venerdì, Settembre 24, 2021
Disponibile su Google Play
HomeSportIl coronavirus ora mette a rischio la stagione di MotoGp e Formula...

Il coronavirus ora mette a rischio la stagione di MotoGp e Formula 1

C’è chi lo ammette esplicitamente e chi lo lascia intendere sperando di poter riaccendere i motori a luglio. Fatto sta che i massimi campionati mondiali motoristici, a due e quattro ruote, potrebbero veder cancellata la stagione 2020 a causa della pandemia di coronavirus. Con danni economici ancora tutti da calcolare.

La MotoGp

Loading…

Sulla possibilità di non disputare il motomondiale 2020 Dorna, la società che organizza l’evento e ne detiene i diritti economici, è stata chiara: «La pandemia ha già portato a revisioni del calendario per la stagione in corso, monitoriamo da vicino la situazione, mantenendo aperti tutti i canali di comunicazione. L’obiettivo principale è sempre stato e rimarrà il tentativo di organizzare la stagione con il maggior numero possibile di gran premi, concludendo entro l’anno solare 2020». Tuttavia, se la pandemia si protrarrà «più a lungo di quanto nessuno di noi sia in grado di anticipare e le restrizioni di viaggio restano in vigore, solo come ultima risorsa si prenderebbe in considerazione la possibilità di discutere la cancellazione della stagione 2020 con la Fim, Irta e Msma». Gli ultimi gran premi a essere stati rinviati, lo scorso 7 aprile, sono quelli del Mugello e della Catalogna. A questo punto in calendario la prima gara è prevista il 21 giugno al Sachsenring.

Formula 1
Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, in una intervista alla britannica Sky Sports News ha spiegato che «non c’è certezza sulla ripartenza. Abbiamo parlato questa settimana con Liberty Media e stiamo cercando di organizzare il miglior campionato possibile, magari potremmo partire a luglio se le condizioni lo permetteranno. A fine maggio, comunque, il quadro dovrebbe essere più chiaro». Per il momento Liberty Media, la società che gestisce il Circus, ha cancellato tutti i gran premi di Formula 1 fino a metà luglio, cioè fino al Canada.
A questo punto si sta pensando per compensare le perdite economiche a una profonda revisione dei costi. «Sono sicuro che molti team, fornitori, produttori potrebbero dover rivedere i loro programmi», ha detto il presidente della Federazione internazionale dell’automobile (Fia), Jean Todt. «Spero che proprietari di team o sponsor manterranno la motivazione. Ecco perché dobbiamo assicurarci di non scoraggiarli». La Fia non spingerà per la ripresa della stagione. «Non metteremo nessuno in pericolo di riprendere un campionato. Riprenderemo solo quando avremo garanzie che il rischio di contaminazione è zero.»

Nuova filosofia

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews