domenica, Giugno 13, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaRimini Wellness, 1 italiano su 3 si dedica alla cura del corpo

Rimini Wellness, 1 italiano su 3 si dedica alla cura del corpo

Un giro d’affari di 10 miliardi all’anno e 18 milioni di praticanti. È il mondo del fitness in Italia che si ritrova a Rimini Wellness dal 30 maggio al 2 giugno. La kermesse dedicata a fitness, benessere, business, sport , cultura fisica e sana alimentazione quest’anno attende alla Fiera di Rimini gruppi di visitatori da circa 80 Paesi, con i mercati più rappresentanti (Sud-Est europeo, Sud America e Medio Oriente). L’evento, insieme ad altre 52 fiere e 181 eventi congressuali tenuti nella doppia sede di Rimini e di Vicenza, è organizzato da Italian exhibition group , società che ha chiuso il bilancio 2018 con ricavi totali consolidati di 159,7 milioni, un Ebitda di 30,8 milioni e un utile netto consolidato di 10,8 milioni.

Alla Fiera di Rimini dal 30 maggio al 2 giugno

Loading…

Quella che sta per aprire è la 14esima edizione, il cui successo si deve alla

capacità di riunire le due anime delle attività sportive non agonistiche, il grande pubblico degli appassionati e il mondo degli operatori di un mercato, come quello italiano che in Europa è secondo dietro soltanto a quello tedesco. A livello territoriale, le Regioni con il maggior numero di praticanti sono Lombardia con il 19% degli abitanti, Veneto (11%), Emilia-Romagna e Lazio (10%), Toscana (8%), Campania (6%), Puglia e Sicilia (4%).

A livello mondiale, invece, l’Europa è il continente nel quale le attività di fitness sono più diffuse: il numero di praticanti supera infatti quello degli Stati Uniti e muove un giro d’affari di 26,3 miliardi di euro, contro i 23,3 degli Usa. Sempre in Europa si stima che il settore procuri occupazione a circa 7 milioni di addetti. In Italia, dove tra palestre specifiche e spazi dedicati al fitness in più ampi complessi sportivi si contano 8.114 centri, le figure professionali sono oltre 120mila e la loro richiesta è in continuo aumento, soprattutto per determinate professionalità come i laureati in scienze motorie. Il loro tasso medio di occupazione si aggira intorno al 75% e raggiunge ben il 94,1% a un anno di distanza dalla laurea. Nella maggior parte dei casi si tratta però di forme di lavoro autonome o parasubordinate.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews