sabato, Settembre 18, 2021
Disponibile su Google Play
HomeGiochioltre 1.000 impiegati firmano una lettera di protesta contro i dirigenti

oltre 1.000 impiegati firmano una lettera di protesta contro i dirigenti

notizie /activision-1-000-impiegati-firmano-lettera-protesta-dirigenti-v4-531744-800×600.webp” />

Stanno suscitando molto scalpore le accuse legali subìte Activision-Blizzard. La compagnia di Call of Duty sarebbe rea di aver discriminato le proprie impiegate donne nel corso di questi ultimi anni, con diversi comportamenti tossici che avrebbero creato un ambiente lavorativo particolarmente tossico.

Le accuse riguardano le alte sfere dell’azienda, e i tanti membri della compagnia si sono detti non rappresentati dai comportamenti discutibili dei dirigenti chiamati in causa. Oltre 1.000 impiegati hanno dunque deciso di unire le proprie forze e indirizzare ai vertici di Activision una lettera di protesta:

“Ai leader di Activision Blizzard,

Noi sottoscritti concordiamo che le dichiarazioni di Activision Blizzard, Inc. e il loro consulente legale in merito alla causa DFEH, nonché la successiva dichiarazione interna di Frances Townsend, sono ripugnanti e offensive per tutto ciò che crediamo che la nostra azienda dovrebbe rappresentare. Per dirla in modo chiaro e inequivocabile, i nostri valori come dipendenti non si riflettono accuratamente nelle parole e nelle azioni della nostra leadership. Riteniamo che queste affermazioni abbiano danneggiato la nostra continua ricerca di uguaglianza all’interno e fuori dal nostro settore. Classificare le affermazioni che sono state fatte come “distorte e in molti casi false” crea un’atmosfera aziendale che disillude le vittime.

[…] Chiediamo dichiarazioni ufficiali che riconoscano la gravità di queste accuse e dimostrino compassione per le vittime di molestie e aggressioni. Chiediamo a Frances Townsend di mantenere la sua parola di dimettersi da sponsor esecutivo della rete delle donne dipendenti di ABK a causa della natura dannosa della sua dichiarazione. Chiediamo al team della leadership esecutiva di collaborare con noi su nuovi e significativi sforzi che garantiscano ai dipendenti, così come alla nostra comunità, di avere un posto sicuro dove parlare e farsi avanti”.

A seguito delle pesanti accuse ricevute, Activision è stata boicottata da tre testate giornalistiche specializzate nel settore videoludico.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews