sabato, Settembre 18, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMisteroL'omicidio irrisolto di Linda Sherman

L’omicidio irrisolto di Linda Sherman

Nonostante la sua morte sia avvenuta cinque anni prima, la storia dell’omicidio di Linda Sue Sherman inizia sempre il 28 giugno 1990. È in questa data che due assistenti di volo che pranzano in un ristorante nella periferia nord di St. Louis, nel Missouri, notano un essere umano teschio tra i cespugli fuori dalla loro finestra.

Era posizionato in modo tale da sembrare di fissarli direttamente.

Metti Mi piace su anomalien.com su Facebook

Per rimanere in contatto e ricevere le nostre ultime notizie

Sul posto è stata prontamente chiamata la polizia. Il teschio era ingiallito e incrostato di terra, segno di essere stato sepolto per un bel po’ di tempo.

Ricordando un progetto di trasferimento del cimitero fallito nelle vicinanze e non avendo casi recenti di persone scomparse a cui legare i resti, gli investigatori hanno ipotizzato che il cranio non fosse indicativo di un gioco scorretto. È stato messo in deposito delle prove, diventando una curiosità in attesa di ulteriori informazioni.

Linda Sherman

Quasi 15 mesi dopo, il 16 settembre 1991, finalmente arrivarono ulteriori informazioni. Una lettera inviata al vicino dipartimento di polizia di Vinita Park, scritta con inchiostro viola timbrato, li ha avvertiti di quanto segue:

“LA POLIZIA DI BRIDGETON HANNO IL TESCHIO DI LINDA SHERMAN”

Gli investigatori del Vinita Park conoscevano bene il nome. Linda Sherman era una madre di 27 anni sposata e residente nella piccola città scomparsa il 22 aprile 1985.

Inizialmente scettici nei confronti della lettera, gli investigatori si sono subito messi in contatto con la vicina polizia di Bridgeton e hanno confermato che era effettivamente in loro possesso un teschio umano non identificato. È stato organizzato un confronto tra le impronte dentali di Linda Sherman e i resti e il giorno successivo è stata effettuata una corrispondenza positiva.

Molte domande dovevano essere risolte…

1) Perché qualcuno dovrebbe prendere il teschio di Linda e metterlo in bella vista del ristorante Casa Gallardo? Qualcuno avrebbe dovuto andare dove sono stati sepolti i resti di Linda e dissotterrarli solo per prendere il teschio.

2) Perché qualcuno dovrebbe scrivere una lettera per informare la polizia che il teschio era di Linda?

Impiegata presso il Government Records Center degli Stati Uniti situato a Spanish Lake, Missouri (ora National Personnel Records Center), Linda Sherman era a detta di tutti una lavoratrice affidabile e un genitore devoto.

La sua improvvisa scomparsa puzzava di gioco sporco alla polizia molto prima della sorprendente comparsa del suo cranio cinque anni dopo.

Questi sospetti sono stati amplificati quando la polizia si è concentrata sul marito di Linda, Donald Eugene Sherman, e ha iniziato a ricostruire la vera natura della relazione della coppia nei mesi e negli anni che hanno portato alla scomparsa di Linda.

La coppia si è incontrata e si è sposata mentre era ancora al liceo dopo che Linda è rimasta incinta della loro unica figlia. Durante i dieci anni in cui sono stati insieme prima della sua scomparsa, Linda ha fatto diversi tentativi di lasciare Don, citando i suoi problemi di gelosia e rabbia.

Si sarebbero lasciati e si sarebbero truccati molte volte, culminando con Linda che ha chiesto il divorzio per la seconda volta l’11 aprile 1985, appena 11 giorni prima che scomparisse.

assistente

Nei giorni successivi alla scomparsa di Linda, Don ha proposto più di una teoria alla polizia. Quello a cui alla fine si sarebbe attenuto coinvolgeva Linda che lo lasciava per un altro uomo, ma ha anche suggerito la possibilità che Linda fosse stata coinvolta in un giro di traffico di cocaina e fosse stata uccisa da co-cospiratori temendo che avrebbe testimoniato contro di loro.

Don in seguito ha detto alla polizia di aver intravisto sua moglie sul sedile del passeggero di un camion dopo la sua scomparsa, con un uomo che non conosceva, ma afferma che lei si è abbassata e ha perso il veicolo nel traffico.

Nessuna di queste storie è piaciuta agli investigatori, sembrando più le parole di qualcuno che cerca di deviare i sospetti da se stesso.

Poi c’era la questione della storia familiare di Don. Nel 1974 sua madre sparò e uccise suo padre in cucina per “uno dei loro litigi”.

Inizialmente negando di aver premuto il grilletto, la madre di Don alla fine si è dichiarata colpevole di omicidio colposo e ha scontato sei mesi. È stata una coincidenza che è servita solo ad alimentare l’attenzione della polizia su Don come il principale sospettato della scomparsa di sua moglie Linda.

Quando è stato trovato il teschio di Linda, le coincidenze sono diventate più strane. Non solo il ristorante in cui sono stati scoperti i resti era il luogo preferito per bere da Don Sherman, ma era lì il giorno in cui è apparso il teschio di sua moglie.

L’improvvisa scomparsa di Linda Sherman, l’altrettanto improvvisa comparsa del suo teschio cinque anni dopo e la lettera anonima priva di impronte digitali o DNA che indica alla polizia la giusta direzione: a cosa si aggiunge?

Nonostante non abbiano mai avuto prove sufficienti per un arresto o un’azione giudiziaria di successo, la teoria prevalente avanzata dagli investigatori lega piuttosto bene le questioni in sospeso:

È convinzione degli investigatori che Don abbia ucciso sua moglie intorno al 21 aprile 1985 in reazione all’apprendere che aveva pianificato di divorziare. Ha seppellito il corpo e ne ha denunciato la scomparsa. Ironia della sorte, anni dopo si rese conto che senza prove che fosse morta, non sarebbe stato in grado di chiedere il divorzio e risposarsi.

A questo punto, Don ha escogitato un piano per dissotterrare il suo cranio e piantarlo in un posto dove sarebbe stato facilmente trovato. Lo schema ha funzionato perfettamente, tranne per il fatto che la polizia ha erroneamente supposto che il cranio provenisse dal vicino progetto di trasferimento del cimitero e non si è preoccupata di un’analisi.

Dopo mesi di attesa per la notizia del teschio scoperto collegato alla moglie scomparsa e senza aver sentito nulla, Don ha deciso di intraprendere ulteriori azioni.

Ha scritto la lettera e l’ha inviata alla polizia, a quel punto è stato finalmente stabilito il collegamento tra il teschio scoperto e Linda. Fu dichiarata morta e a Don fu permesso di risposarsi.

È una teoria convincente, ma manca di prove concrete. Più di tre decenni dopo la sua morte, è improbabile che l’omicidio di Linda Sherman possa essere risolto senza la scoperta del resto dei suoi resti. Anche allora, il peso del tempo potrebbe essere troppo da superare nella ricerca della giustizia per Linda.

Di Taylor Leonard, fonte: theghostdiaries.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews