domenica, Giugno 13, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaLa modalità notturna dello smartphone non migliora il tuo sonno

La modalità notturna dello smartphone non migliora il tuo sonno

La modalità notturna dello smartphone non migliora il tuo sonno

Quali sono gli effetti della modalità notturna dello smartphone per il sonno? La risposta potrebbe deluderti, ecco cosa spiegano gli esperti

Ammettiamolo, tutti noi utilizziamo lo smartphone a letto. Se non tutti, di certo lo fanno molte delle persone che stanno leggendo in questo momento. Fino ad oggi abbiamo sempre pensato che impostando la modalità notturna nello smartphone, non rischiamo di compromettere la qualità del nostro sonno. Beh, spiacenti di deludervi, ma in realtà le cose non stanno affatto così.

A spazzare via questa nostra piccola certezza ci hanno pensato i membri della Brigham Young University, autori di uno studio pubblicato sulla rivista Sleep Health. Secondo quanto emerso dalla ricerca, impostare la modalità notte nel proprio telefono non influenza minimamente la qualità del nostro sonno, ed è dunque nociva per il riposo tanto quanto lo è la modalità classica.

Modalità notturna dello smartphone e sonno: quali sono gli effetti?

Ma quali sono gli effetti della modalità notturna sul nostro sonno? Per rispondere a questa domanda, gli esperti hanno chiesto a un campione di 167 adulti di età compresa fra i 18 e i 24 anni di sottoporsi a una serie di test che coinvolgevano i loro inseparabili smartphone.

I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi. I membri del primo gruppo potevano dormire almeno 8 ore e avevano la possibilità di usare il cellulare a letto, ma con la modalità notturna. I membri del secondo gruppo potevano usare il telefono con la modalità standard, e infine i membri di un terzo gruppo non potevano portare il cellulare in camera da letto.

Indovinate quali partecipanti hanno dormito meglio? Ovviamente quelli che non avevano lo smartphone a letto.

Ma chi avrà riposato di più fra coloro che utilizzavano la modalità notturna e chi invece non la utilizzava? La risposta vi sorprenderà!

A quanto pare non vi è alcuna differenza in termini di qualità e durata del sonno fra i membri dei due diversi gruppi. Insomma, con buona pace per noi amanti della “modalità notte”, pare che questo piccolo espediente non possa migliorare in alcun modo il nostro riposo!

via | Ansa
Foto di Krzysztof Kamil da Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews