mercoledì, Luglio 28, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaL’euro digitale potrebbe prosciugare l’8% dei depositi bancari, afferma Morgan Stanley

L’euro digitale potrebbe prosciugare l’8% dei depositi bancari, afferma Morgan Stanley

Gli analisti della banca d’investimento multinazionale statunitense Morgan Stanley hanno stimato i probabili cambiamenti dei depositi nelle banche dell’eurozona nello scenario di adozione generale dell’euro digitale.

Secondo gli analisti, una central bank digital currency (CBDC) dell’Unione Europea potrebbe prosciugare fino all’8% dei depositi dei clienti nelle banche dell’eurozona, come riferito mercoledì da Reuters. Questa percentuale potrebbe essere molto più elevata in paesi più piccoli come Lettonia, Lituania, Estonia, Slovacchia, Slovenia e Grecia.

Le stime degli analisti si basano su uno scenario “ribassista” in cui tutti i cittadini dell’eurozona sopra l’età di 15 anni inviano 3.000 euro in un wallet per l’euro digitale controllato dalla Banca Centrale Europea. Come segnalato in precedenza, questo importo potrebbe essere un limite teorico delle riserve totali di CBDC per i residenti, stando ai commenti di Fabio Panetta, membro del comitato esecutivo della BCE.

“Questo potrebbe teoricamente ridurre i depositi totali nell’eurozona, definiti come depositi da nuclei familiari e da società non finanziarie, di 873 miliardi di euro, pari all’8%,” hanno sottolineato gli analisti di Morgan Stanley.

Correlato: L’euro digitale potrebbe richiedere quattro anni, afferma la presidente della BCE

Inoltre, Morgan Stanley ha affermato che l’adozione dell’euro digitale potrebbe incrementare leggermente il rapporto prestiti/depositi (LDR) medio delle banche nell’eurozona, aumentando le probabilità che le banche possano non avere abbastanza liquidità per soddisfare requisiti di fondi imprevisti. Gli analisti stimano che l’LDR medio aumenterebbe dal 97% al 105%, sottolineando che le banche nel complesso “noterebbero a malapena” l’effetto, in quanto verso la fine del 2019 l’LDR ha raggiunto il 105% prima della pandemia di COVID-19.

Molte banche nel mondo hanno espresso preoccupazioni circa il maggiore potere sull’offerta monetaria conferito alle banche centrali attraverso l’adozione di una CBDC. La scorsa settimana, un documento di discussione della Bank of England ha modellato uno scenario in cui un quinto di tutti i depositi retail nel Regno Unito è sotto forma di valuta digitale. “In risposta a questi potenziali deflussi, le banche commerciali dovrebbero adeguare i propri bilanci per sostenere i loro attuali rapporti di liquidità,” ha evidenziato la banca.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews