giovedì, Settembre 16, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMisteroImmuni, dal 3 giugno sperimentazione in 4 regioni: tutto quel che c'è...

Immuni, dal 3 giugno sperimentazione in 4 regioni: tutto quel che c’è da sapere in 10 punti

Chi può installarla?
Immuni può essere installato un po’ da tutti. I requisiti hardware sono molto comuni, ma è necessario l’aggiornamento del sistema operativo che si usa. Immuni è già disponibile sugli store di Apple e Google (App Store e Play Store) per tutti gli utenti iPhone o Android. Se lo smartphone non sarà compatibile con l’applicazione, sarà la stessa “Immuni” a segnalarlo all’utente. Per ora non è previsto un rilascio per gli ultimi smartphone Huawei e Honor, quelli sprovvisti del PlayStore di Google.

Ci sarà una fase sperimentale?
In una prima fase Immuni sarà utilizzabile in via sperimentale solo dai cittadini residenti in quattro Regioni: Liguria, Puglia, Marche e Abruzzo. La sperimentazione partirà mercoledì 3 giugno. L’applicazione potrà essere scaricata gratuitamente da tutti gli italiani sul proprio smartphone. Solo nelle regioni in cui sarà attivo il test, però, l’app sarà collegata al Sistema Sanitario Nazionale, nelle altre invece si dovrà attendere qualche giorno, la chiusura della sperimentazione: si potrà scaricare ma i servizi che non saranno accessibili.

I miei dati personali sono a rischio?
È una domanda complessa, nell’era della digitalizzazione. Tuttavia, per come è fatta Immuni non vi è qualsiasi condivisione relativa a nome, cognome, indirizzo, numero di telefono, rubrica, geolocalizzazione, interessi o app installate. I codici scambiati fra smartphone che stabiliscono in contatto sono cifrati e anonimi. Gli unici dati richiesti dopo l’installazione sono relativi alla provincia di residenza.

Il bluetooth scarica la batteria?
La tecnologia utilizzata per il tracciamento è il bluetooth LE (low emission), che teoricamente non richiede un grosso dispendio energetico. Il punto vero è che Immuni, senza il bluetooth attivo è completamente inutile. Chi decide di usare Immuni, insomma, si abitui a tenere la connessione bluetooth in modalità ON. Non servono, invece, tenere attivo il GPS.

Cosa devo fare se risultato positivo?
Chi risulta positivo e usa Immuni può decidere di segnalarlo, in modo che il contact tracing possa avere benefici. Attenzione, però: non è una procedura abilitata a tutti (per evitare falsi positivi). Una volta che una persona risulta positiva, riceve dalle autorità sanitarie una OTP (una password temporanea) da digitare in un’area specifica dell’App dove è possibile segnalare – in modo del tutto – il proprio stato di positività.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews