sabato, Settembre 25, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareIl pistacchio di Raffadali conquista il riconoscimento Dop

Il pistacchio di Raffadali conquista il riconoscimento Dop

Tutela, valorizzazione, crescita dell’indice reputazionale sul mercato europeo. Il pistacchio di Raffadali conquista l’agognato traguardo della Dop e il comitato promotore di Raffadali – che per cinque anni ha inseguito l’obiettivo – elenca tutte le ricadute benefiche derivanti da uno dei marchi di tutela giuridica più ambiti nell’agroalimentare.

A sancire ufficialmente il riconoscimento è la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale delle comunità europee (22 marzo), del regolamento di esecuzione (Ue) 2021/474, contenente la registrazione del prodotto (classe 1.6) nel registro delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche protette.

Loading…

Una grande notizia per Raffadali e per i territori coinvolti: la Dop aprirà scenari importanti per i produttori ed i trasformatori associati. «Ora il nostro prodotto può sognare di entrare nel panorama europeo, di essere tutelato e valorizzato, con la conseguente crescita economica di un intero territorio», commenta Carmelo Bruno, del Comitato promotore del Pistacchio di Raffadali.

Si tratta di un’area su cui operano un centinaio di produttori e una ventina di trasformatori sparsi tra ventinove comuni della provincia di Agrigento e due della provincia di Caltanissetta. Cinquecento i pistacchieti gestiti. Le ricadute economiche di questo upgrade non sono ancora stimabili: «Solo dopo la costituzione del Consorzio avremo la tracciabilità del prodotto in entrata e in uscita – spiega Bruno. A oggi ogni ettaro di pistacchio ha un potenziale di 18/19mila euro di produzione lorda vendibile».

L’iter verso la Dop aveva subito un brusco stop qualche tempo fa, quando i cugini della vicina Bronte chiesero al ministero delle Politiche agricole alcuni chiarimenti su disciplinare, territorio, unicità, quantità del prodotto concorrente. La forte collaborazione tra associazione per la tutela del Pistacchio di Raffadali, ministero, regione siciliana e Bruxelles ha poi portato, a fine novembre, alla chiusura della fase istruttoria, con l’accettazione da parte della commissione europea, di tutte le controdeduzioni e l’avvio della fase di registrazione. Decorsi tre mesi – e in assenza di opposizione – il traguardo della Dop è stato raggiunto.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews