venerdì, Settembre 17, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaperché succede e come prevenirlo

perché succede e come prevenirlo

Svenire dopo il vaccino: perché succede?

Svenire dopo il vaccino: è capitato anche a voi? Purtroppo si tratta di un problema che può generare paura, ma in realtà le cause dello svenimento post-vaccino sono assolutamente innocue. A spiegarlo sono i membri del Centers for Disease Control and Prevention, i quali fanno sapere che gli svenimenti dopo le vaccinazioni sono un fenomeno frequente, che riguarda non soltanto il vaccino anti-Covid, ma anche gli altri tipi di vaccini.

Il problema sembra colpire maggiormente gli adolescenti, ed è noto con il nome di sincope vasovagale.

Si tratta essenzialmente di una temporanea perdita di coscienza causata da una diminuzione del flusso sanguigno al cervello. Ma quali sono le cause di questo fenomeno? Ed esiste un modo per prevenire lo svenimento dopo la vaccinazione?

Svenire dopo il vaccino: le cause

Naturalmente questo problema non colpisce tutti, ma è pur sempre utile conoscerne le cause e gli eventuali modi per prevenirlo.

Dal momento che la sincope vasovagale post-vaccino si verifica non in casi specifici (quindi non, ad esempio, solo nel caso del vaccino contro il Covid), ma anche con differenti tipi di vaccino, gli scienziati ritengono che il problema sia dovuto in realtà al processo di vaccinazione in sé, e non tanto a ciò che viene iniettato.

In casi del genere, di solito il problema può essere innescato da ansia o da dolore, dalla paura degli aghi o da uno stato di disidratazione.

Il problema generalmente tende a risolversi nell’arco di qualche minuto, in seguito ai quali il paziente dovrà comunque rimanere in osservazione in modo da poter prestare eventuali cure mediche, qualora dovesse essere necessario.

Come prevenire la sincope vasovagale?

Fortunatamente esistono alcuni piccoli accorgimenti che aiutano a prevenire lo svenimento. I medici spiegano infatti che dare ai pazienti una bevanda, uno snack o semplicemente offrire delle rassicuranti parole di conforto può ridurre il rischio.

Inoltre, sarà opportuno effettuare la vaccinazione in posizione seduta o sdraiata, per evitare eventuali incidenti causati dalla perdita di coscienza.

via | CDC
Foto di Katja Fuhlert da Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews