venerdì, Settembre 17, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaun nuovo aiuto per i genitori

un nuovo aiuto per i genitori

Come aiutare un figlio tossicodipendente: nasce il progetto “Forse mio figlio si droga”

Come aiutare un figlio tossicodipendente? Scopri il nuovo progetto per sostenere i genitori in questa dolorosa situazione

Come aiutare un figlio tossicodipendente? E come capire se un figlio si droga davvero o se si tratta solamente di un falso allarme? Molti genitori di figli adolescenti possono trovarsi a dover affrontare una situazione del genere. Si tratta di una realtà che fa paura. Quando mettiamo al mondo un bambino, desideriamo il meglio per lui. Vorremmo aiutarlo a vivere in modo sano, cerchiamo di fare in modo che abbia una buona cultura , che sia felice e al sicuro.

Purtroppo nella vita di un genitore non sempre va sempre tutto secondo i piani. Talvolta i nostri figli rischiano di “perdersi”, prendono strade rischiose che potrebbero portarli a consumare sostanze nocive, come droghe e alcol.

Per il genitore di un figlio tossicodipendente, una situazione del genere è un vero incubo a occhi aperti. Spesso ci si ritrova spiazzati e incapaci di reagire, almeno in un primo momento. Dopodiché, subentra l’urgenza naturale di aiutare il proprio figlio a uscire dal tunnel che sta percorrendo.

Come aiutare un figlio tossicodipendente: il servizio Forse mio figlio si droga

Per aiutare mamme e papà alle prese con figli potenzialmente dipendenti dalle sostanze stupefacenti, a Roma è nato il servizio di consulenza e orientamento ‘Forse mio figlio si droga‘. Il progetto, voluto dai membri dell’Associazione Arcipelaghi, con la collaborazione dell’Istituto Europeo di Formazione e Consulenza Sistemica e del II Municipio, è rivolto ai genitori preoccupati per i propri figli. Fra le paure più comuni vi sono quelle relative al consumo di bevande alcoliche e di droghe, ma anche la dipendenza dal gioco d’azzardo e dai giochi on line.

Il servizio consiste in due incontri gratuiti (in presenza o anche on line) insieme ai professionisti di Arcipelaghi, i quali potranno rispondere a tutti i dubbi dei genitori, fornire delle informazioni e le soluzioni più adeguate in base allo specifico problema.

Se state affrontando questa dolorosa situazione, potrete richiedere un appuntamento chiamando i numeri 3338377131 e 3284085561. Oppure potreste inviare una email all’indirizzo [email protected] o contattare l’associazione tramite la pagina Facebook Arcipelaghi Benessere Psicologico.

via | AdnKronos
Foto di Лечение Наркомании da Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews