domenica, Giugno 13, 2021
Disponibile su Google Play
HomeScienzaIl morso dei T. rex? Simile a quello degli alligatori

Il morso dei T. rex? Simile a quello degli alligatori

Se volete farvi un’idea precisa di come mordeva e masticava un T. rex, cercate su YouTube il video di un alligatore affamato. Il tritaossa del Cretaceo dilaniava le parti dure delle prede irrigidendo la mascella inferiore come fanno questi moderni predatori: lo rivela uno studio dell’Università del Missouri presentato al meeting annuale dell’American Association for Anatomy.

Flessibili o forti? La ricerca fa luce su un dilemma che da tempo divide i paleontologi. Così come i moderni rettili, infatti, i T. rex avevano al centro della mascella inferiore un giunto intramandibolare, una serie di giunture mobili che permette il movimento e la dilatazione delle fauci. Passate ricerche ipotizzavano che questo giunto fosse flessibile come quello di serpenti e varani, nei quali si è evoluto per permettere di aumentare al massimo il volume della mandibola e ingoiare prede assai voluminose. Altri paleontologi però hanno messo in dubbio questa assunzione, chiedendosi se un giunto flessibile fosse forte abbastanza da permettere di spaccare e ingerire anche le ossa – cosa che i T. rex facevano regolarmente.

Morsi simulati. Gli scienziati statunitensi hanno analizzato con la TAC una serie di fossili di T. rex e di ossa di rettili moderni, e con queste analisi ai raggi X hanno ricostruito un modello 3D delle fauci dei T. rex, la prima ricostruzione di una mandibola di dinosauro che incorpori anche i tessuti molli circostanti, come tendini e muscoli. Usando questo modello è stato possibile simulare il movimento delle mascelle variando di volta in volta il punto scelto come “cerniera”, e calcolando quanta tensione richiedeva sminuzzare le ossa in ciascuna di queste posizioni.

una base ferma e solida. È emerso che un osso posizionato all’interno della mascella, chiamato prearticolare, alleviava lo sforzo esercitato sul giunto intermandibolare quando i T. rex rompevano le ossa con i denti, ma allo stesso tempo manteneva ben salda la mascella inferiore, ancorandola al suo posto. Insomma questo giunto non era flessibile per nulla, e proprio la minore capacità di aprire le fauci a dismisura consentiva di imprimere una forza tritatutto sulle ossa delle vittime.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews