domenica, Ottobre 17, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaSe in passerella sfila la vita

Se in passerella sfila la vita

moda -kK0D–1020×533@IlSole24Ore-Web.jpg” />

Niente è più effimero ed eterno della moda . Una sfilata, pochi minuti, tanti flash, un giorno solo che diventano storia del costume, bagaglio di una nazione e lessico familiare di milioni di persone. Sofia Gnoli ha raccolto in Ephimera. Dialoghi sulla moda il ciclo di incontri sulla moda che si sono tenuti alla Curia Iulia, antica sede del Senato romano, fra 2019 e 2020, a cura del Parco archeologico del Colosseo: è moda , ma alla fine è la nostra vita, perché ci sorprende, ci travolge, ci appartiene, ci racconta. «La moda – scrisse il filosofo tedesco Walter Benjamin – è come un balzo di tigre, ha il senso dell’attuale, dovunque esso viva nella selva del passato». E nel gran bazar delle immagini, di cui il libro è ricchissimo.

Roma laboratorio di idee

La moda è così antica da essere contemporanea, soprattutto se la si vive e la si respira in un Paese come l’Italia o ancor più negli spazi eterni di Roma. Silvia Venturini Fendi, figlia di Anna, una delle cinque sorelle Fendi, lavora nell’azienda che porta il nome di famiglia anche dopo la vendita al gruppo Lvmh: «Roma è un laboratorio di idee e, nel suo caos, è una città che contiene infiniti immaginari. Anzi, forse è un luogo più fertile per la creatività proprio perché non tutto è perfetto. E certe contaminazioni la rendono ancora più stimolante». Già, proprio le contaminazioni. Il marchio di fabbrica di Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci dal 2015 e archeologo delle cose a venire: «Roma rappresenta il luogo – diciamo disgraziato, fuori moda – che mi dà la possibilità di produrre cose diverse. Perché questo luogo dove c’è tutto e non c’è niente, questo luogo dove c’è la storia del mondo ma c’è anche l’apocalisse del mondo è folgorazione, è uno spazio contemporaneo intimo e grandioso».

Loading…

Quanto conta l’«heritage»

Il terzo direttore creativo protagonista di Ephimera è Maria Grazia Chiuri, della maison Dior. Un’italiana, romanissima, che ha in mano le redini del più iconico dei brand francesi: «Il mio approccio da Dior è stato molto chiaro: sono sempre stata consapevole della storia dell’azienda e ho tenuto conto dell’heritage, ma ho lavorato per interpretarlo in un modo che mi rappresenti, contemporaneo, con una mia visione di moda che è italiana e non francese». Torna in Maria Grazia Chiuri il tema del rapporto moda -arte. C’è scambio, dialogo, crescita. Un melting pot felice e colorato che determina il nostro quotidiano. Come accadde alle D.P., le Doppie Pagine di Anna Piaggi (1931-2012). Potrebbe essere liquidata come giornalista di moda e sarebbe un grave errore, visto il suo esprit poliedrico. Innovativa, visionaria, talent scout, «elegant punk», come da definizione di Paolo Castaldi, era convinta che «si vive visualmente e bisogna immaginarsi sempre come una polaroid» e Luca Stoppini sottolinea che le sue Doppie Pagine «per decenni sono state l’esempio perfetto di coniugazione tra moda , immagine e grafica».

Storia dei dandy

Se la moda è mito, non meno lo sono i dandy. Nel suo saggio, Giuseppe Scaraffia lo tratteggia meglio di una fotografia: «Il dandy è perennemente solo perché come Flaubert, che scriveva notte e giorno nell’eremo di Croisset, vuole sopra ogni cosa piacere a se stesso … I veri dandies sanno quanto impegni costi simulare la casualità nella spiegazzatura del fazzoletto … Non è in nostro potere evitare il dolore e l’angoscia, la noia o la tristezza, ma possiamo arginarle con l’eleganza». Quella interpretata da Luigi Ontani, artista, seduttore, regista e attore, «referente della moda e ispiratore del tempo», come lo definisce Mariuccia Casadio.

Gli occhi, affamati, spaziano da una pagina all’altra, da una foto di sfilata a una installazione fino alla giunonica Venere di Tiziano: è un libro opulento da sfogliare lentamente, da assaporare dialogo dopo dialogo, creazione dopo creazione. E arricchito da una riflessione di Quirino Conti sulla liquidità dei confini fra maschile e femminile e da un racconto di Gabriella Pescucci, premio Oscar per i costumi (L’età dell’innocenza, 1993).

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews