mercoledì, Luglio 28, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaSmartphone a letto, 3 italiani su 4 a dormire col telefono

Smartphone a letto, 3 italiani su 4 a dormire col telefono

Smartphone a letto, 3 italiani su 4 non riescono a separarsi dal telefonino

La luce blu che gli schermi di Tv, smartphone, e-reader, tablet, computer emanano può causare problemi non indifferenti alla salute, soprattutto per quello che riguarda il riposo notturno. Studi scientifici hanno dimostrato che la pessima abitudine di tenere accesi gli schermi durante le ore notturne può inibire la produzione della melatonina, l’ormone che aiuta a dormire sonni tranquilli. Secondo un recente sondaggio pare che 3 italiani su 4 non siano in grado di dire no allo smartphone a letto, ance se sono consapevoli dei rischi che corrono.

La survey è stata condotta da Emma – The Sleep Company, azienda che produce sistemi per il sonno, che ha voluto indagare i comportamenti degli italiani quando si tratta di utilizzare device elettronici prima di addormentarsi. Il 69% degli italiani sa quali sono gli effetti di tali comportamenti sul sonno, ma meno del 9% è disposto a rinunciare a guardare le ultime notifiche di Facebook, le più recenti foto pubblicate su Instagram, i messaggini arrivati su Whatsapp sotto le coperte.

Il 96% degli italiani ammette di avere un riposo notturno disturbato almeno una o due volte al mese. Il 28%, invece, raramente trascorre nottate che possono considerarsi rigeneranti.

La luce blu di tablet e telefonini non fa male al sonno?

Smartphone a letto, quali sono i possibili rischi?

Gli italiani sono consapevoli di quello a cui vanno incontro, anche se non rinunciano a guardare schermi sotto le lenzuola. Il 57% sa che i device possono provocare difficoltà di addormentamento mentre il 31% conosce un altro disturbo, quello che rende difficile avere un sonno piacevole di notte. Solo il 4% è a conoscenza del fatto che gli smartphone utilizzati fino a tarda notte possono causare un risveglio davvero difficoltoso.

Non stupisce il fatto che 8 italiani su 10, il 79%, sanno che esistono dei filtri per proteggere gli occhi e contenere i danni potenziali provocati dalla luce blu. Anche se il 53% non ha alcuna intenzione di usarlo.

Foto di StockSnap da Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews