giovedì, Settembre 16, 2021
Disponibile su Google Play
HomeScienzaI cani fiutano la covid meglio di alcuni test rapidi

I cani fiutano la covid meglio di alcuni test rapidi

Quando si tratta di scovare le infezioni da covid, il fiuto dei cani è più preciso di molti test rapidi, e potrebbe essere sfruttato per individuare i positivi al virus nei luoghi affollati: la nuova conferma di un sospetto che aleggiava nell’aria già da qualche mese arriva da uno studio condotto, tra marzo e aprile 2021, dall’Ecole nationale vétérinaire d’Alfort (Francia) e dall’Unità di ricerca clinica dell’Ospedale Necker-Cochin di Parigi.

L’ascella, prego. Lo studio si basa sul sospetto che molte patologie portino a sviluppare un odore caratteristico: per alcune, come la malattia di Parkinson, le evidenze sono chiare; per altre, come la covid, occorrono maggiori prove. Partendo però da questa idea, il team ha raccolto campioni di odore (batuffoli di cotone tenuti per due minuti sotto le ascelle) da 335 persone tra i 6 e i 76 anni, tutti volontari, che dovevano effettuare un tampone anticovid classico in alcuni laboratori di analisi parigini. Il cotone conservato in recipienti sigillati è stato in un secondo tempo sottoposto all’olfatto di nove cani addestrati, nessuno dei quali è mai entrato in contatto diretto con i volontari. Per non influenzare i risultati, neanche gli addestratori sapevano quali, tra i campioni, fossero di persone che il tampone aveva già identificato come positive.

Molto accurati. I cani – con le loro reazioni agli odori – hanno individuato il 97% delle 109 persone risultate positive ai tamponi nasali tradizionali ( tecnica della Reazione a Catena della Polimerasi, PCR), e sono stati molto precisi anche nello scartare i campioni negativi, con percentuali del 91%.

L’attendibilità canina parrebbe, stando allo studio, anche più elevata di quella di molti test rapidi alla covid – come gli antigenici di prima generazione – che sfruttano la metodologia lateral flow (l’utilizzo di anticorpi che facciano da reagenti alle proteine del virus, più quello di nanomateriali usati come sensori per interpretare i risultati). Secondo una recente revisione di 64 studi, questi test rapidi identificano correttamente in media il 72% delle persone contagiate con sintomi e non più del 58% degli asintomatici.

Nuove possibilità. Questo non significa che trasformeremo i cani in laboratori di analisi, sostituendo il loro fiuto ai test più o meno precisi. Piuttosto, potremmo sfruttare le loro capacità per screening anti-covid in luoghi molto affollati (come gli aeroporti, dove sono già talvolta impiegati) o per individuare, tra chi ha sintomi sospetti, le persone che dovrebbero per prime sottoporsi a un tampone a PCR, che resta lo strumento principe per arrivare a una diagnosi.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews