Stamattina davanti al municipio di Sarzana è apparso un messaggio che sembra tanto una minaccia: a “portare” il messaggio, un fantoccio impiccato, con un cartello.

Sul foglio c’è scritto: “ho un bar a Sarzana”. Che sia una minaccia per chi lavora al Comune o un tentativo disperato (e anche maldestro) di mostrare il futuro di un barista? I Carabinieri stanno ancora indagando per cercare di risalire all’identità degli autori del gesto. Di certo non sembra una coincidenza che questo fantoccio sia stato impiccato con un cappio all’inferriata del portone municipale, a pochi giorni dalla nuova ordinanza sulla movida.

Il sindaco, infatti, aveva recentemente emesso un provvedimento in vista della stagione degli eventi, per cercare di limitare le intemperanze e l’abuso di alcol in piazza Garibaldi e in altre zone della città dove si sono registrate risse e schiamazzi. Tra queste restrizioni, c’era la chiusure dei locali alle 2 di notte, con l’obbligo del servizio al tavolo da mezzanotte e fino all’una e trenta. La musica , inoltre, dev’essere da sottofondo e sarà consentita fino a mezzanotte nei festivi e prefestivi e fino alle 23.00 nei feriali.

Forse alcuni di questi provvedimenti potrebbero non essere stati accolti bene da molti titolari di bar e locali, spingendoli a “lamentarsi” in questo modo alquanto raccapricciante?

[ Fonte: CittàdellaSpezia.com]