domenica, Ottobre 17, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaPotassio alto sangue: cause, sintomi e cura

Potassio alto sangue: cause, sintomi e cura

Potassio alto nel sangue: cosa <a> </a><a href=mangiare ?”/>

Il potassio è uno dei minerali presenti nel nostro organismo fondamentale per il funzionamento di cuore, sistema nervoso, muscoli e anche per l’equilibrio idro-salino. A volte capita che, facendo delle analisi del sangue, si rilevino livelli elevati di potassio ematico: in questo caso si parla di iperkaliemia (da “kalium”, potassio in latino. Da qui anche la lettera K per indicare questo minerale nella tavola periodica degli alimenti) o di iperpotassiemia. Le cause di potassio alto nel sangue sono diverse, ma attenzione: l’iperkaliemia di per sé non è una malattia vera e propria, ma è un rilievo ematologico che indica la presenza di una patologia sottostante che causa questo innalzamento dei livelli di potassio ematici.

Tuttavia livelli di potassio troppo elevati possono portare a sviluppare sintomi e segni clinici da tenere in considerazione. In questi casi, dovrai fare estrema attenzione anche all’alimentazione, escludendo o limitando nella dieta tutti quei cibi che sono naturalmente ricchi di K.

Che cos’è il potassio?

Il potassio è un minerale presente nell’organismo sotto forma di catione (ione positivo) K+. Nel corpo lo si trova soprattutto all’interno delle cellule e nei succhi gastrici. In situazioni di normalità il potassio lo troviamo soprattutto nel comparto intracellulare, mentre sodio e calcio sono ioni maggiormente extracellulari. Il passaggio di potassio e sodio dalla cellula agli spazi extracellulari e viceversa è garantito dal sistema noto come pompa sodio-potassio (il sodio viene portato all’esterno della cellule e il potassio viene fatto entrare all’interno della cellula).

Il K introdotto con gli alimenti viene assorbito nell’intestino (duodeno e digiuno) e da qui arriva nel sangue. Le quantità in esubero vengono eliminate poi per via renale. Tuttavia, quando questo meccanismo non funziona correttamente, ecco che i livelli di potassio nel sangue possono aumentare provocando un’iperkaliemia.

Come si misura il potassio?

Il potassio viene misurato tramite gli esami del sangue: basta un normale prelievo di sangue venoso per stabilire quali siano i suoi livelli ematici.

Valori normali nel sangue

Solitamente i valori normali di potassio nel sangue viaggiano fra i 3,5 e 5 mEq/l. Il suo range di variabilità  è estremamente ridotto, il che vuol dire che anche alterazioni minime possono provocare forme o di ipokaliemia (potassio basso nel sangue) o forme di iperkaliemia.

Quando il potassio ematico supera di 5 mEq/l, si parla di iperpotassiemia. A seconda del valore si distinguono tre forme:

  • iperkaliemia lieve: 5-5,9 mEq/l
  • ipopotassiemia moderata: 6-6,4 mEq/l
  • iperkaliemia grave: se > 6,4 mEq/l

iperpotassiemia avocado

Cause di iperkaliemia

Sono diverse le cause che possono portare a un aumento di potassio nel sangue:

Eccessivo apporto

  • Alimentazione con cibi troppo ricchi di potassio
  • Diete squilibrate
  • Somministrazione per via parentale di liquidi endovenosi che contengono potassio
  • Trasfusioni di sangue

Ridotta escrezione con le urine

  • Insufficienza renale (anche forme acute)
  • Blocco urinario (tipicamente nell’ostruzione urinaria si ha un aumento del potassio, ma appena il blocco viene risolto, si ha un abbassamento repentino del potassio ematico)
  • Nefropatie
  • Morbo di Addison (ipocorticosurrenalismo)
  • Alcuni farmaci come eparina, ACE-inibitori, ciclosporina, tacrolimus, sartani, diuretici risparmiatori di potassio (spironolattone) e FANS

Fuoriuscita dalle cellule

  • Diabete mellito
  • Chetoacidosi diabetica
  • Ipoinsulinemia (anche da insulinoma)
  • Ipoaldosteronismo
  • Acidosi metabolica
  • Emorragie (sia dei tessuti molli che dal tratto gastro-intestinale)
  • Ustioni estese
  • Rabdomiolisi
  • Sforzi fisici intensi
  • Traumi gravi
  • Alcuni farmaci (beta bloccanti, digitale e chemioterapici)

La pseudoiperkaliemia

Un capitolo a parte merita la pseudoiperkaliemia. Si tratta di livelli sierici di K falsamente aumentati e lo si registra in seguito a:

  • emolisi
  • conta piastrinica > di 400000/mcL (durante la coagulazione le piastrine rilasciano K. In questo caso quello sierico è aumentato, mentre quello plasmatico valutato su sangue non coagulato è normale)

Sintomi di iperpotassiemia

Forme di ipokaliemia lieve a volte non provocano nessun sintomo. Tuttavia, man mano che i livelli ematici di potassiemia salgono potrebbero manifestarsi questi sintomi:

  • stanchezza eccessiva
  • debolezza
  • gambe pesanti
  • crampi muscolari
  • parestesie (alterazione della sensibilità cutanea)
  • paralisi flaccida
  • dispnea (difficoltà respiratoria)
  • dolorabilità addominale
  • nausea
  • vomito
  • diarrea
  • aritmie (bradicardie, fibrillazione ventricolare)
  • arresto cardiaco

Solitamente l’iperkaliemia tende a rimanere asintomatica fino a quando non si arriva allo stadio delle aritmie cardiache. Esiste poi una forma di paralisi periodica familiare iperkaliemica dove in acuto si ha astenia che evolve fino alla paralisi vera e propria.

Potassio alto nel sangue: cura

Ma come puoi diminuire il potassio alto? Come ridurre il potassio nel sangue? Ovviamente starà al tuo medico stabilire l’iter diagnostico e la terapia più adatta, anche perché molto dipenderà dalla causa sottostante. La terapia dell’iperpotassiemia, infatti, è volta sia a ridurre i livelli di potassio ematico, sia a trattare la causa sottostante. A volte, evidenziando l’eziologia corretta, è possibile che rientri nei range senza bisogno di ulteriori cure.

Nei casi di ipopotassiemia lieve, il medico per cercare di abbassare il K potrebbe:

  • ridurne l’introduzione modificando la dieta e riducendo gli alimenti ricchi di K
  • sospendere temporaneamente i farmaci che potrebbero provocare iperkaliemia
  • aggiungere diuretici d’ansa (furosemide) per aumentarne l’escrezione
  • utilizzare il polistirene sulfonato di Na

Nelle forme moderate-gravi, invece, la terapia dipenderà strettamente dai sintomi e dai segni clinici presenti. Nelle forme gravi, si somministra insulina e glucosata: l’insulina, infatti, favorisce l’ingresso del potassio (e del glucosio) nelle cellule. Se presenti anomalie del ritmo cardiaco, oltre all’insulina e al glucosio verrà fornito anche del calcio gluconato o dei beta2-agonisti. Anche qui, però, questi farmaci possono avere effetti collaterali importanti e non vanno somministrati in determinati pazienti (per esempio quelli con infarto del miocardio).

potassio alto banane e ribes

Potassio e alimentazione

Visto che una delle cause di iperkaliemia è l’introduzione nell’organismo di troppo K con il cibo , ecco che è lecito chiedersi cosa mangiare col potassio alto e quali alimenti evitare. Una dieta per il potassio alto dovrebbe essere sempre prescritta dal vostro nutrizionista di fiducia in accordo con le indicazioni fornite dal vostro medico di base.

Tuttavia è innegabile che esistano alimenti che contengono più K di altri: in caso di iperpotassiemia è bene non abusare di questi

Potassio alto: cosa mangiare ?

Essendo che frutta e verdura sono particolarmente ricchi di potassio, puoi lavare patate e verdure in acqua tiepida, in modo da ridurne la quantità contenuta. Inoltre la cottura di frutta e verdura contribuisce a ridurre il K assunto con la dieta.

Alimenti da evitare

Ci sono alcuni cibi ricchi di K. Questi sono gli alimenti da evitare (o almeno da ridurre) in caso di iperpotassiemia:

  • cioccolato
  • caffè
  • vino
  • birra
  • ketchup
  • biscotti
  • patate
  • spinaci
  • finocchi
  • legumi
  • frutta (soprattutto la frutta fresca, meglio prediligere quella cotta)

A proposito della frutta, quella maggiormente ricca di K è:

  • avocado
  • kiwi
  • ribes
  • banane
  • meloni
  • albicocche
  • noci
  • mandorle
  • pinoli
  • pistacchi
  • arachidi
  • nocciole
  • uvetta

Solitamente le banane vengono considerate il frutto più ricco di K in assoluto, ma non è così: sono precedute da avocado, kiwi e ribes. Lo stesso ISS, nella sezione relativa alle bufale e ai falsi miti sull’alimentazione, cita proprio la questione delle banane e del potassio.

Altri cibi da evitare sono:

  • cibi confezionati sulla cui etichetta è indicata la presenza di K
  • sostituiti del normale sale da cucina, che possono esserne ricchi
  • carne e il pesce in scatola, quelli salati, quelli speziati e quelli affumicati
  • sostituti della carne a base di soia o di proteine vegetali
  • zucchine al forno e le zucche trombetta
  • verdure o carni preparate con salse, dolci o salate che siano

Livelli di potassio nei cibi

Questa è una lista degli alimenti caratterizzati da livelli medi, alti o bassi di K:

Frutta e verdura

  • Alto contenuto di K: arance, avocado, banane, broccoli, carciofi, cocco, frutta essiccata, kiwi, patata dolce, papaya, patate, pesca noce, prugne, pomodori, spinaci, verdure a foglia verde, zucca
  • Livelli medi di K: albicocche, asparagi, carote, ciliegie, mais, melanzane, mele, peperoni, pere, pesche, ravanelli, succo d’ananas
  • Basso contenuto di K: cavolfiore, cetrioli, fagiolini, fragole, lattuga, mirtilli, pompelmo, uva

Carne e altre proteine

  • Alto contenuto di K: fagioli e piselli secchi, bacon, frutta secca, derivati della soia
  • Livelli medi di K: manzo, uova, pesce, pollame, maiale, vitello, burro di arachidi

Latticini

  • Alto contenuto di K: latte, yogurt
  • Basso contenuto di K: panna acida

Cereali

  • Alto contenuto di K: pane bianco, avena, riso raffinato, pasta.
  • Livelli medi di K: crusca e cereali, chips di mais, pane integrale.

Potassio alto: cosa fare?

Una dieta sana ed equilibrata e una regolare attività fisica possono aiutare a prevenire fenomeni di iperkaliemia lievi. Tuttavia, essendo che fra le cause di iperpotassiemia ci sono diverse malattie e che forme moderate-gravi di potassio alto possono provocare sintomi importanti come l’aritmia, ecco che è bene valutare col proprio medico un check-up periodico che comprenda anche il potassio fra gli esami del sangue richiesti.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews