domenica, Ottobre 17, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMisteroIl governo degli Stati Uniti ha rubato la ricerca di Tesla?

Il governo degli Stati Uniti ha rubato la ricerca di Tesla?

Nikola Tesla è stata senza dubbio una delle menti più brillanti del XX secolo. Molte delle nostre merci moderne devono la loro esistenza alla sua mente brillante. Tuttavia, ha vissuto la maggior parte della sua vita in una battaglia costante con i broker energetici del suo tempo, vale a dire Thomas Edison sostenuto da General Electric.

Il 7 gennaio 1943, Tesla morì da solo e impoverito nella stanza 3327 del New Yorker Hotel. Due giorni dopo la sua morte, l’FBI ha ordinato il sequestro di tutti i suoi averi.

Metti Mi piace su anomalien.com su Facebook

Per rimanere in contatto e ricevere le nostre ultime notizie

Il suo lavoro di una vita è stato confiscato dall’Office of Alien Property anche se era cittadino americano da 52 anni. All’epoca si sapeva che Tesla aveva lavorato a diversi progetti importanti, comprese le comunicazioni wireless e l’energia gratuita illimitata.

Ultima foto di Nikola Tesla

Il piano di Tesla era di sfruttare l’energia dalle radiazioni presenti nell’universo, usando l’intero pianeta come conduttore. Ciò avrebbe significato che chiunque avrebbe potuto avere elettricità gratuita semplicemente conficcando un’asta di metallo nel terreno.

Queste nozioni non andavano d’accordo con l’élite di potere, il cui interesse era mantenere lo status quo, cioè mantenere in funzione le loro attività multimiliardari.

Dopotutto, a che serviva l’energia gratuita se non sarebbero stati in grado di misurarla e controllarla? Pertanto, molti ipotizzano che il governo degli Stati Uniti abbia agito in base alla pressione esercitata da queste grandi società. Alla fine spedirono la sua proprietà a Belgrado, in Jugoslavia, ma non prima di aver impiegato nove anni per attraversarla.

Questa situazione ha dato origine a una nozione pervasiva che è fortemente supportata da prove indiziarie: la ricerca di Tesla è stata considerata critica, persino pericolosa ed è stata confiscata per buona misura.

Le sue idee avrebbero potuto costituire un importante progresso per l’umanità ed è proprio per questo che sono state trattenute.

Nikola Tesla

Si ritiene che la tecnologia alla base di HAARP sia basata sulla ricerca di Tesla. Gli Stati Uniti hanno molti composti top secret in tutto il mondo e hanno anche una storia di sviluppo tecnologico segreto.

Forse è per questo che sono stati sequestrati i documenti di Tesla, ma potremmo non saperlo mai con certezza.

Dopo anni di domande su possibili insabbiamenti, l’FBI ha finalmente declassificato circa 250 pagine di documenti relativi a Tesla ai sensi del Freedom of Information Act nel 2016. L’ufficio ha seguito con due ulteriori rilasci, l’ultimo nel marzo 2018.

Ma anche con la pubblicazione di questi documenti, molte domande rimangono ancora senza risposta e mancano ancora alcuni file di Tesla.

Poco dopo un ingegnere elettrico, il dottor John G. Trump (sì, è lo zio dell’attuale presidente Donal Trump) è stato incaricato di rivedere i suoi documenti per scoprire se qualcuno di essi avesse un valore reale tangibile.

Ha stabilito che era “principalmente di carattere speculativo, filosofico e promozionale” e ha affermato che i documenti “non includevano nuovi suoni, principi o metodi praticabili per realizzare tali risultati”.

La famiglia allargata di Tesla, incluso suo nipote Sava Kosanovic, ha cercato disperatamente di far restituire almeno i suoi effetti personali. Le loro richieste sono state infine accolte e alcuni dei suoi oggetti personali sono stati restituiti alla famiglia.

Documenti recentemente declassificati rivelano che l’FBI, all’epoca, era preoccupata per le intenzioni di suo nipote. Avevano persino pensato di arrestarlo per evitare che il lavoro di Tesla cadesse nelle mani del nemico.

Dopo una lunga battaglia legale, Kosanovic, l’erede legittimo dei beni di suo zio, fu finalmente dato loro. I beni e i file di Tesla furono inviati a Belgrado.

Ma, curiosamente, degli 80 bauli circa degli effetti di Tesla, solo 60 sono arrivati ​​a Belgrado. Se il governo degli Stati Uniti avesse conservato o meno alcune delle informazioni e degli effetti è ancora, oggi, sconosciuto.

Si ritiene inoltre che il programma di iniziativa di difesa strategica “Star Wars” di Ronald Reagan negli anni ’80 sia stato probabilmente ispirato dal “Raggio della morte” di Tesla. Ma se il governo sta ancora utilizzando parte del materiale di Tesla per la sua ricerca e sviluppo, questo spiegherebbe perché alcuni dei suoi lavori originali, se del caso, mancano ancora oggi.

Ovviamente non lo sapremo mai con certezza.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews