mercoledì, Luglio 28, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaFarmaco per la cura dell'Alzheimer, parere SIN e SINdem

Farmaco per la cura dell’Alzheimer, parere SIN e SINdem

Nuovo farmaco per la cura dell’Alzheimer, parere favorevole da SIN e SINdem

La Società Italiana di Neurologia (SIN) e l’Associazione SIN demenze (SINdem) si sono espresse sul nuovo farmaco per la cura dell’Alzheimer dopo la decisione della Food and Drug Administration (USA), l’autorevole Agenzia americana per il controllo dei farmaci, di approvare in maniera accelerata il medicinale. L’Aducanumab, prodotto da Biogen, è utile per il trattamento della Malattia di Alzheimer. A tal proposito la comunità scientifica si era divisa, ma le due associazioni si esprimono favorevolmente.

SIN e SINdem, infatti, si dicono soddisfatte del lavoro di tanti ricercatori e studiosi, alcuni dei quali anche italiani. E sono certe che serviranno altri studi di conferma e test clinici per valutare la reale efficacia clinica del trattamento della Malattia di Alzheimer soprattutto nelle fasi iniziali della patologia.

La SIN e la SINdem invitano la comunità neurologica scientifica e clinica a continuare la propria attività tenendo conto che le cure, anche quelle attualmente a disposizione, per essere realmente efficaci necessitano di diagnosi tempestive e corrette, di percorsi gestionali standardizzati e multidimensionali, e di una adeguata presa in carico del malato e dei caregiver.

Primo farmaco per l’Alzheimer: Roberto Burioni, un momento storico

Nuovo farmaco per la cura dell’Alzheimer, il commento del Presidente SIN

Il Professor Gioacchino Tedeschi, Presidente SIN spiega perché è favorevole all’approvazione dell’FDA:

Gli studi che hanno condotto all’approvazione hanno documentato la riduzione del deposito di amiloide nel cervello dei pazienti trattati. E pur mancando ancora la conferma che questo dato strumentale correli con un reale miglioramento clinico, la notizia è senza dubbio importante. La deposizione di amiloide nei neuroni non è probabilmente la sola causa della Malattia di Alzheimer. Ma rappresenta certamente un attore importante nel meccanismo di malattia.

Farmaco contro l’Alzheimer: il primo si dell’FDA dopo 20 anni di attesa

Ora la speranza è che gli Enti regolatori Europei e Nazionali prendano atto della decisione della FDA. Per la SIN e la SINdem è fondamentale avviare una riflessione sull’attuale organizzazione dei Servizi Sanitari e dei Centro dedicati al Declino Cognitivo e Demenze, per aggiornare il Piano Nazionale delle Demenze e garantire investimenti adeguati.

Foto Getty

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews