giovedì, Settembre 16, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMistero5 forti ragioni per cui possiamo vivere in un multiverso

5 forti ragioni per cui possiamo vivere in un multiverso

L’universo in cui viviamo potrebbe non essere l’unico là fuori. In effetti, il nostro universo potrebbe essere solo uno di un numero infinito di universi che compongono un “multiverso”.

Sebbene il concetto possa aumentare la credulità, dietro c’è una buona fisica. E non c’è solo un modo per arrivare a un multiverso: numerose teorie fisiche puntano indipendentemente a tale conclusione. In effetti, alcuni esperti pensano che l’esistenza di universi nascosti sia più probabile che no, riporta space.com.

Metti Mi piace su anomalien.com su Facebook

Per rimanere in contatto e ricevere le nostre ultime notizie

Ecco le cinque teorie scientifiche più plausibili che suggeriscono che viviamo in un multiverso.

Universi infiniti

Gli scienziati non possono essere sicuri di quale sia la forma dello spazio-tempo, ma molto probabilmente è piatta (al contrario di quella sferica o addirittura a forma di ciambella) e si estende all’infinito. Ma se lo spazio-tempo va avanti all’infinito, allora deve iniziare a ripetersi ad un certo punto, perché ci sono un numero finito di modi in cui le particelle possono essere disposte nello spazio e nel tempo.

Quindi, se guardi abbastanza lontano, incontreresti un’altra versione di te – in effetti, infinite versioni di te. Alcuni di questi gemelli faranno esattamente quello che stai facendo tu in questo momento, mentre altri avranno indossato un maglione diverso questa mattina, e altri ancora avranno fatto scelte di carriera e di vita molto diverse.

Poiché l’universo osservabile si estende solo per quanto la luce ha avuto la possibilità di arrivare nei 13,7 miliardi di anni dal Big Bang (che sarebbero 13,7 miliardi di anni luce), lo spazio-tempo oltre quella distanza può essere considerato il suo universo separato.

In questo modo, una moltitudine di universi esiste uno accanto all’altro in una gigantesca trapunta patchwork di universi.

Universi di bolle

Oltre ai molteplici universi creati dallo spazio-tempo che si estende all’infinito, altri universi potrebbero nascere da una teoria chiamata “inflazione eterna”. L’inflazione è l’idea che l’universo si sia espanso rapidamente dopo il Big Bang, gonfiandosi in effetti come un pallone.

L’inflazione eterna, proposta per la prima volta dal cosmologo della Tufts University Alexander Vilenkin, suggerisce che alcune sacche di spazio smettono di gonfiarsi, mentre altre regioni continuano a gonfiarsi, dando così origine a molti “universi bolla” isolati.

Quindi, il nostro universo, dove l’inflazione è terminata, permettendo la formazione di stelle e galassie, non è che una piccola bolla in un vasto mare di spazio, in parte ancora in fase di gonfiaggio, che contiene molte altre bolle come la nostra.

E in alcuni di questi universi-bolla, le leggi della fisica e le costanti fondamentali potrebbero essere diverse dalle nostre, rendendo alcuni universi davvero strani.

Universi paralleli

Un’altra idea che deriva dalla teoria delle stringhe è la nozione di “braneworlds” – universi paralleli che si librano appena fuori dalla nostra portata, proposta da Paul Steinhardt dell’Università di Princeton e Neil Turok del Perimeter Institute for Theoretical Physics in Ontario, Canada.

L’idea deriva dalla possibilità di molte più dimensioni del nostro mondo rispetto alle tre dello spazio e una del tempo che conosciamo. Oltre alla nostra “brana” tridimensionale dello spazio, altre brane tridimensionali possono fluttuare in uno spazio di dimensioni superiori.

Il fisico della Columbia University Brian Greene descrive l’idea come l’idea che “il nostro universo è una di potenzialmente numerose ‘lastre’ che galleggiano in uno spazio di dimensioni superiori, proprio come una fetta di pane all’interno di una più grande pagnotta cosmica”, nel suo libro “The Hidden Realtà” (Vintage Books, 2011).

Un’ulteriore piega su questa teoria suggerisce che questi universi di brane non sono sempre paralleli e fuori portata. A volte, potrebbero sbattersi l’uno contro l’altro, causando ripetuti Big Bang che resettano gli universi più e più volte.

Figlia Universi

La teoria della meccanica quantistica, che regna sul minuscolo mondo delle particelle subatomiche, suggerisce un altro modo in cui potrebbero sorgere più universi. La meccanica quantistica descrive il mondo in termini di probabilità, piuttosto che di risultati definiti.

E la matematica di questa teoria potrebbe suggerire che tutti i possibili esiti di una situazione si verificano – nei loro universi separati. Ad esempio, se raggiungi un bivio dove puoi andare a destra oa sinistra, l’universo presente dà origine a due universi figli: uno in cui vai a destra e uno in cui vai a sinistra.

“E in ogni universo, c’è una copia di te che assiste all’uno o all’altro risultato, pensando – erroneamente – che la tua realtà sia l’unica realtà”, ha scritto Greene in “The Hidden Reality”.

Universi matematici

Gli scienziati hanno discusso se la matematica sia semplicemente uno strumento utile per descrivere l’universo, o se la matematica stessa sia la realtà fondamentale, e le nostre osservazioni dell’universo siano solo percezioni imperfette della sua vera natura matematica.

Se quest’ultimo è il caso, allora forse la particolare struttura matematica che costituisce il nostro universo non è l’unica opzione, e infatti tutte le possibili strutture matematiche esistono come i loro universi separati.

“Una struttura matematica è qualcosa che puoi descrivere in un modo che è completamente indipendente dal bagaglio umano”, ha detto Max Tegmark del MIT, che ha proposto questa idea stravolgente. “Credo davvero che ci sia questo universo là fuori che può esistere indipendentemente da me e che continuerebbe a esistere anche se non ci fossero umani”.

Un sacco di cose da accettare, eh? Per molti, solo pensando a queste proposte, vacilla la mente. Qualcuno che sta leggendo crede davvero che da qualche parte nello spazio esista il proprio archetipo?

Non solo, ma questa replica è disponibile in copie illimitate, ognuna delle quali vive un esempio simile ma modificato della tua vita. Oppure, potrebbe essere che ci sia una dimensione, o forse più dimensioni esistenti appena oltre la punta delle dita?

Quando considero tutte le persone che mi insultano per le mie convinzioni; poi lamentarsi di uno degli scenari descritti sopra, chissà se si sentono anche loro. Forse c’è una lezione in questo per tutti noi?

C’è un universo molto grande là fuori… o universi… o forse qualcosa che supera la nostra comprensione.

Di Clara Moskowitz, fonte: space.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews