domenica, Ottobre 17, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMusicaLa mia Africa su Rete 4, curiosità, Meryl Streep

La mia Africa su Rete 4, curiosità, Meryl Streep

Cast e personaggi

Meryl Streep: Karen Blixen
Robert Redford: Denys Finch-Hatton
Klaus Maria Brandauer: Bror Blixen
Michael Kitchen: Berkeley Cole
Malick Bowens: Farah
Joseph Thiaka: Kamante
Stephen Kinyanjui: Capo Kinanjui
Michael Gough: Baron Delamere
Suzanna Hamilton: Felicity
Rachel Kempson: Lady Belfield
Graham Crowden: Lord Belfield
Leslie Phillips: sir Joseph
Shane Rimmer: Belknap
Mike Bugara: Juma
Job Seda: Kanuthia
Benny Young: Ministro

Doppiatori italiani

Maria Pia Di Meo: Karen Blixen
Cesare Barbetti: Denys Finch-Hatton
Sergio Di Stefano: Bror Blixen
Giorgio Lopez: Berkeley Cole
Piero Tiberi: Farah
Vittorio Stagni: Kamante
Gianni Marzocchi: Baron Delamere
Silvia Tognoloni: Felicity
Anna Miserocchi: Lady Belfield
Gianfranco Bellini: Lord Belfield
Giorgio Piazza: sir Joseph
Renato Mori: Belknap

La trama

Nel 1913, una giovane donna danese, Karen Dinesen parte per il Kenia. Li’ sposerà Bror Blixen (fratello del suo nobile quanto rozzo ex amante), il quale le ha prospettato la cosa come un affare conveniente per entrambi: lui ci guadagnerà i tanti soldi della famiglia di Karen, lei il titolo nobiliare di Bror e la propria ritrovata onorabilità, gravemente compromessa dall’amante nel paese natio. In Africa, la nuova coppia acquista una fattoria, ma a mandarla avanti ed a tentare di dare un senso a quello strano matrimonio è solo Karen. Bror, infatti, è tutto preso dalla sua indolenza e fatuità, e l’unica cosa che riesce a “dare” alla moglie è una malattia venerea che la costringe a ritornare in Europa per curarsi. Rientrata in Kenia, con il matrimonio ormai fallito, Karen si dedica anima e corpo alla sua fattoria, cercando nello stesso tempo, pur osteggiata dalla comunità bianca del posto, di fare qualcosa per gli indigeni. A sostenerla in questa sua fatica quotidiana è l’amore, ricambiato, per Denys Finch Hatton, da lei conosciuto molto tempo prima, un cacciatore innamorato dell’Africa e della natura . Denys, prima ancora che Bror chieda alla moglie il divorzio per potersi risposare con un’altra ereditiera, va a vivere in casa di Karen, dove fa tappa ad ogni ritorno dai suoi spostamenti. Tra lui e Karen va tutto bene, anche per le mille attenzioni di Denys, salvo che per il fatto che l’uomo non intende sposare Karen, vedendo nel matrimonio un vincolo alla sua libertà e, per lui, inutile. Proprio questo fatto fa decidere Karen a lasciarlo. Ma più tardi, quando la donna perde tutto in un incendio che distrugge tutto il raccolto, lasciandola in balia dei creditori, e Karen sta per ritornare in Europa (dopo essersi umiliata davanti al Governatore inglese per ottenere una terra per i “suoi” indigeni), Denys torna da lei, questa volta deciso a sposarla. Non farà in tempo: proprio mentre parte per il suo ultimo viaggio, precipita con l’aereo con il quale aveva fatto scoprire a Karen l’Africa che lui tanto amava. E l’ultimo atto di Karen, prima di iniziare il viaggio che la riporterà in Danimarca, e quello di seppellire Denys.

Curiosità

  • Il film ispirato all’omonimo romanzo autobiografico di Karen Blixen è stato candidato a 11 Premi Oscar con 7 statuette vinte: Miglior film, regia, sceneggiatura non originale, fotografia, scenografia, sonoro e colonna sonora.
  • In una scena, Karen Blixen attraversa un terreno pericoloso per portare i carri di rifornimento al reggimento di suo marito. Durante la notte, un leone attacca uno dei buoi e Karen cerca di respingerlo con una frusta. A Meryl Streep è stato assicurato che il leone sarebbe stato legato ad una delle sue zampe posteriori in modo che non potesse avvicinarsi troppo. Quando la scena è stata girata, il leone non ha avuto ritegno e si è avvicinato più di quanto Streep avesse previsto. La paura sul suo viso è reale.
  • All’inizio del film, la baronessa Karen Blixen viene presentata ai suoi servitori. Sebbene la scena sia tagliata con primi piani e altri inserti nel film, la prima ripresa è stata girata come un campo lungo che ha richiesto a Streep di incontrare e scambiare dialoghi con molti altri personaggi. Non appena il regista Sydney Pollack ha urlato “Taglia”, Streep, che indossava una camicia a collo alto e una giacca aderente, ha urlato “Toglietemi di dosso questa cosa!” strappandosi la giacca. Un grosso coleottero era strisciato lungo la parte anteriore della giacca pochi istanti dopo che la macchina da presa stava girando, ma lei ha continuato a filmare la scena. Molto di quella scena è rimasta nel montaggio finale.
  • La città di Karen, appena fuori Nairobi, prende il nome da Karen Blixen.
  • Meryl Streep ha sviluppato il suo accento ascoltando le registrazioni di Karen Blixen che legge le sue opere.
  • La bussola che Denys dà a Karen era la vera bussola di Finch Hatton. Sfortunatamente, è stata rubata poco dopo che la scena è stata girata e non è mai stata recuperata.
  • Quando Denys lava i capelli di Karen, cita “La ballata del vecchio marinaio” di Samuel Taylor Coleridge. Una riga, “Prega bene chi ama bene tutti: | sia l’uomo che l’uccello e le altre bestie”. E’ incisa sulla lapide del vero Denys Finch Hatton.
  • I veri discendenti della tribù Kikuyu descritti nel libro sono apparsi nel film. L’uomo che interpretava il capo Kinyanjui era suo nipote. Gran parte del film è stato girato vicino alle colline di Ngong, fuori Nairobi, in Kenya.
  • Il film è uscito nel 1985, il centenario della nascita di Karen Blixen.

  • Inizialmente Robert Redford intendeva interpretare Denys Finch Hatton come inglese. Il regista Sydney Pollack ha ritenuto che sarebbe stato una distrazione per il pubblico. Redford ha dovuto sovraincidere alcune delle sue battute delle prime riprese, in cui ha usato una traccia di accento inglese.
  • La storia è stata originariamente pianificata come un progetto per Greta Garbo. In varie occasioni, Orson Welles, David Lean e Nicolas Roeg hanno cercato di fare un film su Karen Blixen.
  • A Audrey Hepburn era stato originariamente offerto il ruolo di Karen Blixen.
  • Circa il 70% del film è stato effettivamente girato in Africa.
  • Meryl Streep era estremamente nervosa durante la scena del lavaggio dei capelli, che è stata girata vicino ad un ippopotamo molto territoriale.
  • È illegale possedere un’arma da fuoco in Kenya a meno che non si passi attraverso un processo estremamente difficile e solo dopo che si è stati vittime di un attacco violento, nel qual caso si può ottenere una licenza per un fucile. Non sono ammesse pistole in mani private. La pistola che è stata mostrata nel film era una riproduzione incredibilmente accurata in cartapesta. Poiché la legge vieta anche la proprietà di armi giocattolo o false, questo oggetto, insieme a tutte le altre armi di scena, doveva essere consegnato al governo. Un’eccezione a questa legge è stata riscontrata quando il gruppo di repertorio locale dei Phoenix Players ha noleggiato la pistola di scena di Finch Hatton per una produzione teatrale di Viva Mexico.
  • Felicity è modellata su Beryl Markham, un’altra scrittrice che ha vissuto in Africa orientale e avrebbe dovuto essere un’altra delle amanti di Denys Finch Hatton. Markham è stata anche una delle prime donne a volare attraverso l’Atlantico. Sydney Pollack ha avuto la fortuna di incontrare un’anziana Markham all’inizio della pre-produzione.

  • Il pilota nella scena in cui i fenicotteri prendono il volo era Sir Henry Dalrymple-White, un baronetto britannico ed ex pilota della seconda guerra mondiale che si trasferì in Kenya negli anni ’40. Ha volato fino all’età di 80 anni.
  • Il film è stato girato in esterni in Africa, compreso il girato con le mandrie di animali. Per le scene di caccia, i leoni addestrati venivano importati dalla California.
  • Durante la spedizione Karen sente il ruggito di un leone. Ancora oggi questo ruggito – ripetuto più volte in una serie di cinque o sei ruggiti – viene sentito dalla direzione della Nairobi National Game Reserve a poche miglia dalla casa di Karen ogni mattina prima dell’alba e ogni sera subito dopo il tramonto.
  • Quando Karen ringrazia il capo Kinyanjui, dice che leggere è una cosa preziosa e che i suoi figli lo ricorderanno per questo. Quello che Farah dice in realtà quando traduce è che questo è buono e lei ringrazia il capo. Questo errore di traduzione intenzionale nei rapporti con i non parlanti è comune nelle situazioni ordinarie in Kenya, poiché i traduttori spesso modificano le traduzioni affinché siano più appetibili per l’ascoltatore.
  • Sydney Pollack inizialmente non ha mai considerato Meryl Streep per il ruolo di Karen Blixen perché pensava che non fosse abbastanza sensuale La Streep ha ottenuto la parte presentandosi al suo incontro con il regista indossando una camicetta scollata e un reggiseno push-up.
  • La cascata vista durante il volo in aereo è la cascata di Karura. Si trova vicino a Nyeri, ad una novantina di chilometri a nord della fattoria di Karen.
  • Klaus Maria Brandauer è sempre stata la prima scelta di Sydney Pollack per interpretare Bror Blixen. Pollack era stato particolarmente colpito dalla sua interpretazione in Mai dire mai (1983).
  • Per tenere a bada i leoni sono stati usati estintori industriali.
  • Le scene ambientate in una Danimarca invernale sono state in realtà girate a Hunstanton, Norfolk in Inghilterra.

  • Il vagone passeggeri privato utilizzato nel film era del 19° secolo ed era il vero vagone utilizzato da un giovane ingegnere durante la costruzione della ferrovia. Mentre la squadra di costruzioni ferroviarie si trovava nell’area dello Tsavo, un leone predatore è saltato attraverso un finestrino, ha portato via l’ingegnere e lo ha mangiato. I leoni predatori, che uccisero molti ferrovieri, furono l’ispirazione del film altamente romanzato Spiriti nelle tenebre (1996). Prima delle riprese, questa vettura era nel Museo Ferroviario di Nairobi, con la combinazione di colori del XIX secolo. Riverniciata per La mia Africa l’auto può essere vista oggi con i colori dell’epoca di Blixen. Il motore era troppo vecchio per funzionare, quindi la troupe ha nascosto un motore funzionante nel vagone merci direttamente dietro di esso. Il tratto di ferrovia visto nel film era stato abbandonato più di un decennio prima, quindi i realizzatori non dovevano preoccuparsi di altro traffico ferroviario. La ferrovia originale tra Nairobi e Mombasa è stata sostituita, a partire dal 2017 con una moderna ferrovia a scartamento.
  • Lo scenografo Stephen B. Grimes ha trascorso mesi a costruire una replica di Nairobi del 1913. I set esterni del film sono stati costruiti non lontano da dove un tempo aveva vissuto Blixen, nell’area conosciuta come Karengata (un nome amalgamato per la cittadina di Karen e la vicina area di Langata). La casa di Karen Blixen non era disponibile per le riprese poiché all’epoca faceva parte di una scuola per infermieri. Gli interni sono stati girati in una casa appartenente alla famiglia Scott.
  • Ci sono voluti due anni al regista Sydney Pollack e allo scrittore Kurt Luedtke per mettere insieme la sceneggiatura. Gli elementi della trama includevano i libri “La mia Africa” e “Ombre sull’erba” di Blixen. Molto colore locale è stato tratto da “La fiamma degli alberi di Thika” di Elsbeth Huxley.
  • Le truppe tedesche che Bror va a combattere erano comandate dal generale Paul von Lettow-Vorbeck. Aveva viaggiato in Africa sulla stessa nave di Karen Blixen, e secondo alcune fonti i due avrebbero avuto una relazione durante il viaggio.

  • Il lago Natron, dove il gruppo di Delamere era di pattuglia, è estremamente alcalino e inadatto per animali e uccelli che non si sono acclimatati. I suoi sali sono simili a quelli usati nell’antica mummificazione egiziana e gli uccelli e i pipistrelli che muoiono lì vengono calcificati e conservati in uno stato quasi realistico. Il lago si trova 104 chilometri a sud-ovest della casa di Karen.
  • Decenni dopo la partenza di Karen, le sue terre si sono trasformate in un quartiere rurale di stradine ombrose e incantevoli piccoli cottage. Un incrocio a nord-ovest della fattoria divenne la sede di un duka (emporio), un ufficio postale, un mercato ortofrutticolo all’aperto e alcune altre piccole imprese, e fu chiamato con il nome di Karen – il nome con cui era conosciuta dai locali. Al momento della realizzazione del film, la fattoria faceva parte di una locale scuola per infermieri. In seguito fu decorato con mobili d’epoca e venne aperto ai visitatori.
  • Quando la spedizione al Lago Natron incontra il gruppo dei Masai, alcuni guerrieri indossano il tradizionale copricapo. Al tempo di Blixen erano fatti con le criniere dei leoni. Al momento delle riprese, tali copricapi erano illegali da decenni. Ad eccezione di un copricapo, gli altri sono di un design successivo che utilizzava invece piume di struzzo.
  • Leslie Phillips durante le riprese ha sviluppato problemi ai reni a causa della disidratazione.
  • La parte dell’insegnante di scuola è stata interpretata da Keith Pearson, che era una vera insegnante di scuola. Ha lavorato all’Accademia di Nairobi, che era proprio sulla strada dal luogo delle riprese.
  • Quando Nicolas Roeg è stato assunto come regista a metà degli anni ’70, aveva pianificato Julie Christie e Ryan O’Neal come protagonisti in “La mia Africa”.
  • Quando i leoni attaccano i buoi, i buoi sono racchiusi in un kraal fatto di rami di acacia (“Biancospino”). Alcuni piccoli villaggi nelle aree in cui vivono leoni e iene sono racchiusi in modo simile. I villaggi più consolidati iniziano così, con i rami di acacia che vengono gradualmente sostituiti da un anello di cespugli simili all’agave nell’aspetto, ma più duri e con foglie spinose e dentellate. In molti villaggi i rondavel (case con tetto di paglia, fango e canniccio) includono una piccola area recintata all’interno per tenere le capre fuori dalla portata dei predatori. Le spine di acacia sono il cibo principale delle giraffe.

  • “La mia Africa” presenta l’unica interpretazione nominata all’Oscar di Klaus Maria Brandauer.
  • Il ruolo cameo di Leslie Phillips in questo film gli è valso la parte di Mr. Maxted ne L’impero del sole (1987).
  • Il biplano giallo su cui Denys e Karen sorvolano la savana è un de Havilland D.H.60 Gipsy Moth, antenato del famoso Tiger Moth. Il film implica che aveva un altro aereo in precedenza, ma era un Gipsy Moth.
  • Il luogo in cui Denys atterrerebbe con il suo aereo non è mai menzionato nel film. Si trovava in un appezzamento di terreno non edificato a est della fattoria che ora si chiama Ndege Road. Prendendo il nome dall’aereo di Finchatton, “ndege” è la parola swahili per uccello o aeroplano.
  • David Rayfiel ha fatto una riscrittura non accreditata della sceneggiatura.
  • A Joss Ackland è stato offerto il ruolo di Bror Blixen. Ha rifiutato per recitare nel film tv Shadowlands (1986).
  • Nel dicembre 1983, Jessica Lange aveva acquisito i diritti cinematografici con l’intenzione di far dirigere il film a Sydney Pollack, ma non mantenne i diritti e abbandonò il progetto.
  • Gli scenografi hanno utilizzato alcuni mobili di Karen Blixen, che non ha mai rispedito in Danimarca dopo aver lasciato il Kenya. La maggior parte dei mobili è stata prelevata casualmente da proprietà locali. La grande credenza (che non era di Blixen) è un pezzo del XVII secolo proveniente dal restauratore di antiquariato locale Frank Daykin. Aveva scene di persone intarsiate in legno e aveva un nascondiglio segreto a cui si accedeva facendo scorrere pezzi di legno come un puzzle cinese. Il valore del pezzo era di circa 200.000$.

  • Karen Blixen rimane l’unica donna che sia mai stata invitata a bere nel bar per uomini del Muthaiga Country Club. Alcune regole sono state allentate nel corso degli anni, gli uomini sono persino ammessi in alcune parti del club senza giacca e cravatta, ma rimane la regola “solo uomini”. Un altro bar apposito permette l’accesso alle donne.
  • Nella vita reale, la storia d’amore tra Karen e Denys era leggermente diversa. Si sono incontrati in un club di caccia, non nelle pianure. È scomparso per due anni dopo un incarico militare in Egitto. Ha iniziato a volare e a portare turisti in safari dopo essersi trasferito con Karen, non prima. Karen ha appreso della sua morte da alcuni amici a Nairobi. Il film non menziona mai che Karen ha perso il loro bambino.
  • Il libro “La mia Africa” è stato pubblicato sei anni dopo il ritorno di Karen in Danimarca. L’editore era la celebrità Bennett Cerf che, insieme a Donald Klopfer, aveva acquistato la casa editrice Modern Library e l’aveva ribattezzata Random House. Ha scelto il nome “Casuale” perché lui e la sua compagna volevano andare oltre i generi consolidati della Biblioteca Moderna e pubblicare manoscritti casuali che catturassero la sua fantasia. Questo elemento “casuale” è il motivo per cui ha scelto di pubblicare “La mia Africa”.
  • Nicolas Roeg ha pianificato di dirigere il film nei primi anni ’70, utilizzando una sceneggiatura scritta da Judith Rascoe. La scena in cui Bror informa Karen Blixen della morte di Finch Hatton è un residuo di quel trattamento.
  • L’incidente mortale è avvenuto mentre Denys era in viaggio da Mombasa a Nairobi. Si fermò a riposare nella zona dello Tsavo vicino a Voi, facendo visita ad un suo amico guardiacaccia. Mentre stava per partire, invitò la moglie del ranger a fare un giro veloce ma lei ebbe paura e disse di no. La donna è stata fortunata. Dopo il decollo, Denys ha fatto un giro e ha salutato, ma il motore si è spento e si è schiantato. Nel relitto hanno trovato un gran numero di arance bruciate che stava riportando dalla costa.

  • La scena in cui Kamante preferisce usare una forchetta per sbattere gli albumi piuttosto che un frullino per le uova è realmente accaduta. Karen in seguito scrisse che poteva frustarli in nuvole bianche, quindi non insisteva nell’usare il battitore. Sotto la direzione di Karen, Kamante divenne un’eccellente cuoca e spesso ospitava riunioni in cui i suoi visitatori commentavano l’eccellenza dei pasti. Dopo che se ne fu andata, nessuno l’avrebbe assunta come cuoca, così tornò alla pastorizia.
  • Mentre il film fa sembrare che Denys sia morto pochi giorni prima che Karen lasciasse il Kenya, la sua effettiva data di morte era il 14 maggio 1931. Karen Blixen lasciò l’Africa nell’agosto del 1931, morì in Danimarca il 7 settembre 1962 all’età di 77 anni.
  • Karen non ha saputo di Denys da Bror fino a quando non era a Nairobi e ha scoperto che tutti la evitavano. Alla fine ha dovuto fermare qualcuno e chiedere cosa stesse succedendo. Ciò avvenne durante i primi giorni della folla della “Valle Felice”, dove il comportamento edonistico di alcuni aristocratici era fonte di scandalo tra i coloni più onesti. Lo stile di vita poco dignitoso di Bror, insieme alla relazione tra Karen e Denys, erano considerati scandalosi, da qui il comportamento delle persone nell’evitare Karen quando la notizia di Finch Hatton raggiunse Nairobi.
  • La relazione di Karen con Denys si è conclusa prima della sua morte. Aveva chiesto a Beryl Markham (“Felicity” nel film) di unirsi a lui nel suo volo per Mombasa ma agendo a seguito di una premonizione di uno dei suoi servitori lei decise di non accompagnarlo.
  • Mentre Karen dà istruzioni a Farah sulla terra per i Kikuyu, afferma che non sarebbe lì a parlare per loro nel caso in cui dovessero combattere per la terra. In realtà, i Kikuyu della sua fattoria avrebbero avuto udienze private tra gli anziani in caso di conflitti interni, a volte impiegando giorni per analizzare ogni dettaglio e possibile permutazione. A Karen sarebbe stato chiesto di contribuire a queste sessioni. Un esempio di ciò è quando uno dei ragazzini giocando con una pistola ha ucciso accidentalmente un altro bambino. Il contributo di Karen è stato prezioso in quanto i Kikuyu non avevano mai fatto distinzioni tra crimini accidentali e intenzionali. In quel caso specifico, la famiglia del ragazzino che ha sparato (che era fuggito ed era rimasto con i Maasai per cinque anni) avrebbe dovuto consegnare alla famiglia della vittima un determinato numero di capre. Se non fosse stato per Karen, l’assassino sarebbe stato consegnato alle autorità e impiccato. Va notato che era ad uno dei famosi tavoli di pietra nel suo patio sul retro dove si sedeva quando prestava servizio nella sua qualità di arbitro delle questioni tra i Kikuyu.

  • Ai fini del dramma, nel film Berkeley Cole è ritratto come in fin di vita per febbre emoglobinurica, ma in realtà è morto per un problema al cuore.
  • Al funerale di Finch Hatton, Karen Blixen legge la poesia di A.E. Housman, “A un atleta morto giovane”. Il suo brindisi al bar prende in prestito da Housman’s, “With Rue My Heart is Laden”.
  • Il film mostra chicchi di caffè crudi ed essiccati messi in sacchi. In realtà Karen hfaceva arrostire i chicchi sul posto prima di insaccarli, utilizzando una tostatrice simile a quella mostrata nel film. Mentre Karen viene mostrata parlare della caduta dei prezzi mentre il caffè viene inviato alla ferrovia, il calo dei prezzi del caffè era una voce che avrebbe impiegato mesi per arrivare a lei. Non è stata pagata per il caffè localmente ma da Londra. Le sue preoccupazioni erano più per le aste di caffè a Londra, che si sarebbero svolte quasi due mesi dopo la loro partenza da Mombasa.
  • La scena in cui Karen è invitata al Men’s Bar del Muthaiga Club è stata in realtà girata in una scuola locale. Il vero Men’s Bar è una piccola stanza del club.
  • Quando Kamante sveglia Karen per avvertirla dell’incendio, il vero evento nella vita reale non riguardava l’incendio alla fabbrica di caffè, ma un lungo, sottile e tortuoso rivolo di fuoco che Kamante aveva visto nell’oscurità della notte mentre i Masai erano intenti a bruciare l’erba nella pianura di Athi allo scopo di promuovere una nuova crescita dell’erba per il loro bestiame. Lo avrebbero fatto non molto tempo prima che arrivassero le piogge lunghe e brevi in ​​ottobre e marzo.
  • Ci sono molti parallelismi tra questa storia e quella del film successivo di Streep, I ponti di Madison County (1995) in cui interpreta una moglie di campagna con un matrimonio insoddisfacente che si innamora di un uomo con uno stile di vita libero – interpretato da Clint Eastwood nei panni di un fotografo del National Geograhic. Ironia della sorte, ad un certo punto Robert Redford, che ha interpretato il suo amante in “La mia Africa”, è stato preso in considerazione per il ruolo di Eastwood.
  • L’uomo che tiene l’elogio funebre al funerale di Berkeley Cole è un vero predicatore. Mike Harries, noto come il predicatore volante, proviene da un’antica famiglia di pionieri che, tra le altre cose, ha portato il sisal (Agave sisalana) in Kenya. Mike era stato assunto per assistere l’attore inglese originariamente assunto per la parte. Il maltempo che ha ritardato le riprese e la passione dell’attore per il cibo e le bevande pagati da Sydney Pollack, hanno spinto Pollack a rimandarlo in Inghilterra e ad assumere Mike per il piccolo, ma molto importante ruolo.
  • “La mia Africa” costato 28 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo circa 228.

La colonna sonora

  • Le musiche originali de “La mia Africa”, premiate con un Oscar, sono del compositore inglese John Barry che durante la sua carriera ha ricevuto un totale cinque Oscar ed è noto per aver composto la colonna sonora di dodici film della serie di James Bond.
  • Mentre stava montando il film, il regista Sydney Pollack ha usato le selezioni musicali di John Barry per fungere da traccia temporanea. Quando è arrivato il momento di comporre le musiche per il film, Barry sembrava la scelta perfetta.
  • La partitura include una serie di brani extra come il Concerto per clarinetto di Mozart e canzoni tradizionali africane.
  • Nel 1987 è stata pubblicata un’edizione speciale della colonna sonosra che includeva la canzone “The Music of Goodbye (Love Theme)” di Melissa Manchester & Al Jarreau.

TRACK LISTINGS:

1. I Had A Farm (Main Title) 3:12
2. Alone On The Farm 1:00
3. Karen And Denys 0:48
4. Have You Got A Story For Me 1:21
5. I’m Better At Hello 1:24
6. Mozart – Clarinet Concerto In A Major, K622 (Adagio) 7:39
7. Karen’s Journey Starts 3:41
8. Karen’s Journey Ends 1:00
9. Karen’s Return From Border 1:33
10. Karen Builds A School 1:19
11. Harvest 2:02
12. Safari 2:35
13. Flight Over Africa 2:41
14. Beach At Night 0:58
15. You’ll Keep Me Then 0:58
16. If I Knew A Song Of Africa 2:23
17. You Are Karen M’Sabu 1:17
18. Out Of Africa (End Credits) 2:49

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews