lunedì, Settembre 20, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareGreen pass, due ristoranti in Sicilia lo chiedono e vengono minacciati

Green pass, due ristoranti in Sicilia lo chiedono e vengono minacciati

Due ristoranti in Sicilia anticipano le possibili decisioni del Governo e ammettono i soli possessori di Green pass, cioè vaccinati o tamponati o guariti. E le reazioni non si fanno attendere: minacce, insulti, denunce. Lo racconta Open, che raccoglie le due storie parallele e intervista i gestori. Uno è Borgo Santulì, stabilimento balneare e ristorante vicino a Porto Empedocle, Agrigento. Lo ha annunciato il 15 luglio, giovedì scorso, pubblicamente su Facebook.

Green Pass DA Oggi…Ovviamente vale anche il tampone, entro tre giorni.Nessuna discriminazione, nella maniera più assoluta, solo salute e voglia di andare avanti.

Posted by Borgo Santulí on Thursday, July 15, 2021

Per il titolare Sergio Tedesco il problema era il dopo cena, quando dalle 22 in poi si creavano grandi assembramenti impossibili da disperdere nonostante gli inviti dei camerieri. “Mi accusano di discriminazione e razzismo, è come se non stessi facendo entrare i malati di Hiv, mi hanno detto. Sarà meglio per te che prepari buoni avvocati perché ti roviniamo”. Ma secondo gli avvocati, “non sto facendo niente di illegale. Lo Stato stesso mi impone di provvedere a garantire delle norme di sicurezza”.

L’altro è il ristorante e stabilimento balneare La Rotta, di Agrigento: stesso problema, gli assembramenti in spiaggia, stessa soluzione, il Green pass. Anche Andrea e Mirko Franco, i giovani gestori, sono stati sommersi da proteste e minacce: non solo su Facebook, dove ogni loro post ormai viene commentato parlando di Green pass, ma anche per telefono, e la ritorsione si è manifestata nelle recensioni su Google. E l’effetto non manca: “Il venerdì sera solitamente arriva una grossa quantità di gente, questa volta il locale era quasi vuoto”.

Ma nessuno dei due ha intenzione di desistere, anche perché l’alternativa è tornare in zona gialla o peggio e a quel punto le restrizioni varrebbero per tutti: “Per noi c’è un colpo da subire in ogni caso: se domani la Sicilia dovesse tornare in zona gialla o arancione ci farebbe molto male. Così come in questo momento avere meno persone nel locale. Ma questa del Green pass rimane la soluzione meno dannosa per tutti e ogni senso, dal sanitario all’economico”.

[Fonte: Open]

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews