mercoledì, Giugno 16, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturasuccede a 1 persona su 4

succede a 1 persona su 4

Pentirsi del tatuaggio? Succede a 1 persona su 4

Pentirsi del tatuaggio è un problema molto comune, che colpisce una persona su 4: scopri come evitare di essere proprio quella persona

Pentirsi di un tatuaggio è un problema più comune di quanto possiate pensare. È per questo motivo che i tatuatori consigliano sempre di scegliere con molta cura il tipo di disegno o la frase da incidere, e di riflettere bene sul motivo che vi spinge a scegliere questo genere di decorazione. Un errore dettato dalla fretta, dall’entusiasmo del momento o dalla distrazione, potrebbe portarvi a odiare il vostro nuovo tatuaggio, e a dover fare ricorso ai dolorosi trattamenti per rimuoverlo.

Anche la scelta del tatuatore è di fondamentale importanza. Soprattutto durante questo particolare periodo di emergenza, quando le strutture sono rimaste chiuse a causa delle restrizioni, molte persone si sono cimentate nel mestiere di tatuatore in modo abusivo, spesso senza avere le competenze per realizzare dei tatuaggi, e soprattutto senza rispettare le norme igieniche e di sicurezza fondamentali per una procedura di questo tipo.

Un tatuaggio fatto male, un tatuaggio troppo nero, troppo spesso o sbavato, è difficile da sistemare. Sappiamo che la voglia di farsi realizzare un disegno significativo sulla pelle può essere tanta (specialmente in questo periodo), ma abbiate pazienza e aspettate che il vostro studio di fiducia riapra i battenti.

Una persona su 4 rischia di pentirsi del proprio tatuaggio

A puntare l’attenzione sulla questione “tattoo” è l’Intergruppo Melanoma Italiano (IMI), che in occasione del webinar ‘Il melanoma nascosto nel tatuaggio‘ ha spiegato che a pentirsi del tatuaggio è generalmente una persona su 4. Gli esperti spiegano inoltre che nelle persone ricoperte di disegni è molto difficile riuscire a diagnosticare un’eventuale presenza di melanoma. La diagnosi può infatti essere molto difficile se la pelle è ricoperta dai tatuaggi, poiché diventa più complicato riuscire a individuare un eventuale neo sospetto.

Gli esperti dell’IMI spiegano infine che, oltre ad aver contagiato gli adulti, la moda dei tatuaggi ha coinvolto anche i giovani e i giovanissimi. A quanto sembra, il 7,7% di chi si è fatto un tatuaggio avrebbe infatti fra i 12 e i 18 anni.

Un dato preoccupante, visto che i tatuaggi si possono eseguire solo dai 16 anni in poi ed occorre comunque una liberatoria scritta dei genitori.

via | Ansa
Foto di Annie Spratt da Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews