domenica, Giugno 13, 2021
Disponibile su Google Play
HomeScienzaCovid, la protezione dei vaccini è protratta nel tempo

Covid, la protezione dei vaccini è protratta nel tempo

Siamo testimoni storici dell’importanza dei vaccini come presidio sanitario pubblico: ancora una volta, i dati dell’Istituto Superiore di Sanità fotografano l’impatto della campagna vaccinale in Italia, con un’impressionante riduzione di nuovi casi, ricoveri e decessi per covid in ogni fascia di età e una sempre più concreta speranza: quella di una protezione protratta nel tempo. Il secondo rapporto di analisi congiunta dei dati dell’anagrafe nazionale vaccini e della sorveglianza integrata COVID-19 (Istituto Superiore di Sanità e Ministero della Salute) si riferisce a circa 14 milioni di persone vaccinate con almeno una dose di qualunque vaccino, quasi un quarto della popolazione italiana.

Vite salvate. Come si legge nel documento, i rischi di contagio da covid, di ricovero, ammissione in terapia intensiva e decesso per infezione da SARS-CoV-2 diminuiscono rapidamente dopo le prime due settimane e fino a circa 35 giorni dopo la somministrazione della prima dose di un qualunque vaccino. A quel punto, la riduzione si stabilizza su livelli di cui stiamo in questi giorni osservando i frutti: meno 80% nel rischio di diagnosi, meno 90% di rischio di ricovero e ammissione in terapia intensiva, meno 95% di rischio di decesso.
 
Questa protezione è osservabile sia negli uomini sia nelle donne, in tutte le fasce di età, e anche nei contesti più a rischio come ospedali e RSA. L’analisi conferma i risultati già rilevati nel precedente rapporto, ma su numeri più grandi, che comprendono un maggior numero di vaccinati nella classe di età dai 40 anni in su.

Protetti a lungo. A differenza del precedente rapporto, quest’ultimo, che comprende dati fino al 30 maggio, ha continuato a studiare l’efficacia dei vaccini nel tempo: quel che emerge dai dati è che nel lungo periodo, a 105-112 giorni dalla vaccinazione, si osserva un nuovo “gradino”, un’ulteriore riduzione del rischio di diagnosi, con un effetto simile negli uomini, nelle donne e in persone in diverse fasce di età. Fatto importante, non si rileva un aumento del rischio di diagnosi di covid nei 130 giorni successivi alla vaccinazione: la protezione offerta dai vaccini è protratta nel tempo e – dato che non si registra alcun cenno di diminuzione nel periodo considerato – potrebbe durare a lungo.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews