venerdì, Settembre 17, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareAgricoltura: il cambiamento climatico aumenta la diffusione dei parassiti, colture a rischio

Agricoltura: il cambiamento climatico aumenta la diffusione dei parassiti, colture a rischio

Continuiamo a parlare di agricoltura perché il cambiamento climatico e il relativo surriscaldamento globale ha aumentato la diffusione dei parassiti delle piante. Il che vuol dire che le colture sono a rischio.

A lanciare l’allarme è uno studio della FAO: circa il 40% della produzione agricola mondiale è andata perduta a causa dei parassiti. Ogni anno le malattie delle piante provocano una perdita all’economia globale di più di 220 miliardi di dollari, mentre gli insetti invasivi si attestano sui 70 miliardi di dollari.

Il report, dal titolo “A global challenge to prevent and mitigate plant-pest risks in agriculture, forestry and ecosystems” è stato realizzato da Maria Lodovica Gullino dell’Università di Torino e altri dieci co-autori provenienti da tutto il globo. Secondo i dati analizzati, il cambiamento climatico ha evidenziato come aumenterà il rischio che i parassiti possano diffondere negli ecosistemi agricoli e forestali. E questo soprattutto nelle regioni artiche, boreali, temperate e subtropicali.

Il problema è che il clima più caldo contribuisce a far diffondere maggiormente determinati parassiti anche in zone dove prima non c’erano. È quanto accaduto, per esempio, con il verme autunnale che si nutre di colture come mais, sorgo e miglio e i moscerini della frutta tefritidi.

Ci sono, poi, insetti come la locusta del deserto che potrebbe facilmente cambiare la propria rotta migratoria, finendo anche in territori nei quali normalmente non è presente. E di esempi del genere ce ne sarebbero parecchi, basti pensare alla questione della cimice asiatica.

Per cercare di arginare il problema, bisogna agire su più fronti per bloccare il cambiamento climatico, la perdita di biodiversità e il degrado ambientale. Fra le misure attuate, bisogna mettere in pratica le norme della Convenzione internazionale per la protezione delle piante (IPPC) per quanto riguarda le misure fitosanitarie da applicare per evitare l’introduzione e la diffusione di parassiti delle piante.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews