domenica, Ottobre 17, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaLe criptovalute non sono adatte agli investitori professionali

Le criptovalute non sono adatte agli investitori professionali

Il gigante bancario svizzero, UBS, ha avvertito i suoi clienti che potenziali restrizioni normative potrebbero far esplodere la bolla delle criptovalute, rischio che rende il bitcoin inadatto agli investitori professionali.

UBS ha inviato una comunicazione ai suoi clienti affermando di ritenere possibile che un potenziale giro di vite normativo potrebbe far esplodere la bolla delle criptovalute. Se ciò dovesse accadere le criptovalute non sarebbero più veicoli di investimento adatti ai suoi clienti.

Secondo la visione della banca, i segnali di una regolamentazione più stringente stanno emergendo nei mercati occidentali tra cui gli Stati Uniti e il Regno Unito. Nella comunicazione si legge: “I regolatori hanno dimostrato che possono e vogliono dare un giro di vite alle criptovalute. Suggeriamo agli investitori di starne alla larga e costruire il loro portafoglio intorno ad asset meno rischiosi. Abbiamo a lungo avvertito che il cambiamento del sentimento degli investitori o le eventuali restrizioni normative potrebbero far scoppiare i mercati delle criptovalute come delle bolle“.

La banca sottolinea che i recenti sviluppi sulle norme sono un problema per le criptovalute. UBS cita i recenti divieti imposti alle attività di crypto mining nel Sichuan e in altre province cinesi. Nel Regno Unito, invece, la Financial Conduct Authority (FCA) sta dando un giro di vite alle attività di Binance, mentre altri exchange come Huobi hanno limitato la loro presenza nel paese.

Negli Stati Uniti il presidente della Federal Reserve di Boston, Eric Rosengren, ha dichiarato che tether USD (USDT) è uno dei rischi alla stabilità finanziaria a cui guardano. “Le pratiche di trading con le criptovalute, come l’estensione della leva fino a 50X o 100X, sembrano essere fondamentalmente in contrasto con la regolamentazione della finanza tradizionale”, ha scritto ancora UBS.

Le criticità menzionate da UBS non sono nuove nel settore delle criptovalute. Sin dalla comparsa del bitcoin una dozzina di anni fa, le istituzioni finanziarie tradizionali si sono sempre opposte al mercato delle criptovalute e al suo funzionamento.

Nonostante diverse istituzioni tradizionali siano entrate nel mercato negli ultimi mesi, la maggioranza è ancora avversaria delle criptovalute. UBS ha aggiunto di non escludere la possibilità di nuovi aumenti di prezzo in futuro, tuttavia considera le criptovalute un mercato speculativo che pone enormi rischi per gli investitori professionali.

Il prezzo del bitcoin resta sotto i 35 mila dollari, in calo di quasi il -50% dal massimo storico.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews