lunedì, Settembre 27, 2021
Disponibile su Google Play
HomeGossipLady Diana, le ultime parole (e la lotta contro quella «ferita nascosta»)

Lady Diana, le ultime parole (e la lotta contro quella «ferita nascosta»)

Sono passati quasi 24 anni dalla morte di Lady Diana, eppure continuano a circolare assurde teorie cospirative legate al tragico incidente in cui rimase coinvolta. Così, alla vigilia di quello che sarebbe stato il suo 60esimo compleanno, il Daily Mail ha ricostruito gli ultimi istanti di vita della compianta principessa attraverso le testimonianze dei primi soccorritori giunti sul luogo dello schianto.

«Sono stato con lei dentro l’auto, le ho tenuto la mano in attesa dell’ambulanza», ha raccontato il sergente Xavier Gourmelon, capo dei Vigili del Fuoco, probabilmente l’ultima persona a parla con Diana nel tunnel dell’Alma, a Parigi. «Io non mi ero neppure accorto che si trattava della principessa, me lo hanno fatto notare dopo. Ricordo che mi disse “Oh mio Dio, cosa è successo”, io provai a calmarla».

Sì, perché quando i soccorsi sono arrivati sul posto, Lady D era ancora cosciente e comunicava. Come ha ricordato Gourmelon, a prima vista presentava soltanto un problema alla spalla, poi nessun’altra evidente lesione esterna. «Era bellissima, sul viso non aveva ferite», ha rivelato pure il medico fuori servizio Frederic Mailliez, che stava guidando in direzione opposta ma si è subito fermato ad aiutare.

«Era viva sul pianale posteriore dell’auto, ho preso di corsa i miei strumenti da lavoro». D’altronde, seppur Diana respirasse autonomamente e il polso fosse buono, un esperto sa che certi incidenti possono lacerare parti interne del corpo, delicatissime. «La sua lesione è stata forse la più rara che io abbia riscontrato in carriera», ha dichiarato Richard Shepherd, medico legale che si è occupato del caso.

«Si trattava di un piccolo strappo, ma nel punto sbagliato, che ha provocato la rottura di un vaso polmonare. Causando l’emorragia fatale, l’intervento d’urgenza non servì a nulla». Ad operarla, quella notte, fu MonSef Dahman, all’epoca giovane chirurgo: «Stavo riposando in sala operatoria, quando ricevetti una chiamata dall’anestesista di turno», ha spiegato. «Mi dissero solo che era una giovane donna».

Poi, l’informazione: si trattava di Diana. «Aveva uno strappo significativo nel suo pericardio, ci voleva un miracolo». Arrivò al pronto soccorso pure il professor Alain Pavie, forse il miglior cardiochirurgo francese, che era stato buttato giù dal letto: «Decise che andava operata di nuovo e si rese conto che la lesione più grave riguardava una vena polmonare. Suturò la ferita, ma purtroppo non bastò».

Il cuore di Diana cessò di battere e il tentativo di rianimarla fu vano: «Ci abbiamo provato dando il massimo. Tutti abbiamo lottato duramente per provare a salvare la principessa che il mondo amava».

LEGGI ANCHE

Il dottore che provò a salvare Lady Diana: «Quella notte maledetta»

LEGGI ANCHE

Lady Diana, che non voleva risposarsi e si chiedeva se fosse una brava mamma

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews