domenica, Agosto 1, 2021
Disponibile su Google Play
HomeScienzaLa chiocciola del Cretaceo, nell'ambra dopo il parto

La chiocciola del Cretaceo, nell’ambra dopo il parto

Le appendici sul suo capo tese in posizione di allarme fanno pensare che avesse avvertito l’imminente pericolo, ma non fece in tempo a fuggire: 99 milioni di anni fa, un gasteropode terrestre – una chiocciola – di quello che oggi è il Myanmar, fu investita da una goccia di resina fresca insieme ai suoi cinque piccoli appena partoriti. Quella capsula del tempo ha portato fino a noi uno dei fossili meglio conservati di un animale altrimenti noto soltanto dall’impronta del guscio.
 
È un ritrovamento molto importante: il frammento d’ambra è infatti anche la testimonianza di un tipo di nascita che con il tempo è divenuta sempre più rara tra questi animali.

La posizione della lumaca e dei piccoli appena nati; accanto, il reperto perfettamente trasparente e osservabile.
© Tingting Yu

Nati vivi. Il fossile rinvenuto dai paleontologi del Senckenberg Research Institute and Natural History Museum di Francoforte, e del Museo di Storia Naturale di Berna, è la più antica prova di viviparità tra le chiocciole, quel tipo di riproduzione in cui l’embrione si sviluppa all’interno del corpo materno e viene quindi partorito. Alcune chiocciole mettono al mondo così la prole ancora oggi, ma la maggior parte di esse depone invece le uova. È possibile che durante il Cretaceo l’essere vivipari servisse a questi gasteropodi per proteggere i piccoli dai predatori.

La chiocciola (a sinistra nella foto) e la lumaca (a destra) sono entrambi molluschi, nello specifico gasteropodi terrestri polmonati. La differenza più evidente tra le due è il guscio, che nella lumaca, a seconda della specie, può essere assente o non rilevabile a occhio nudo  - in questo caso è inglobato nella massa del mantello.

La chiocciola (a sinistra nella foto) e la lumaca (a destra) sono entrambi molluschi, nello specifico gasteropodi terrestri polmonati. La differenza più evidente tra le due è il guscio, che nella lumaca, a seconda della specie, può essere assente o non rilevabile a occhio nudo – in questo caso è inglobato nella massa del mantello.
© Shutterstock

Nel momento peggiore. Alla specie, descritta sulla rivista scientifica Gondwana Research, è stato dato il nome di Cretatortulosa gignens. Come i suoi più moderni parenti, i molluschi della superfamiglia Cyclophoroidea, probabilmente trascorreva la maggior parte delle giornate a banchettare su foglie morte. Non è chiaro se siano state la fulminea caduta della resina, la sua proverbiale lentezza (per la quale si è imposto l’appellativo di lumaca anche alle chiocciole) o la stanchezza del parto a impedire a madre e figli di mettersi in salvo per tempo: le analisi del reperto con la TAC hanno mostrato che uno dei piccoli era ancora legato al corpo della madre da un filamento di muco.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews