lunedì, Settembre 27, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaPensionamento anticipato con le crypto? Playing with FIRE

Pensionamento anticipato con le crypto? Playing with FIRE

The FI Explorer, anche conosciuto come Jason, fa parte della comunità FIRE (acronimo di ‘financial independence, retire early’), i cui aderenti risparmiano fino all’80% delle proprie entrate a 20/30 anni per andare prima in pensione o semplicemente seguire le loro passioni.

Per gran parte del suo viaggio di 20 anni verso il suo obiettivo FIRE di 1,64 milioni di dollari, selezionato per generare un reddito annuo di 65.000$ per il resto della sua vita, Jason ha indirizzato i suoi risparmi verso investimenti sensibili, come exchange-traded fund, azioni e oro. Tuttavia, dopo aver ascoltato un podcast su Bitcoin nel 2015, ha deciso di correre il rischio e investire circa 3.000$, pari allo 0,5% del suo portafoglio in quel periodo, nella criptovaluta. La sorprendente crescita di Bitcoin da allora ha visto la sua allocazione espandersi fino a rappresentare quasi un terzo del suo portafoglio al suo picco, e l’ha aiutato a superare il suo obiettivo FIRE a dicembre 2020, molto prima del previsto.

“È incredibile,” racconta a Cointelegraph. “Prima, avevo un obiettivo calcolato laboriosamente con un sacco di curve ed estrapolazioni lineari, ma verso la fine dell’anno scorso l’ho raggiunto quasi per sbaglio.”

Anche se le crypto hanno offerto ad alcuni nella comunità FIRE una scorciatoia per raggiungere i loro obiettivi, restano piuttosto controverse, viste da molti come un percorso rischioso e illegittimo verso la libertà finanziaria in confronto al risparmiare per investire in fondi indicizzati.

Le storie di guadagni straordinari attirano e respingono in ugual misura i membri della comunità FIRE, spiega il podcaster e blogger Captain FI.

“È assurdo, e credo sia questo che causa molta FOMO nella comunità FIRE,” spiega. “C’è una grande gelosia, ovviamente. Sono geloso di chi ha sviluppato un portafoglio da 1,5 milioni di dollari da un giorno all’altro.”

“Forse non dovrei usare la parola geloso. Sono colpito, sbalordito, ma sono anche molto sospettoso, o scettico, perché come arriva facilmente può andarsene allo stesso modo. Ho investito soldi in crypto, e finora ho visto una perdita netta.”

Quindi, le criptovalute potranno mai diventare una parte ragionevole di un piano di pensionamento anticipato?

Cos’è FIRE?

I concetti centrali del movimento anti-consumista sono stati delineati per la prima volta nel bestseller del 1992 Your Money or Your Life, ma FIRE deve la sua fama alla popolarità del blog “Mr. Money Mustache.” Scritto dal canadese Peter Adeney, ha ispirato milioni a seguire il suo esempio spiegando nel dettaglio come ha lasciato il suo lavoro come ingegnere informatico a 30 anni tagliando al massimo le proprie spese e investendo gran parte del suo salario da 67.000$ in fondi indicizzati.

La teoria alla base di FIRE è piuttosto semplice: moltiplica le tue spese annuali per 25 e calcola quanto ti serve per andare in pensione (in base alla regola sul prelievo annuale del 4%). Qualcuno che spende 50.000$ all’anno dovrà accumulare circa 1,25 milioni di dollari. Ironicamente, ora Adeney guadagna molto di più grazie al suo blog sul pensionamento anticipato rispetto ai 25.000$ in reddito annuo che il suo fondo pensione da 600.000$ avrebbe fornito.

FIRE significa muoversi ragionevolmente e metodicamente verso questo obiettivo, sottolinea Captain FI, che di recente è diventato semi-pensionato a 30 anni, lasciando il suo lavoro da pilota dopo aver risparmiato circa l’80% del suo stipendio per anni.

“Si tratta praticamente di fare alcune scelte intelligenti presto nella vita per poter raccogliere i frutti più tardi,” spiega a Cointelegraph, paragonando il sistema a risparmiare per comprare la propria prima casa. “Sostanzialmente, con FIRE continui a farlo, forse per altri 5-10 anni, accumulando asset che generano flussi di cassa per coprire il costo della vita.”

Anche se non potrebbe essere più lontano dalla mentalità dell’arricchirsi in fretta nelle crypto, il pubblico demografico è praticamente lo stesso:

“Molte persone nella comunità FIRE tendono ad essere uomini bianchi tra i 25 e i 35 anni che lavorano nel mondo della tecnologia. Non so se siamo tutti sullo spettro…”

Nonostante abbia guadagnato con Bitcoin la stessa somma con cui Mr. Money Mustache è andato in pensione, Jason comprende perché i seguaci di FIRE sono diffidenti. “La posizione comune è altamente scettica,” spiega. “Credo sia probabilmente sano in un certo senso.”

“La comunità FIRE coinvolge prevalentemente portafogli a basso costo, prevedibili ma ben diversificati, e sottolinea fortemente la questione del piano di accumulo del capitale e il risparmio su un lungo periodo di tempo con rendimenti composti. Quindi, credo che le criptovalute ne siano l’antitesi. A prima vista, si presenta come la sorta di truffa per arricchirsi in fretta da cui la gente avverte di stare alla larga.”

FIRE e crypto non vanno d’accordo

Mr. Money Mustache è fortemente contrario alle criptovalute. A marzo, ha scritto un articolo definendo le crypto una bolla, e spiegando che “tutta questa situazione è solo il vecchio gioco della speculazione azionaria basata sullo slancio del prezzo, che a sua volta è semplicemente un’altra forma di gioco d’azzardo.”

Un altro scrittore tenuto in grande considerazione dalla comunità FIRE australiana è Barefoot Investor, Scott Pape, e anche lui mette in guardia regolarmente il suo pubblico dalle criptovalute. In un articolo pubblicato di recente, ha affermato che le crypto si basano interamente sulla “teoria dello sciocco più grande,” e che “vinci solo quando uno sciocco più grande compra a un prezzo più alto.”

“Se vuoi vendere i tuoi noiosi fondi indicizzati e dormire con i cani, posso quasi garantirti che eventualmente ti sveglierai con addosso pulci finanziarie,” ha aggiunto.

Il commentatore finanziario Tom Ellison, che scriveva il “Barefoot Blueprint” di Pape, spiega che hanno discusso internamente delle crypto e hanno concordato piuttosto rapidamente di non considerarle, nell’interesse della tutela dei consumatori.

“Le mie opinioni probabilmente si allineano con quelle di Scott Pape,” afferma Ellison, che in seguito ha fondato un servizio di educazione finanziaria chiamato The Naked Investor. “Ovvero: non sono una valuta. Non sono un investimento finanziario ai sensi della legislazione australiana. Ma non c’è dubbio che abbiano creato ricchezza per molte persone.”

Diventare ricchi in fretta

Ovviamente, sono innumerevoli le truffe crypto che promettono guadagni veloci, dagli schemi Ponzi in stile Bitconnect ai “rug pull” su Uniswap, per non parlare dell’assoluta incoscienza degli investitori inesperti che hanno gettato soldi in memecoin semplicemente perché a tema canino proprio come Dogecoin

Tuttavia, ciò che separa le crypto da gran parte delle truffe per arricchirsi in fretta è che la gente diventa davvero ricca, e velocemente. Così ricca che molti si trovano nella posizione di poter andare in pensione presto anche senza aver lavorato verso questo obiettivo.

Un messaggio importante da The Simpsons (Fonte: FX)

Tra questi c’è Mike Palmeter, ex database product manager di Oracle che quest’anno ha raggiunto la pensione “accidentalmente.” Palmeter spiega a Cointelegraph che era interessato a Bitcoin da anni, sebbene scoraggiato dagli avvertimenti di critici come l’economista Nouriel Roubini, il quale insiste ormai da anni che è una bolla vicina allo scoppio. Tuttavia, la lettura nel 2017 di Mastering Bitcoin di Andreas Antonopoulos l’ha convinto che c’era molto di più:

“La prima rivelazione che ho avuto è che è una cosa molto più grande e complessa di quanto possa gestire. Non ho avuto il tempo per fare abbastanza ricerche, ma il prezzo si sta muovendo.”

Ha iniziato a investire il più velocemente possibile fino a quando il 50% del suo portafoglio era in Bitcoin e investimenti collegati, come società di mining di Bitcoin e piattaforme di pagamento o di trading tra cui Circle, Robinhood e Square.

Aveva registrato un profitto del 170% prima che il prezzo di Bitcoin crollasse a inizio 2018, portando il suo portafoglio a una perdita del 50%. Palmeter racconta che era troppo orgoglioso per vendere durante quello che oggi è noto come “crypto winter,” quindi ha deciso di imparare il più possibile sulla blockchain. Questo l’ha convinto che Bitcoin era “l’applicazione più ad alto valore della tecnologia blockchain.” Sebbene difficile da valutare accuratamente, era fiducioso che il suo valore sarebbe aumentato:

“Ho studiato, e il mio ego, la mia arroganza e il rifiuto di ammettere la sconfitta mi hanno spinto a una posizione in cui credevo di aver fatto la scelta giusta per sbaglio. Quindi, li ho tenuti, e ho iniziato a comprare di più perché pensavo, ‘questo è un investimento a lungo termine’.”

Palmeter ha imparato la lezione dal crollo di mercato del 2018 e ha incassato profitti regolarmente dopo ogni grande aumento del prezzo, riequilibrando il suo portafoglio per mantenerlo composto al 50% da investimenti in Bitcoin e al 50% da azioni con dividendi elevati. Anche tenendo conto degli effetti del crypto winter, negli ultimi cinque anni ha registrato un rendimento annuo medio del 79,67%.

A marzo, dopo aver riequilibrato la proporzione di Bitcoin dal 77% al 50%, si è reso conto all’improvviso che le entrate dai dividendi delle sue azioni erano ora superiori al suo stipendio al netto delle tasse, a prescindere dai movimenti di Bitcoin. Ad aprile ha rassegnato le dimissioni da Oracle:

“Non ero particolarmente interessato ad andare in pensione fino al giorno in cui mi sono reso conto che il mio lavoro non mi piaceva abbastanza per giustificare un simile impegno. Dato che non avevo bisogno dei soldi, perché continuare? Perché semplicemente non licenziarmi? Questa è libertà.”

Vendere durante un rally è difficile

Palmeter è però un’eccezione, e le prove aneddotiche suggeriscono che, sebbene molti investitori crypto finiscano con profitti sufficienti per andare in pensione, pochi realizzano questi guadagni e incassano le vincite. La maggior parte aspetta livelli più alti, oppure è diventata così dipendente dal gioco che non vuole più lasciare il tavolo. È uno dei più grandi dilemmi delle criptovalute: incassare significa lasciarsi sfuggire potenziali guadagni enormi, ma non vendere significa rischiare di perdere una ricchezza che cambierebbe la vita.

“È successo a molti nel 2017, milionari sulla carta che non hanno mai premuto il pulsante vendi per incassare i profitti, e hanno visto i loro milioni diventare migliaia.”

This happened to so many in 2017, millionaires on paper and never hit the sell button to take out profits, and thus they watched their millions become thousands https://t.co/rGP3bUzydH

— Lark Davis (@TheCryptoLark) June 21, 2021

Curiosamente, l’anno scorso Jason (The FI Explorer) non ha incassato i suoi guadagni su Bitcoin dopo aver superato l’obiettivo di 1,64 milioni di dollari per il pensionamento anticipato, né è andato in pensione. Al contrario, ha modificato il suo target a 1,94 milioni di dollari per tenere conto dell’inflazione e di altri fattori. Infatti, spiega di essere felice del suo lavoro e di aver modificato l’obiettivo verso l’indipendenza finanziaria invece di iniziare la sua pensione. Ma anche lui è rimasto affascinato da Bitcoin:

“È una delle domande più comuni: perché non hai venduto? Perché non hai ridotto il rischio? In realtà, il motivo è che credo abbia un futuro entusiasmante. Non voglio necessariamente contare sulle crypto per il mio FIRE. Quindi, sono più interessato a seguirlo e vedere come va a finire.”

Jason sottolinea che, se avesse seguito i consigli finanziari convenzionali sull’allocazione degli asset e il de-risking, “avrei venduto anni fa lasciandomi sfuggire circa 500.000 AUD o più.”

Captain FI

Di recente, Captain FI ha raggiunto il suo obiettivo di pensionamento personale e ora lavora solo due giorni a settimana. Il trentenne ha seguito la strada più difficile, risparmiando oltre l’80% delle sue entrate e applicando un piano di accumulo del capitale in fondi indicizzati. Secondo le statistiche, ci vorrebbero 51 anni per andare in pensione risparmiando il 10% delle proprie entrate, e 22 anni risparmiando il 20%. Captain FI c’è riuscito in soli 11 anni, nonostante in passato fosse molto scettico verso le crypto.

“Ero molto opposto alle criptovalute perché non le comprendevo,” spiega a Cointelegraph. “I miei idoli nel mondo degli investimenti, Warren Buffett, Charlie Munger e Kevin O’Leary, erano tutti molto critici di Bitcoin.”

Tuttavia, la sua conversione è nata da una battuta che ha fatto durante un podcast, dicendo che preferirebbe monete di cioccolato a Bitcoin, per poter almeno mangiare il cioccolato quando il prezzo scende a zero. “Pensavo fosse una battuta divertente ma sono stato travolto da tutti i sostenitori delle crypto,” racconta ridendo. “Ho pensato, forse farei meglio a dare un’occhiata.”

Poco più tardi, ha invitato sul suo podcast Stephan Livera, un noto sostenitore di Bitcoin, che ha contribuito a convincerlo del valore potenziale di Bitcoin e che valeva la pena rischiare. Ora ha un piccolo portafoglio crypto diviso tra Bitcoin e Ether.

“Considero le crypto come un asset con un profilo di rischio asimmetrico. Sì, c’è il rischio che vada tutto a zero. Ma c’è anche il rischio che si moltiplichi di 10 o 100 volte, molto invitante.”

Eventualmente, Captain FI ha intenzione di allocare circa l’1% del suo portafoglio in crypto:

“Se diventa davvero enorme, trascinerà con sé il resto del portafoglio verso l’alto. Sono disposto a fare una scommessa piuttosto ponderata perché sono davvero interessanti, hanno fondamentali solidi e posso vedere le loro applicazioni.”

Il Bitcoin maxi Stephan Livera sul podcast di Captain FI.

Piani pensionistici

Lo stesso settore pensionistico sembra diffidente nei confronti delle crypto. Ad eccezione di una nuova partnership tra ForUsAll e Coinbase, è difficile trovare un piano 401(k) negli Stati Uniti che offra investimenti in crypto. In Australia, l’equivalente di un piano 401(k) è conosciuto come “superannuation,” e la maggior parte dei fondi non vogliono aver nulla a che fare con le crypto. Tuttavia, gli appassionati di crypto possono creare self-managed superannuation fund (SMSF) per gestire i propri investimenti, e sempre più persone lo stanno facendo.

Caroline Bowler, CEO di BTC Markets, spiega a Cointelegraph che l’anno scorso il numero di conti SMSF sull’exchange è aumentato di cinque volte, e anche i saldi sono cresciuti esponenzialmente.

“Dove in precedenza avremmo visto investimenti da decine di migliaia di dollari per gli SMSF, ora stiamo osservando un movimento da centinaia di migliaia,” rivela, aggiungendo che l’utente medio non è vicino all’età di pensionamento.

“Sono i trentenni che stanno prendendo attivamente il controllo, perché hanno dimestichezza con le crypto e sono a loro agio.”

Non farlo, ma se lo fai…

Ellison è un consulente finanziario autorizzato che ha trascorso buona parte degli ultimi due decenni offrendo consulenze su piani pensionistici, e ha scritto due libri su questo tema. Spesso i suoi consigli si riducono a “spendi meno di quanto guadagni, metti da parte ciò che resta e accumula su un lungo periodo di tempo asset che generano valore composto.” Immancabilmente, indirizza la gente alle quattro principali classi di asset, azioni, proprietà, contanti e interesse fisso, e ritiene rischiosa la maggior parte degli investimenti al di fuori di queste.

Quindi, crede che le crypto siano decisamente una categoria troppo pericolosa su cui scommettere il proprio pensionamento. “In termini del mio pensionamento, non è una cosa che considererei neanche lontanamente, anche se ci fosse una possibilità che crescesse di cento o mille volte,” spiega, aggiungendo:

“Se qualcuno vuole farlo, come ho già detto in passato, è giocare d’azzardo. È pura speculazione. Se qualcuno è pronto a speculare e rischiare la propria pensione, credo sia un problema loro.”

Come spiegato da Ellison, una delle prime cose che fanno i consulenti quando accolgono nuovi clienti è valutare la loro tolleranza al rischio:

“In tutte queste valutazioni del rischio, nessuno sa davvero come si sentirà o reagirà perdendo una grande somma di denaro. L’unico modo per scoprire davvero la tua tolleranza al rischio è perdere del denaro o affrontare un evento che accade una volta ogni dieci anni come il crollo dell’87 o la crisi finanziaria globale, o il crollo dell’anno scorso.”

Con le crypto scoprirai la tua tolleranza al rischio abbastanza in fretta, considerando che correzioni del 30%-50% in tutto il mercato avvengono a distanza di pochi mesi. Ad aprile, il prezzo di Bitcoin ha raggiunto un massimo a 65.000$ e da allora si è più che dimezzato avvicinandosi ai 31.000$. Altre monete perdono e guadagnano molto di più ogni settimana. Quindi, è adatto solo agli investitori in grado di tollerare una corsa così sfrenata.

Ellison spiega che un approccio sensibile per investimenti altamente rischiosi o speculativi è allocarvi solo una certa percentuale del portafoglio:

“Per la maggior parte della gente, la parte altamente rischiosa, completamente speculativa di un portafoglio non dovrebbe assolutamente superare il 10%, e questo limite è per un investitore aggressivo.”

Pur evidenziando che la stragrande maggioranza degli investimenti speculativi fallisce, se una scommessa dà i suoi frutti incoraggia gli investitori a incassare i profitti invece di continuare. Jason offre un simile consiglio:

“Non investire mai più di quanto puoi permetterti di perdere, e probabilmente non affidarti alle crypto come veicolo per i tuoi obiettivi FIRE, in quanto sono molto speculative. Non consiglierei mai a nessuno di seguire questo percorso, ma credo che molti lo faranno comunque.”

Jason aggiunge che c’è una differenza tra essere prudenti con il denaro ed essere chiusi a nuove opportunità:

“Credo che sia sempre segno di un’ottima educazione finanziaria inculcata nella gente nel corso degli anni. E forse semplicemente il fatto che emergono nuove possibilità su cui è necessario avere una mente aperta, senza per forza diventare un fedele vero e proprio.”

Una persona che non sta più seguendo i consigli di investimento di Ellison è suo figlio: “l’ho messo in un’azione due anni fa e ha guadagnato cinque volte tanto. Ha venduto a un centesimo dal massimo e ha investito in Dogecoin,” racconta Ellison, menzionando la memecoin preferita di Elon Musk.

Ora il figlio di Ellison crede di essere un genio degli investimenti e che suo padre dovrebbe ritirarsi e passargli le redini. “Dice che dovrei solo lasciargli il posto,” spiega ridendo Ellison.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews