mercoledì, Giugno 16, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMisteroAlcune cellule cerebrali rimangono attive dopo la morte di una persona

Alcune cellule cerebrali rimangono attive dopo la morte di una persona

Secondo una nuova ricerca, gli scienziati hanno scoperto un nuovo fatto sull’attività del cervello umano dopo la morte di una persona.

Questo fatto è stato scoperto da un gruppo di ricercatori dell’Università dell’Illinois a Chicago. In precedenza, gli scienziati presumevano che tutto nel cervello si fermasse quando il cuore smette di battere. Ma questo studio punta a un risultato diverso.

Mi piace anomalien.com su Facebook

Per rimanere in contatto e ricevere le nostre ultime notizie

Ora hanno scoperto che per alcune ore dopo la morte di una persona, alcune delle cellule del cervello sono ancora attive. E alcune cellule cerebrali aumentano persino la loro attività e raggiungono dimensioni enormi.

Hanno scoperto un fatto nuovo analizzando l’espressione genica nel tessuto cerebrale fresco. Lo studio ha scoperto che l’espressione genica in alcune cellule aumenta anche dopo la morte.

I ricercatori dell’Università della California, in uno studio pubblicato di recente sulla rivista Scientific Reports, hanno analizzato l’espressione nel tessuto cerebrale fresco.

Hanno preso il tessuto durante la chirurgia cerebrale di routine, per simulare l’intervallo post-mortem e la morte. Di conseguenza, hanno scoperto che l’espressione genica in alcune cellule aumenta dopo la morte.

I geni zombi, la cui espressione è aumentata dopo la morte, erano caratteristici delle cellule gliali infiammatorie. I ricercatori hanno notato che le cellule gliali crescono e germogliano in lunghe appendici simili a braccia per molte ore dopo la morte.

Tuttavia, hanno scoperto che un altro gruppo di geni coinvolti nell’attività del cervello umano, come la memoria e il pensiero, si è rapidamente degradato entro poche ore dalla morte.

Un terzo gruppo di geni, chiamati geni zombie, ha aumentato la loro attività nello stesso momento in cui è diminuita l’attività dei geni neuronali.

Lo studio ha rilevato che circa l’80% dei geni analizzati è rimasto relativamente stabile per 24 ore.

I ricercatori hanno inoltre notato che il vantaggio di questi risultati è sapere quali geni e tipi di cellule rimangono stabili. Ci aiuterà anche a sapere quali geni e tipi di cellule sono degradati e quali aumentano nel tempo. In questo modo, ci permetterà di comprendere meglio i risultati della ricerca post-mortem sul cervello.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews