domenica, Ottobre 17, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaCovid e infertilità: meno coppie dall'andrologo in lockdown

Covid e infertilità: meno coppie dall’andrologo in lockdown

Covid e infertilità: durante il lockdown meno coppie si sono rivolte all’andrologo

Prima della pandemia da Covid era una coppia infertile ogni quattro a trascurare diagnosi e terapie per trattare la propria condizione. Ma con il lockdown è peggiorato tutto e a dirlo è una fonte autorevole, la Società Italiana di Andrologia. La SIA ha infatti evidenziato come adesso il 50% delle coppie non si rivolga all’andrologo, spesso compromettendo del tutto la possibilità di avere figli.

In un documento, che verrà presentato il 2 e 3 luglio prossimi, durante la Conferenza di Consenso della SIA a Palermo, sono evidenziati invece i protocolli più efficaci in caso di infertilità maschile. Ma anche gli interventi diagnostici utili a comprendere la condizione in maniera più approfondita.

Anche in caso si desideri accedere alla PMA, o Procreazione Medicalmente Assistita, la strada del trattamento per l’infertilità va imboccata. Il documento della SIA evidenzia tutte le procedure diagnostiche, i tempi ed i modi per eseguire gli esami, come anche le modifiche allo stile di vita da attuare per lui.

È infatti necessario trattare il problema dell’infertilità maschile a 360°, parlando sì di cure e assunzione di integratori, ma anche di controlli e abitudini più salutari. Anche e soprattutto, come già detto prima, in vista di una PMA.

L’opinione della SIA sul problema infertilità maschile

Il professor Alessandro Palmieri, docente presso l’Università Federico II di Napoli, nonché Presidente della SIA, ha affermato:

Un maggior successo della PMA o una gravidanza naturale sarebbero possibili per molte delle coppie che si rivolgono ogni anno ai Centri per la fertilità, se solo si realizzasse una maggior sinergia fra ginecologi e andrologi nella prevenzione, diagnosi e cura dell’infertilità

Continua Palmieri:

Negli ultimi 30 anni l’infertilità maschile è raddoppiata e oggi si stimano 2 milioni di italiani ipo-fertili e oltre 250mila coppie ritenute infertili. Alcol, fumo, obesità, sedentarietà, alimentazione scorretta, infezioni trascurate, ma anche la diagnosi tardiva di patologie come il varicocele, sono tutti fattori che stanno compromettendo la fertilità maschile

È poi errato pensare che sia solo la donna ad avere un orologio biologico severo. Quello dell’uomo ha una maggiore indulgenza sui tempi, ma aspettare troppo per un figlio, può compromettere la possibilità di averne. E visto che la comunicazione e l’informazione sul tema sono fondamentali, chiedere aiuto per sciogliere ogni dubbio, è il primo passo.

Due chiacchiere con l’andrologo, possono aiutare a capire meglio la propria situazione e come affrontarla.

Via | ANSA

Foto | iStock

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews