il bacio vietato che ridà speranza al mondo

TOKYO – Lui, argento per la Francia sui 50 stile libero, lei bronzo per la Danimarca. Stessa distanza stessa piscina, quella dei Giochi di Tokyo. A dividerli, i sette minuti tra le due gare. A unirli un bacio tenero, commovente, sincero, delicato, dopo un lungo abbraccio e parole segrete che i due fidanzati si sono sussurrati all’orecchio dopo aver vinto le rispettive medaglie.

Il bacio vietato

Florent Manaudou e Pernille Blume, nel pieno della gioia e della commozione, si sono prima abbracciati e poi baciati tra gli applausi e il compiacimento dei presenti. Il bacio tra la coppia viene immortalato dagli obiettivi delle telecamere e fa subito il giro del mondo. I due sono fidanzati ufficialmente da un anno e mezzo. Tuttavia il loro bacio è una palese violazione del regolamento sanitario di questi giochi olimpici al tempo del Covid.

Loading…

Sprinter innamorati

A ben vedere, l’esempio di Florent e Pernille ha avuto subito degli emulatori, e a partire proprio dal podio della stessa gara! Dietro al vincitore Caeleb Dressel e a Manadou si è piazzato il brasiliano Bruno Frates, commosso e sorridente (nei rari istanti in cui gli è stato concesso di togliersi la mascherina) al punto da scambiarsi un bacio altrettanto appassionato con la sua compagna, componente del team verdeoro, che lo ha sostenuto e applaudito dagli spalti durante gara e premiazione. Anche questo un bacio vietato, certo, ma ben meritato per Fratus, che a 32 anni è diventato il più anziano nuotatore della storia a conquistare una medaglia olimpica.

Misure anti-pandemia

I baci e i festeggiamenti sono apertamente vietati durante Tokyo 2020 dal Playbook pubblicato in vista delle Olimpiadi per evitare i temuti cluster nel Villaggio Olimpico. A rendere più difficile la situazione il fatto che anche le delegazioni sono tenute ben separate fra loro, e non devono esserci rapporti tra atleti di nazioni diverse. Vita dura dunque per le coppie sbarcate in Giappone e costrette a una distanza forzata per tre settimane, anche se ora l’immediata partenza dal Sol Levante (entro le 48 ore dalla fine della gara, come previsto dai protocolli sanitari) favorirà magari i ricongiungimenti. Eppure, i baci “rubati” oggi a bordovasca hanno restituito umanità e calore ai Giochi, e una speranza in un futuro diverso e in una nuova normalità post-pandemia, ai pochi che li hanno visti all’Acquatic Center, e ai milioni a chi li hanno guardati in mondovisione.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews