giovedì, Giugno 17, 2021
Disponibile su Google Play
HomeViaggiAltro che viaggi "last second". A sorpresa, abbiamo già ricominciato a prenotare...

Altro che viaggi “last second”. A sorpresa, abbiamo già ricominciato a prenotare in anticipo

Prenotiamo all’ultimo minuto? Sì ma lo scenario sta rapidamente cambiando. Lo racconta una ricerca di Amadeus, il più importante fornitore di tecnologie e soluzioni per i viaggi e la gestione delle prenotazioni turistiche, relativa al mese scorso e battezzata “Rebuilding Hospitality: Trends in Demand, Data and Technology that are Driving Recovery”. Cosa ne esce? Che a livello globale le prenotazioni di notti in albergo effettuate nelle 24 ore precedenti sono calate dal 39% del totale nella prima settimana dell’anno, col pianeta avvolto da insuperabili divieti di viaggio, al 23% nell’ultima settimana di aprile. Verosimilmente quella fetta dev’essere scesa ancora, negli ultimi giorni.

 

Insomma, la macchina dell’ospitalità si sta rimettendo in moto e la finestra di prenotazione ha ripreso ad allungarsi. Segno di una ritrovata fiducia nella programmazione di viaggi e soggiorni legata, almeno in certi paesi, al miglioramento della situazione epidemiologica, alle campagne vaccinali e ai sistemi di reciprocità che i governo stanno progettando e lanciando, dalle bolle ai “digital green certificate”, per evitare le quarantene (l’Italia ha appena eliminato quella di cinque giorni, si può ora entrare dall’area Schengen con un tampone PCR o antigenico negativo effettuato nelle 48 ore precedenti la partenza). Proprio aprile sembra essere stato un mese di relativa svolta, con tassi di occupazione degli hotel e delle altre strutture che ha toccato un confortante 46%. Basti pensare che nello stesso mese di un anno fa, quando il mondo era davvero chiuso a chiave per contenere la diffusione di un virus quasi sconosciuto, quel tasso era del 13%. Legato cioè solo alle necessità strumentali delle strutture d’emergenza in giro per il mondo.

 

Ovviamente il quadro è profondamente diverso a seconda della macroregione che si osserva: l’occupazione varia dal 60% delle stanze prenotate in Cina al 50% in Nord America. L’Europa è in coda con un 18% che promette però di crescere rapidamente già dalla fine del mese e poi da giugno per tutta l’estate con l’allentamento delle restrizioni e l’arrivo di un pass europeo che uniformerà il più possibile le regole per l’ingresso nei diversi paesi membri e appunto dell’area Schengen. Dovrebbe entrare in funzione fra la metà e la fine del prossimo mese.

 

Il rapporto di Amadeus spiega anche che se le prenotazioni last-minute sono state sostanzialmente l’unica modalità di viaggio residua durante i mesi di pandemia (nomadismo digitale a parte di cui abbiamo spesso parlato), le finestre stanno appunto allungandosi. Lentamente, ma il movimento comincia a farsi significativo: le prenotazioni effettuate da uno a due mesi di anticipo – per la precisione, da 31 a 60 giorni prima del soggiorno – sono passate dal 6% della prima settimana dell’anno all’11% di fine aprile. Per metterla in un altro modo, all’inizio di aprile 2020 il 62% di tutte le prenotazioni globali erano effettuate sette giorni prima e il 41% lo stesso giorno. Lo scenario, per fortuna, sta cambiando. Altre indagini supportano infatti l’ottimismo degli operatori del settore: secondo Skyscanner le prenotazioni per i voli sono passate ora a 80 giorni di anticipo in Europa, Medio Oriente e Africa, 70 in Nord e Sudamerica e 54 nella regione Asia-Pacifico.

 

Tornando ai numeri di Amadeus, dal rapporto esce che il problema più sentito da parte delle grandi catene e dei proprietari di hotel e strutture varie è la mancanza dei viaggiatori per affari, legata sia alle restrizioni ma anche e soprattutto al fatto che l’offerta delle compagnie è meno reattiva rispetto all’allentamento delle restrizioni. Insomma, anche dove si potrebbe andare in un certo paese con più facilità rispetto a qualche settimana o mese fa, spesso mancano i voli. O se ne trovano di troppo scomodi, lunghi e complicati magari per soggiorni brevi. Anche quest’anno per gran parte degli addetti ai lavori sarà dunque il turismo interno a salvare la stagione, anche se due-terzi degli albergatori non pensano che si possano raggiungere livelli di occupazione delle strutture paragonabili alla vita pre-Covid prima della fine del 2022.

 

Fra l’altro le piattaforme di intermediazione, forse scontando i problemi dello scorso anno fra rimborsi, voucher e altri sistemi non sempre lineari di gestione delle prenotazioni saltate, hanno visto calare la propria quota di prenotazioni gestite a favore di una riscoperta del “direct booking”. Anche se il meccanismo si è rimesso in moto e le cosiddette “ota”, online travel agency, producevano il mese scorso il 19% delle prenotazioni totali, in salita anche rispetto al 16% del 2019.

 

E con le vaccinazioni come la mettiamo? Difficile da dire. Il 46% degli albergatori su scala globale è indeciso se richiedere agli ospiti un “certificato verde” o una qualche forma di passaporto sanitario che attesti la vaccinazione. Un terzo, per ora, lo esclude.

 

 

 

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews