domenica, Giugno 13, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaLa dogana turca sequestra oltre 500 ASIC di contrabbando

La dogana turca sequestra oltre 500 ASIC di contrabbando

Le autorità doganali turche hanno posto fine un’operazione di contrabbando illegale, che introduceva nel Paese dispositivi per il mining di Bitcoin (BTC).

Dopo aver ricevuto una segnalazione, pochi giorni fa le squadre anti-contrabbando e l’intelligence della dogana turca hanno fatto irruzione in un magazzino a Karabağlar, İzmir, dove hanno trovato 501 mining rig ASIC in scatoloni di cartone chiusi.

Le autorità hanno segnalato che il valore stimato dei dispositivi sequestrati ammonta a 5 milioni di lire turche, o 600.000$. Quattro sospetti sono stati arrestati nell’ambito dell’indagine, e i report riferiscono che le forze dell’ordine stanno svolgendo un’altra operazione attiva a Istanbul, la più grande città e un importante centro doganale in Turchia.

Gli Application-Specific Integrated Circuit, o ASIC, sono il modo più popolare per minare Bitcoin, ma sono anche conosciuti per il loro elevato consumo energetico: un problema ben noto che ha spinto Elon Musk a interrompere i pagamenti in Bitcoin per i veicoli Tesla.

Considerata in passato una nazione crypto-friendly, di recente la Turchia ha intensificato il suo monitoraggio delle frodi e delle transazioni crypto. Il mese scorso, l’exchange di criptovalute turco Thodex ha sospeso le attività con oltre 150 milioni di dollari scomparsi, impedendo a migliaia di utenti di accedere ai propri fondi.

Poco più tardi, la polizia turca ha arrestato 62 sospetti nell’indagine su Thodex; un altro exchange locale, Vebitcoin, ha chiuso i battenti in modo simile.

Più di recente, il ministro del tesoro e delle finanze turco Lütfi Elvan ha annunciato che il Financial Crimes Investigation Board, o MASAK, ha piena autorità per controllare e supervisionare gli exchange di criptovalute. Come contromisura per la frode e il traffico di denaro sporco, tutti gli exchange di criptovalute con una presenza in Turchia sono ora obbligati a informare il MASAK di tutte le transazioni crypto superiori a 10.000 lire turche (1.200$).

Gli esperti blockchain e crypto locali concordano che la Turchia ha bisogno di un quadro normativo chiaro per prevenire le frodi nell’ecosistema.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews