domenica, Ottobre 17, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaGli investimenti in criptovaluta non richiedono norme ad hoc

Gli investimenti in criptovaluta non richiedono norme ad hoc

I ricercatori della Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI/BIS) hanno affermato che gli investimenti in criptovaluta non richiedono normative speciali differenti dalle altre attività finanziarie.

I ricercatori della BRI hanno pubblicato un documento di lavoro che ha preso in esame le tendenze tra alcuni dei principali investitori in criptovaluta. La ricerca mostra che, a differenza di altre attività finanziarie, le criptovalute non richiedono norme speciali.

Il fulcro della ricerca riguarda il presupposto che gli investitori in criptovaluta investirebbero nella classe di attivo abbandonando le valute emesse dai governi (fiat). Gli autori dello studio, però, smentiscono l’ipotesi che gli investitori in criptovaluta siano motivati dalla loro mancanza di fiducia nelle valute fiat e nella finanza regolamentata.

“Un aspetto di particolare rilevanza riguarda la presunta motivazione che ha portato alla creazione di queste criptovalute, esse sono il tentativo di progettare una alternativa al denaro fiat e alle banche commerciali, con l’obiettivo di creare una nuova forma di scambio che fosse resistente allo svilimento e alla censura dei governi e delle istituzioni finanziarie“, hanno scritto i ricercatori.

Gli autori hanno aggiunto che gli investitori sono attratti dalla speculazione vecchio stile , e come tale, gli investimenti in criptovaluta non hanno bisogno di una nuova regolamentazione. Credono che gli obiettivi degli investitori in criptovaluta sono gli stessi di altre classi di attività e come tali dovrebbero essere regolamentate. “Le criptovalute non sono ricercate come alternativa alle valute fiat o alla finanza regolamentata, ma sono invece oggetto di una speculazione digitale di nicchia“, hanno aggiunto gli autori.

Le criptovalute negli ultimi anni sono state adottate massicciamente. L’esempio più lampante proviene dall’India, dove notizie recenti rivelano che gli indiani hanno investito oltre 40 miliardi di dollari in criptovaluta solo nell’ultimo anno. Un dato in aumento rispetto ai 200 milioni di dollari dell’anno precedente, e che rappresenta un incremento di quasi il 20.000% in termini di adozione.

L’adozione non si è limitata ai soli investitori al dettaglio, anche gli investitori istituzionali sono entrati nel mercato, e questo nonostante i prezzi della maggior parte delle criptovalute siano attualmente in calo rispetto ai loro massimi storici.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews