venerdì, Settembre 24, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaHuobi sospende i derivati per i trader di Cina e Regno Unito

Huobi sospende i derivati per i trader di Cina e Regno Unito

Huobi, uno dei maggiori scambi di criptovaluta in Cina, ha vietato ai trader cinesi e britannici di accedere ai suoi servizi legati ai derivati.

L’exchange di criptovalute Huobi ha sospeso i servizi sui derivati ai trader del Regno Unito e della Cina. Una decisione presa a seguito dell’aggiornamento dell’accordo con gli utenti da parte della piattaforma di trading che ha sospeso i trader dei due paesi e di altre regioni.

Huobi riferisce che i trader cinesi possono ancora accedere alla sua piattaforma, ma possono usarla solo per lo spot trading. Il servizio di trading dei derivati non è più disponibile per i trader cinesi. Colin Wu, nel suo tweet, ha dichiarato: “Huobi, il maggiore exchange cinese, ha aggiornato il suo accordo con gli utenti per vietare ai clienti in Cina, Regno Unito e altri paesi di utilizzare i derivati per fare trading“.

Huobi, China’s largest exchange, updated its user agreement to prohibit users in China, the United Kingdom and other places from using derivatives to trade. pic.twitter.com/RhiwhJHANb

— Wu Blockchain (@WuBlockchain) June 28, 2021

Oltre al Regno Unito e alla Cina, sono stati esclusi i trader di Stati Uniti, Canada, Hong Kong, Giappone e Israele. La piattaforma di scambio di criptovalute ha aggiunto che la lista è soggetta a modifiche nel tempo a seconda dei cambiamenti nelle politiche dei paesi e dei tipi di prodotti disponibili per i trader nelle rispettive giurisdizioni.

Huobi ha vietato ai trader cinesi di usare i derivati pochi giorni dopo aver ridotto la leva che potevano utilizzare da 12x a 5x. L’exchange ha vietato il trading di derivati legati alle criptovalute anche ai nuovi utenti cinesi.

Le restrizioni giungono a seguito dell’adozione di misure restrittive sulle attività in criptovaluta da parte del governo cinese. Il governo del Sichuan ha vietato le attività di mining delle criptovalute tagliando la fornitura di energia alle principali mining farm della regione.

In seguito la People’s Bank of China (PBoC) ha chiesto alle banche e alle società di pagamento cinesi di stare alla larga dalla gestione delle transazioni in criptovaluta. Alcune banche lo hanno già fatto e hanno emesso un avviso ai loro clienti di cessare le transazioni in criptovaluta.

Il divieto per i clienti del Regno Unito potrebbe essere dovuto ai problemi di Binance con la Finance Conduct Authority (FCA). La FCA ha emesso un avviso a Binance poiché non ha il permesso di svolgere attività regolamentate nel paese.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews