venerdì, Settembre 24, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareRipresa dell’industria alimentare a rischio: non si trovano i tecnici di produzione

Ripresa dell’industria alimentare a rischio: non si trovano i tecnici di produzione

Il settore alimentare è tra i pochi, durante la pandemia, ad aver retto. Ora, con la ripresa, si prepara a correre sul mercato nazionale e su quelli esteri. Ma la ripartenza potrebbe essere di quelle senza l’acceleratore: all’appello mancano diversi tecnici chiave per garantire il funzionamento delle linee produttive. L’allarme arriva da Legacoop, che ha commissionato un’indagine a Randstad Research, ed è la prima volta che il comparto lancia un segnale di questo genere. Mancano i tecnici dei processi produttivi (75% di difficoltà a reperirli), seguiti dai meccanici e montatori di macchinari industriali (47%), dai tecnici della produzione e preparazione alimentare (46%), dagli operai specializzati addetti alla panificazione e alla produzione di pasta (43%) e dagli artigiani specializzati nelle lavorazioni casearie (36%).

Perché non si trovano queste figure? Secondo gli esperti di Randstad, tra le principali cause c’è una diffusa sottoqualificazione dei lavoratori disponibili sul mercato, seguita da una scarsa capacità di aggiornarsi e tenersi al passo con i cambiamenti tecnologici. Un ruolo importante, per colmare questi gap, può essere svolto dagli Istituti tecnici superiori (Its): quelli attivi in ambito agroalimentare sono 18, collocati in 12 regioni, ognuno dei quali ha la possibilità di caratterizzare i percorsi formativi adattandoli alle esigenze del mercato di riferimento.

Loading…

La via da perseguire è dunque quella di ampliare e rafforzare la capacità formativa degli Its, in linea con i fabbisogni professionali espressi dalle imprese. Un passo in questa direzione può essere rappresentato dalla riforma del sistema Its inserita nel Pnrr, che prevede l’incremento degli iscritti da 5.097 a 18.750 e dei diplomati da 3.761 a 5.250, il potenziamento dei laboratori con tecnologie 4.0, la formazione dei docenti e lo sviluppo di una piattaforma digitale per le offerte di lavoro rivolte agli studenti in possesso di qualifiche professionali.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews