venerdì, Settembre 24, 2021
Disponibile su Google Play
HomeGossipDdl Zan, secondo la Chiesa «viola il Concordato»

Ddl Zan, secondo la Chiesa «viola il Concordato»

È la prima volta che succede, la prima volta che la Chiesa interviene nell’iter di approvazione di una legge italiana. Lo fa per chiedere formalmente, attraverso i suoi canali diplomatici, di modificare il «ddl Zan», il disegno di legge contro l’omotransfobia. Secondo la Chiesa, il testo – che è stato approvato alla Camera e che è ora all’esame della Commissione Giustizia del Senato – violerebbe in «alcuni contenuti l’accordo di revisione del Concordato».

Nel documento della Segreteria di Stato, depositato da monsignor Paul Richard Gallagher – inglese, segretario per i Rapporti con gli Stati – all’ambasciata italiana presso la Santa Sede, sono illustrate le preoccupazioni della Chiesa: «Alcuni contenuti attuali della proposta legislativa in esame presso il Senato riducono la libertà garantita alla Chiesa Cattolica dall’articolo 2, commi 1 e 3 dell’accordo di revisione del Concordato».

I commi in questione sono quelli che garantiscono alla Chiesa «libertà di organizzazione, di pubblico esercizio di culto, di esercizio del magistero e del ministero episcopale» e «ai cattolici e alle loro associazioni e organizzazioni la piena libertà di riunione e di manifestazione del pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione».

Secondo la Santa Sede, alcuni passaggi del ddl Zan potrebbero minare la «libertà di organizzazione» e la «libertà di pensiero» della comunità dei cattolici (che potrebbero rischiare conseguenze giudiziarie nell’esprimere le loro convinzioni). Un altro punto in discussione è che le scuole cattoliche non sarebbero esentate dall’organizzazione della futura Giornata nazionale contro l’omofobia. A conclusione del documento, scrive il Vaticano, «chiediamo che siano accolte le nostre preoccupazioni».

Contro il «ddl Zan» si era già espressa, per ben due volte, la Cei: nel giugno 2020 aveva affermato che «esistono già adeguati presidi con cui prevenire e reprimere ogni comportamento violento o persecutorio» e, circa un mese e mezzo fa, che «una legge che intende combattere la discriminazione non può e non deve perseguire l’obiettivo con l’intolleranza».

LEGGI ANCHE

Alessandro Zan: «la mia legge contro i crimini d’odio»

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

Simone Bastoni

YouGoNews