mercoledì, Luglio 28, 2021
Disponibile su Google Play
HomeGossippillola post rapporto alle minorenni anche senza ricetta

pillola post rapporto alle minorenni anche senza ricetta

Per i giudici non è una pillola abortiva e dunque le minorenni possono continuare a richiedere al farmacista, senza bisogno della ricetta. La decisione del Tar si basa su documentazione scientifica che appunto definisce la pillola dei cinque giorni dopo non un farmaco abortivo.

È stato il Tar del Lazio a rigettare la richiesta di alcune associazioni, fra cui Pro vita e famiglia onlus e Family day, che volevano reintrodurre la richiesta del medico per le ragazze che chiedono la pillola nei giorni successivi a un rapporto.

Secondo i giudici non hanno portato dati clinici sufficienti e decisivi. Il medicinale di cui si parlava, EllaOne, ulipistral acetato, insieme con la più vecchia pillola del giorno dopo con il farmaco Norlevo, può continuare a essere richiesto senza ricetta.

Lo scorso ottobre l’Agenzia per il farmaco, l’Aifa, ha aperto all’acquisto del farmaco senza prescrizione da parte del farmacista anche alle minorenni. «Si tratta di uno strumento altamente efficace per la contraccezione d’emergenza per le giovani che abbiano avuto un rapporto non protetto, entro i 5 giorni dal rapporto», ha detto allora il Direttore Generale AIFA, Nicola Magrini, «ed è anche, a mio avviso, uno strumento etico in quanto consente di evitare i momenti critici che di solito sono a carico solo delle ragazze».

Per l’Agenzia del farmaco è «una svolta per la tutela della salute fisica e psicologica delle adolescenti». Le madri adolescenti hanno meno probabilità di portare a termine gli studi e trovare un posto di lavoro e rischiano più di altre di cresce i propri figli sole e in contesti disagiati. Dai primi dati sulle vendite non sembra che la possibilità avere la pillola anche senza ricetta abbia fatto crescere il numero delle richieste.

Nel ricorso contro Aifa le associazioni sostenevano che non ci sono studi sui rischi per le minori e si ipotizzava una violazione della legge 194 con l’utilizzo di un medicinale con «effetto antinidatorio e dunque di pratica abortiva». Invece questi farmaci non interrompono una gravidanza in corso, ma solo l’ovulazione.

LEGGI ANCHE

Libera di abortire: «Perché non succeda ad altre quello che è successo a me»

LEGGI ANCHE

Pillola dei 5 giorni dopo, senza ricetta anche per le minorenni

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews