giovedì, Settembre 16, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMusicaRai, rinviata l'assemblea degli azionisti per approvare il bilancio

Rai, rinviata l’assemblea degli azionisti per approvare il bilancio

Il rinnovo dei vertici Rai è al momento uno dei temi caldi a viale Mazzini, ma non solo: nelle ultime settimane l’argomento è sempre più al centro dell’agenda politica, anche se non pare destinato a trovare nell’immediato una soluzione, soprattutto per quanto riguarda la nomina del presidente e dell’amministratore delegato della tv pubblica. È notizia delle ultime ore che, su richiesta del governo, l’assemblea degli azionisti Rai è stata rinviata al 30 giugno, data fissata per la prima convocazione. Il giorno individuato rappresenta il termine ultimo, secondo lo statuto della tv di Stato, per approvare il bilancio, compito che spetta proprio all’assemblea degli azionisti, dopo che questo ha già ottenuto il via libera da parte dell’attuale consiglio d’amministrazione.

L’attuale cda, che ha espresso nell’ultima seduta un giudizio favorevole sul piano di fattibilità per la realizzazione di una nuova sede a Milano presso il Portello, delibera che sta facendo discutere parecchio la politica, si ritroverà ad essere in carica quindi almeno fino a mercoledì 30 giugno, quando l’assemblea degli azionisti dovrebbe approvare il bilancio, con un ritardo di più di venti giorni rispetto alla data inizialmente prevista, ovvero martedì 8 giugno.

L’Usigrai (Unione sindacale Giornalisti Rai), in una nota a firma congiunta con la Federazione Nazionale Stampa Italiana, definisce tale slittamento come un’operazione volta a “trovare la quadra su come occupare e lottizzare” il Servizio Pubblico da parte dei partiti, che lascerebbero però l’azienda “nel pantano”. Vittorio Di Trapani, segretario nazionale dell’Usigrai, chiede di “spiegare pubblicamente i motivi del rinvio”, mentre Riccardo Laganà, attuale membro del cda Rai per i dipendenti (in corsa anche per un secondo mandato), rivendica il lavoro svolto dal consiglio d’amministrazione in carica che “ha rispettato i tempi e le procedure per il rinnovo del componente interno”.

Non manca neanche la reazione della politica: Michele Anzaldi, membro della Commissione di Vigilanza Rai, pone tramite un tweet diversi interrogativi:

Chi ha deciso questo dannoso spreco di tempo e perché? Perché le Camere non sono state informate?

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews