mercoledì, Luglio 28, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturacos'è e quali sono i suoi sintomi

cos’è e quali sono i suoi sintomi

Variante Delta Covid: cos’è e quali sono i sintomi

Da quando ne abbiamo sentito parlare la prima volta, sono emerse numerose mutazioni del Covid 19. La variante Delta è l’ultima in ordine cronologico: è stata isolata nel dicembre del 2020 in India. A quanto confermato dagli esperti, è preoccupante in quanto considerata più trasmissibile di altre: si è già diffusa in almeno 62 paesi. Ad oggi sarebbe la responsabile, nel Regno Unito, del 91% dei nuovi casi.

Cos’è la variante Delta?

La variante Delta è la replica del virus originale con alcune differenze – mutazioni – che lo hanno reso più forte, più contagioso. La Delta è la quarta variante globale preoccupante. In Italia, ad oggi, se ne conoscono pochi casi. Nel Regno Unito, invece, è il ceppo dominante. La variante Delta è conosciuta come l’ex variante indiana.

Variante Delta Covid: cos'è e quali sono i sintomi

Quali sono i sintomi?

Come un po’ tutte le varianti del Coronavirus, anche in questo caso la maggior parte dei sintomi è simile e comprende:

  • Febbre e brividi
  • Dolori muscolari o muscolari
  • Gola infiammata o tosse
  • Mancanza di respiro o difficoltà a respirare
  • Fatica
  • Mal di testa
  • Perdita del gusto o dell’olfatto
  • Congestione o naso che cola
  • Nausea o vomito
  • Diarrea

Se la maggior parte dei sintomi è simile a quelli provocati dalle altre varianti, i medici che curano i pazienti in India hanno riportato come alcuni di questi abbiano perso l’udito ed abbiano riportato gonfiore intorno al collo e tonsillite. I coaguli di sangue sono una complicazione preoccupante del COVID-19: si sospetta che i numerosi constatati negli ultimi tempi in pazienti malati di Covid possano essere dovuti a questa nuova variante.

I vaccini COVID proteggono contro la variante Delta?

È troppo presto per dire con certezza se i vaccini COVID approvati proteggano dalla variante delta, anche se i primi dati sembrano essere promettenti. Secondo una ricerca pubblicata su Lancet, sarebbe stato rilevato come i vaccini riducano il rischio di ospedalizzazione. Per riscontrare effetti considerevoli, tuttavia, occorrono 28 giorni dopo la somministrazione della prima dose. Il Pfizer fornisce una protezione del 79% (contro il 92% nel caso di variante inglese). L’AstraZeneca, invece, del 60% contro il 73.

Photo | Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews